Nostradamus e la Luna

Nostradamus è la latinizzazione di Michel de Nostre Dame, nome di un medico e astrologo che visse nella Francia del XVI secolo. I dettagli della sua vita sono poco chiari e spesso dibattuti ma sembra che fosse discendente di una facoltosa famiglia di origine ebraica convertita al cattolicesimo.

Michel Nostradamus

Come è risaputo egli scrisse numerose profezie. Molte di queste sono sistemate in indovinelli di quattro righe detti Quartine riunite in un volume chiamato Le Centurie poiché le predizioni sono ordinate in gruppi di cento quartine ciascuno.

Ma cosa può avere predetto Nostradamus dello sbarco sulla Luna? E sulla possibilità che si trattasse di una burla?
Nella Centuria IX, Quartina 65 leggiamo:

1.    Dedans le coing de Luna viendra rendre,

2.    Où sera prins & mis en terre étrange.

3.    Les fruicts immúrs seront à grand esclandre,

4.    Grand vitupère, à l’un grande lounange.

Traduzione e mia interpretazione personale:

1. Entro l’angolo della Luna verrà a rendere,
Sarà reso (= costruito) un angolo di Luna

2. Dove sarà preso e messo in terra straniera,
Dove sarà inviato in una terra “strana” “estranea” (= un paesaggio lunare contraffatto?)

3.    I frutti immaturi faranno grande scandalo,
I “frutti immaturi” (= la tecnologia anni 60 non consentiva tale colossale impresa) genereranno grande clamore una volta scoperta la verità

4.    Grande vituperio all’uno, grandi lodi.
Grande vituperio (= vergogna), per uno grandi lodi (= forse per chi per primo scrisse che lo sbarco sulla Luna fu una beffa?)

Per un caso curioso la virgola nella quarta linea nella traduzione italiana è spostata rispetto all’originale francese cambiandone il senso. Io ho scelto di attenermi all’originale.

Che dire?
Come per tutti i visionari, esiste un problema di ermeneutica.
Le scritture profetiche sono di norma fumose, ambigue, adattabili a un gran numero di eventi. Vi si possono leggere promesse di speranza per alcuni, minaccia e annientamento per altri. Aspettative di distruzione e redenzione, catarsi e rinnovamento fanno parte della religione, sono un tratto culturale, una necessità inalienabile dello spirito umano.
Così sta nella parafrasi del singolo il livello di fiducia in ogni divinazione.

Annunci