Photoshop in action

Grillo sulla Luna

Questa è la classica immagine che ritrae Buzz Aldrin nel primo storico viaggio sulla Luna.
L’immagine originale è molto più scura e il terreno sullo sfondo quasi annerito. Io ho un libro italiano degli inizi degli anni 70 che riproduce questa bella foto molto diversa da quella che vedere qui sopra. Nella versione originale esiste un forte effetto ‘occhio di bue’ attorno all’astronauta che scompare in queste nuove versioni dell’immagine in cui il terreno è uniformemente illuminato.

Photoshop può fare ‘miracoli’, ma è un genere di sortilegio non destinato a perdurare nel tempo, conttateci.

Aldrin Apollo 11 originale
Ecco come è adesso la immagine etichettata AS11-40-5903

AS11-40-5903 'director's cut'

51 commenti to “Photoshop in action”

  1. Mi sfugge il senso del post, che diavolo ci fa Beppe Grillo sulla luna?

  2. Fa ridere! Come le congetture di Albino e Sofias! 😀

  3. Minchia Albino che bravo che sei con Photoshop. Dove lavoro io cercando grafici potresti mandare questa immagine come esempio di abilità.

    Peccato che hai toppato pesantemente la proporzione e l’angolazione della testa..

    Non so cosa ci faccia Grillo sulla luna, ma trattandosi di un noto bufalaro andrà sicuramente d’accordo con Albino.

  4. Razzista!

  5. Albino, tu sei solo un cazzaro, prendine atto.

      • No, senti chi parla una ceppa, tu continui a dire che perfino tua sorella è capace di fare fotomontaggi impeccabili, ma tu non sai neanche fare un fotomontaggio credibile. Almeno prima impara a usarlo sto cazzo di photoshop, e per inciso, un qualunque esperto di fotografia (non TU, che non sei esperto proprio di un bel nulla) analizzando le foto del LRO si accorgerebbe se l’immagine è stata trattata. Ma se non ti fidi dei fotomontaggi, fai un viaggio in USA e visiona gli originali delle foto, anziché startene in panciolle seduto davanti al PC. Pensi che la Nasa debba venire a casa tua a mostrarteli? Sei solo un ricercatore della verità pantofolaio. Almeno idioti come Sibrel si espongono in prima persona direttamente, anziché starsene seduti a una tastiera. Poi si prendono gli schiaffi che si meritano, ma almeno escono di casa.

  6. Oltre a divertirsi con la foto di quel fuffaro di Grillo, Albino Galuppini ha scritto “L’immagine originale è molto più scura e il terreno sullo sfondo quasi annerito.”

    Albino, anche questa volta ti sei dato la solita legnata sui denti, e hai fatto tutto da solo. Non puoi dire che “l’immagine originale è molto più scura”, perché è vero esattamente il contrario.

    Quando questa foto venne pubblicata le prime volte su libri e riviste, subito dopo il rientro degli astronauti dell’Apollo 11, la riproduzione lasciava molto a desiderare.
    Soprattutto a causa delle tecniche di stampa di quegli anni e del fatto che la NASA forniva alle riviste stampe su carta ottenute da internegativi (chiediti cosa sono gli internegativi), non copie delle diapositive originali e tantomeno gli originali veri e propri.

    Ecco qualche esempio delle stampe che la NASA forniva ai giornali (queste sono ingiallite a causa dell’età)






    Ciò che appariva sulle riviste o sui libri erano quindi immagini molto contrastate, con parti troppo scure e altre bruciate. Spesso i fotolitisti e i cromisti (fatti spiegare da chi ha lavorato in campo tipografico cosa significano quelle due parole) intervenivano con correzioni manuali, “acidando” le pellicole di quadricromia in modo da schiarire o scurire certe zone. Non solo, c’era pure chi aggiungeva ritocchi ad aerografo, accentuando certi particolari. A volte combinavano dei disastri.

    http://complottilunari.blogspot.com/2010/09/era-facile-sospettare-il-complotto.html

    Perché nel 1969 non esisteva Photoshop né niente del genere. Fino alla fine degli anni ’80 per ritoccare le foto si lavorava a mano, con pennelli e inchiostro oppure con l’aerografo. E per le case editrici il ritocco delle foto (non solo quelle lunari ma anche reportage naturalistici o di esplorazione come quelli di Bonatti) era la norma. Perfino le foto-tessera per le carte d’identità venivano ritoccate con pennellini finissimi per “migliorare” l’aspetto dei soggetti.

