Archive for aprile 22nd, 2010

22 aprile 2010

A che punto è Nibiru

Nibiru è uno dei nomi dati ad un oggetto (o oggetti) presumibilmente orbitante attorno al Sole con un orbita estremamente eccentrica e sghemba. Altri nomi sono Pianeta X, significante “incognito” o “decimo” (pianeta del sistema solare),  e Distruttore. Esistono vari modelli matematici che postulano l’esistenza di un decimo pianeta orbitante il Sole.

Questo pianeta avrebbe un periodo di rivoluzione di 3600 anni. Il suo passaggio in vicinanza, e intersezione, con il piano orbitale degli altri pianeti ingenererebbe un generale scombussolamento  nel sistema solare.

In corrispondenza dell’ultimo incontro si sarebbero manifestati  cataclismi di immane proporzione sul nostro pianeta tali da essere ricordati in antichissimi testi inclusa la Bibbia,  sotto forma di diluvio universale.

Traiettoria ipotizzata del Pianeta X

Esaminiamo sinteticamente le diverse possibilità:

  • Il Pianeta X non esiste o, se esiste, è adesso molto lontano da noi (opzione senz’altro raccomandabile!)
  • Nibiru è una piccola cometa che può intersecare il piano dell’orbita terrestre lontano dalla Terra  (“congiunzione”). In questo caso le conseguenze potrebbero essere minime.
  • O un asteroide il cui influsso sul nostro pianeta dipenderebbe, anche in questo caso,  dalle dimensioni e dalla distanza alla quale intersecherà il piano dell’enclitica.
  • Oppure ancora, lo scenario peggiore.  Il Pianeta X potrebbe essere una “minicostellazione” costituita da un oggetto centrale e da un grappolo di altri corpi orbitanti esso. Tali corpi celesti potrebbero essere così grandi da possedere un’atmosfera. Importante è conoscere la posizione  al momento del passaggio ravvicinato.  Se l’oggetto a quel momento transitasse in “opposizione” (cioè la Terra  tra “Nibiru” ed il Sole) le conseguenze potrebbero essere catastroficamente severe. Anche nel caso Pianeta X sia una grossa cometa. Poiché il nostro pianeta  resterebbe sulla linea di tiro delle interazioni elettriche ed elettromagnetiche tra i due altri corpi celesti.
    Esiste perfino uno scenario più apocalittico. Che il transito avvenga in “congiunzione inferiore” cioè l’oggetto passante molto vicino  al Sole.  Con  la Terra in “opposizione”, ci troveremmo nel mirino di una terrificante  battaglia elettromagnetica tra Titani.  In tale  deprecabile evenienza la fine della specie umana sarebbe  possibile se non probabile.

Se Nibiru è realtà, la chiave di volta per valutarne l’ impatto sul sistema terrestre è legata alla posizione rispetto a noi al momento della sua massima vicinanza al Sole (perielio).
Non ci resta che attendere il 2012!