La curiosità ha ucciso il gatto

Curiosity: parte sabato l’ultima grande missione Nasa per Marte titola il Sole 24ore online.
Aggiungendo: Parte sabato 26 novembre ed è una delle missioni più complicate, se non la più complicata, mai pensata dalla Nasa, che fra disegno e realizzazione ci ha speso 2.5 miliardi di dollari, una cifra che probabilmente non potrà più permettersi per una missione come questa, specie dopo i recentissimi tagli al suo budget, operati dal Congresso nonostante la raccomandazione positiva del presidente Obama.

Assemblaggio di CuriosityNaturalmente Curiosity non scoprirà qualcosa che non sia già stato nascosto abbondantemente. Non svelerà che la pressione atmosferica è assai maggiore di quella che dice Wikipedia altrimenti i paracadute neanche si aprirebbero ad alta quota, se fosse vero che già al suolo la pressione atmosferica marziana è fisiologicamente un vuoto.

Non esibirà le foreste di “conifere” esistenti sul pianeta e Dio solo sa come si sono formate. Non mostrerà l’acqua liquida presenti in abbondanza in vari bacini poiché, grazie al potentissimo effetto serra causato dalla CO2 presente per oltre il 95% in atmosfera (secondo Wikipedia), la temperatura è simile a quella terrestre a dispetto della maggior distanza dal Sole.

Curirosity con combinerà nulla, anzi è probabile che facciano “fallire” la missione com’è avvenuto per la maggior parte delle sonde spedite lassù. Solo il 47% ha avuto successo finora, lo scrive Wikipedia.
O possibilmente, al pubblico diranno che la sonda è andata perduta, svanita, scoppiata, interrotti i contatti, inghiottita dal buio a causa della Maledizione di Marte sulla quale Hollywood speculerà realizzando un film di cassetta. I risultati scientifici rimarranno a pannaggio delle elite dominanti che ne faranno uso per consolidare il potere e indottrinare le folle. Il nome, supporrei, non è stato scelto a caso: un antico proverbio inglese ammonisce non essere troppo curiosi come felini domestici, Curiosity killed the cat.
Curiosity non è curiosa per nulla.

3 commenti to “La curiosità ha ucciso il gatto”

  1. Ancora una volta sono stato preveggente.

    «Una stazione radio americana ha sabotato la sonda russa per Marte»
    Indice puntato contro le antenne del programma Haarp in Alaska, già al centro di numerose «teorie del complotto»] «Una stazione radio americana ha
    sabotato la sonda russa per Marte»
    Indice puntato contro le antenne del programma Haarp in Alaska, già al centro di numerose «teorie del complotto»

    Gli USA non vogliono che si sappia la verità su Marte

    http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/11_novembre_29/sonda-russa-marte-caprara_334c14f4-1a70-11e1-a0da-00d265bd2fc6.shtml

  2. http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/11_novembre_29/sonda-russa-marte-caprara_334c14f4-1a70-11e1-a0da-00d265bd2fc6.shtml

    E notate i boccaloni che commentano sul corriere il cui lavaggio del cervello li obbliga a pensare che tutto quello che dicono e fanno gli americani è vero e giusto al contrario di ciò che dice e fa il resto del mondo

  3. 27 novembre 2011

    Persa Nuovamente La Sonda Phobos-Grunt che Torna Ad Essere Silenziosa

    fonte:

    http://www.link2universe.net/category/il-sistema-solare/marte/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: