Terremoto in Italia nel 2011?

Non può che fare riflettere il grande terremoto, con tsunami,  che ha sconquassato il Giappone l’11 marzo 2011. Le cronache riportano essere stato il più violento della storia nipponica, tale da spostare l’asse terrestre.  Solo il 22 febbraio un sisma d’intensità insolita nella zona aveva creato immensa devastazione nella città neozelandese di Christ Church.

Tra i maggiori fenomeni tellurici registrati della storia alcuni sono avvenuti in anni recenti. Per esempio il terremoto che ha colpito l’Indonesia e Sumatra il 26 (ma da noi era il 25) dicembre 2004. In seguito ci fu un altro disastroso sisma nella zona il 12 (in occidente l’11) settembre 2007 che seguì ad un altro disastroso nel marzo 2005.

Che significato dare a questi eventi?
Esiste un mal di pancia del pianeta Terra? La crosta terrestre scricchiola più del dovuto.
Quali forze endogene o esogene possono essere causa di tutto ciò?

Si può ipotizzare l’avvicinamento di un misterioso oggetto celeste di cui non si ha per ora traccia nel cielo visibile. Il Pianeta X o Nibiru profetizzato da alcuni. O che altro?

Naturale pensare che nel caso esista una escalation dei fenomeni sismici in vista del 2012 questo riguarderà anche l’Italia il cui territorio si trova compresso tra la placca africana e la placca euroasiatica, secondo la teoria della tettonica a zolle.

Logico pensare che in caso avvenga un forte terremoto in Italia nel 2011 questo debba interessare le zone più sismiche cioè la zona compresa tra la Campania e la Sicilia orientale, interessate da intenso vulcanismo e in generale in zone montuose. Meno le pianure in quanto, essendo normalmente costituite da materiale sedimentario, sono in qualche modo protette dagli effetti più violenti dei terremoti, in quanto i sedimenti fluviali tendono ad assorbire elasticamente le onde sismiche più della dura roccia costituente le montagne.

Tuttavia, si tratta d’illazioni poiché, se ci trovassimo di fronte ad un accadimento totalmente nuovo, nessuna previsione sarebbe valida. A meno di non pensare a un terremoto figurato, di ordine politico o economico.

10 commenti to “Terremoto in Italia nel 2011?”

  1. Si può veramente pensare che tutto ciò puo essere vero?
    E se è vero come ci dobbiamo comportare verso questa “catastrofe”?

    • Lei ha usato il termine esatto ‘rivolgimento’. un mondo nuovo ci si para innanzi.
      Come preparsi?
      Volgarmente detto. Coltivare in proprio il cibo, dotarsi di un automobile diesel piuttosto versatile che funzioni anche a olio di semi e che serva da letto se indispensabile (una station). prendere un generatore solare o diesel per fare funzionare quantomeno una lampadina ed il carica cellulare se non un frigo, una sfufetta da campo a legna. La legna da ardere si trova dappertutto mentre gas e elettricità scarseggeranno. Fare scorta di accendini ma non per fumare, varranno quanto l’oro colato. Abituarsi a vivere in tenda come boy scout.
      Ma mai perdere la speranza.

  2. saranno tutti morti ma dio no

  3. I terremoti sono sempre avvenuti… può essere stato quello più forte registrato nella storia DELL’UOMO….ma nella storia del pianeta non sappiamo quali intensità siano state raggiunte. In questo caso la terra sta solo seguendo il suo ciclio. Ci sono zolle che si muovono ed è normale che ci siano terremoti. Gli uomini sono solo pidocchi sulla superficie della terra che pensano di poterla governare. I giapponesi sapevano che le coste del Pacifico sono le più pericolose per terremoti e tsunami…eppure hanno continuato a costruire vicino alle coste. Così come gli americani continuano a costruire in California nonostante predicano che il Big One è vicino. I terremoti sono normali! E’ l’uomo che costruisce in luogh sbagliati!

  4. e ci scommetto che lei è così ignorante che nemmeno mi risponderà!

  5. Sono d’accordo, questo vale anche per chi costruisce in zone golenali.
    Ma stiamo assitendo ad una escalation di catastrofi naturali che potrebbe avere una origine esogena. A questo mi riferisco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: