Archive for gennaio 22nd, 2012

22 gennaio 2012

Esopianeta della porta accanto

Dicesi esopianeta o exopianeta un corpo planetario orbitante attorno a una stella diversa dalla nostra, il Sole. Finora ne sono stati, si dice, individuati oltre 700.
La cosa viene smerciata come una gran novità ma per uno che conosca il meccanismo di formazione dei pianeti in un sistema solare classico, si tratta di una non notizia.

Si cercano pianeti extrasolari in lontane galassie quando un esopianeta ce lo abbiamo davanti a casa a soli 385mila km di distanza, la Luna. Secondo la teoria esposta da Sotiris Sofias nel libro Il Mistero della Luna, il nostro satellite naturale sarebbe un pianeta interno di  un altro sistema solare portato attorno alla Terra da un’intelligenza aliena.

Mercurio e la Luna in scalaMercurio e la Luna si assomigliano parecchio, tanto da indurre lo scrittore greco a supporre che essa fosse il “mercurio” di un altro sistema solare proporzionatamente più piccolo. La Luna è il 70% di Mercurio il pianeta più interno e infuocato del nostro sistema solare.
D’altronde la Luna che ci fa li?
Nessuno degli altri pianeti di tipo terrestre (Mercurio, Venere e Marte) ha lune, e così grandi e distanti. Marte, si sa, ha due piccoli satelliti, Phobos e Deimos, i quali orbitano vicinissimi ed hanno tutta l’aria di essere asteroidi catturati in orbita piuttosto che lune formatasi mentre si coagulava il pianeta rosso.

Anche le teorie sull’origine della Luna sono far fetched, come dicono gli inglesi, cioè improbabili se non improponibili.
Esistono lune grandi nel sistema solare ma orbitano attorno ai lontanissimi dal sole pianeti gassosi e sono enormemente più piccole, in proporzione, e prossime al loro pianeta madre. La nostra luna invece si erge gigantesca in confronto alla Terra e orbita molto più lontano.
Come diamine c’è finita lassù?
Ma c’è una caratteristica ancora più inquietantemente inesplicabile: la  Luna orbita sul piano dell’eclittica, il medesimo della Terra attorno al sole, e non sul piano equatoriale del pianeta attorno cui ruota. Questa è una massima stravaganza all’interno della meccanica gravitazionale e di massa con cui dalla “zuppa primordiale” si è formato il sistema solare diversi miliardi di anni fa.

Schema dei piani orbitali terrestre e lunareHo trovato questo cartello in cinese che illustra bene il concetto. La linea orizzontale è il piano ideale dell’orbita terrestre. Il piano di rotazione terrestre (equatore) è sfasato di 23° 26’ (ciò fa avvenire le stagioni). La Luna orbita vicino al piano dell’enclitica sfasato di soli 5° 9’ sul lato opposto (ciò rende possibili le esclissi di sole non solo ai tropici). Se la Luna fosse veramente un satellite terrestre, dovrebbe essere molto più piccola e vicina, posizionata sull’orbita equatoriale circa nella posizione indicata dalla freccia del 23 26.

La luna ha un aspetto da pianeta simile a Mercurio, butterato di crateri (a causa della ricaduta degli asteroidi attratti dalla stella cui è molto vicino) e orbita sull’eclittica come un pianeta, oltre ciò, non ha caratteristiche simili agli altri grandi satelliti dei pianeti giganti.
Cosa è davvero la Luna? Selene è il vero esopianeta di cui gli esperti si dovrebbero occupare, che gli scienziati dovrebbero studiare.
Perché non si dibatte sulle ambiguità seleniche?
Perciò sulla vera natura della Luna esiste una congiura del silenzio.