    La foto originale di Aldrin era storta e non centrata, e lo zaino in alto usciva dal fotogramma, infatti gli astronauti non guardavano nel mirino per inquadrare, puntavano l’obiettivo verso il soggetto cercando di centrarlo, confidando nel fatto che si trattava di un’ottica grandangolare, quindi l’inquadratura era più ampia del normale.
    Così per le pubblicazioni su molti libri e riviste quella foto venne raddrizzata e fu aggiunto del cielo sopra la testa di Aldrin. Ma il forte contrasto rimase. Questa ad esempio è la foto come venne pubblicata da Epoca nel numero del 10 agosto 1969 (l’ho appena fotografata):

    Questa invece è la scansione “grezza” ad alta definizione (4400×4600 pixel) della diapositiva originale non ritagliata e non corretta, ottenuta da questo sito http://eol.jsc.nasa.gov/sseop/mrf.htm

    E questa la versione corretta ad alta definizione che si trova nel sito NASA

    Altro che la tua elaborazione con PhotoShop.

    Come al solito dimostri di non sapere niente di missioni Apollo, niente di fotografia, niente di stampa, niente di fotoritocco….

    Mi viene in mente questa scena:

    • ah, ah… direi K.O. TECNICO alla prima ripresa!! Questo si che è argomentare caro Albino, eh già!! Per quanto riguarda il discorso dei bresciani hai fatto la pipì fuori dal vasino, secondo me.

      • Io sono antibresciano da sempre (puer essendolo genealogicamente).

      • beh allora mi pare quantomeno fuori luogo il sito che lei ha scelto per questa conferenza…..lei è antibresciano da sempre e organizza nella bassa bresciana? A proposito visto che è antibresciano aggiorni il suo “gravatar”, oltre a Esperto Italiano di Beffa della Luna (poi un giorno ci spiega cosa significa) metta appunto “Antibresciano”…

  7. Albino, è inutile che perdi tempo con questi signori che si definiscono “scienziati” senza sapere che i dati da cui attingono sono anch’essi manipolati!!

    Siete solamente degli illusi convinti di avere la verità in mano, per fortuna che quelli come voi saranno i primi ad andarsene a fine dicembre!

    SCHIAVI DI ATTIVISSIMO!

  8. Ho letto per un bel pò senza commentare perchè direi che Albino praticamente si rende ridicolo da solo… ed è insieme triste e divertente osservare a che bassi livelli intellettuali possono arrivare persone come Ettore, Albino e Sotiris.

    Ma alla frase

    “beh, detto da un bresciano, se lei lo è, la razza più ignorante che Dio ha creato, per noin dire altro.”

    Dato che io sono bresciano, direi che mi sento in diritto di rispondere a quest’offesa:

    lei è un povero ometto, Galuppini. E ciò traspare da ogni parola, ogni post, ogni offesa che scrive su questo blog, da tutte le sue inconsistenti accuse, dalle sue inesistenti competenze, dalla sua boria e sufficienza, dai suoi pregiudizi, dal suo reiterare affermazioni già ridicolizzate, dal suo evitare domande dirette e (quando risponde) considerare una qualsivoglia risposta buttata lì conclusiva della discussione… naturalmente in suo favore.

    Un povero ometto che non ha niente di meglio da fare nella vita di mettere in dubbio ciò che uomini infinitamente più grandi di lei han fatto in passato.. senza avere il coraggio di incontrarli di persona.

    Arrivederci.

    • per vedere il livello culturale del bresciano medio basta vedere la ‘performance’ di Laura Maggi alle iene ahahah.

      • Questa è proprio bella e proprio degna di un fuffaro come te Albino, giudichi un’intera città in base ad un’unica persona… di cui conosci solo le foto su internet.

        Sì, sei proprio un cazzaro.

      • Uff, mi scuso, ho postato mettendo il mio indirizzo email al posto del nick, sbadataggine.

        >la cosa è in evoluzione…

        Che cosa, la tua ignoranza o i tuoi pregiudizi sugli abitanti della città? Avanti, mostraci il tuo livello culturale, trova gli stereotipi di tutti gli italiani

      • >lei ha bisogno in un tranquillante si rilassi, la vita è bella anche senza l’uomo sulla Luna…

        Assolutamente no, tu continui ad insultare gente che lavora seriamente e grazie alla quale il genere umano continua a scoprire cose nuove sull’Universo, in virtù di questo ho tutto il diritto di scrivere queste cose. La smetterò solo quando TU smetterai di insultare chi si fa un mazzo tanto anche per te.

      • Ciao Albino, sei solo un provocatore. Perché non lo dici che sei pure tu Bresciano, di Ghedi per la precisione?

  9. Sarebbe interessante un confronto fra una barista che fa credere agli avventori del proprio locale di essere pronta a darla via e un gestore di un Blog che fa credere ai propri lettori di avere la verità in tasca su argomenti su cui evidentemente non ha letto neanche l’introduzione flash di un sito web.

    Emergerebbero diverse forme di ignoranza.

  10. La inviti a venire, la presenta ad Attivissimo.
    perchè si svolgera domenica 20 maggio 2012 il PRIMO CONVEGNO INTERNAZIONALE SULLA BEFFA DELLA LUNA in un noto ristorante della bassa bresciana.
    Lo slogan sarà l’interrogativo: PERCHE’ DOVREMMO CREDERE AD UNA PRODEZZA CHE MEZZO MONDO PENSA SIA STATA UNA FRODE?

    Il programma è da definire. Non so se ci sarà S. Sofias, purtroppo in questi giorni alle prese con seri prooblemi famigliari. Spero ci sia.
    Naturalmente Paolo Attivissimo è invitato come capo dei complottisti, infatti ora considero complottisti coloro pensano sulla Luna ci sono andati.

    • Quindi S. Sofias, che sostiene che gli astronauti, giunti sulla Luna, abbiano trovato prove della presenza degli alieni (quindi secondo lui sulla Luna ci siamo andati… eh!), è un complottista? No, così, tanto per capire…

    • Bel titolo, peccato sia falso. Solo pochi imbecilli credono al complotto lunare. La gente è più intelligente di quanto pensi tu (e la maggior parte più intelligente di te)

      • beh allora verrà a dirmelo in faccia con le prove naturalemtne…

      • Le prove? Questa è bella, visto che qualunque prova ti possa venire portata (e che il buon Diego Cuoghi continua generosamente a portarti) tu continui a ingorare il tutto completamente. Più volte ti è stato fatto notare che quello che dici non è altro che un insieme di stronzate sparate a casaccio frutto della tua ignoranza su determinati argomenti, ma nulla, tu tiri dritto come se non fosse successo nulla convinto della bontà delle sciocchezze che dici. Un qualsiasi barbone che venisse a fare il contraddittorio ad una tua presentazione pubblica ti renderebbe ridicolo. Tra l’altro continui a citare photoshop a sproposito, perché ti faccio notare che: 1) non sai neanche usarlo, e 2) non hai nè le competenze tecniche nè l’occhio fotografico per riuscire a individuare un fotomontaggio. SEI TU innanzitutto che devi portare le prove delle sciocchezze che affermi, e se sono le “prove” che continui a mostrare così orgogliosamente sul tuo blog mi dispiace per te ma sono un mucchio di corbellerie inventate da un incompetente. Per giunta scopiazzate da un idiota: Bill Kaysing. O come cavolo si chiama.

  11. Ho appena spedito quanto segue a P. A.

    Gentilissimo dottor Attivissimo,

    colgo l’occasione per invitarla al PRIMO CONVEGNO INTERNAZIONALE SULLA BEFFA DELLA LUNA che si terrà in un noto ristorante della bassa bresciana domenica 20 maggio 2012.
    Lo slogan sarà l’interrogativo: PERCHE’ DOVREMMO CREDERE AD UNA PRODEZZA CHE MEZZO MONDO PENSA SIA STATA UNA FRODE?
    Le sarà oifferto il modo di dimostrare in un dibattito aperto al pubblico la sua teoria sulla veridicità degli sbarchi lunari.
    I dettagli sono da definire, in ogni caso, l’evento sarà corredato da cena sociale per continuare la discussione in ambiente conviviale.

    La prego di farmi cortesemente sapere se lei è interessato a partecipare ed ogni sua eventuale osservazione in merito.

    Cordiali saluti

    Albino Galuppini

    • Spiega, spiega… gli sbarchi lunari sono una… “teoria” di Paolo Attivissimo??

    • In effetti il titolo non è un granché professionale Albino.
      Soprattutto, se deve essere, un confronto/dibattito alla pari, lo deve essere in partenza, quindi dal titolo.
      Non crede?
      Un classico “Realtà o finzione?” sarebbe molto più professionale, sobrio e corretto. Non crede?

  12. >la sua teoria

    HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA

  13. Comunque, non vedo l’ora di vedere la egistrazione della serata

  14. Albino Galuppini ha scritto: “Lo slogan sarà l’interrogativo: PERCHE’ DOVREMMO CREDERE AD UNA PRODEZZA CHE MEZZO MONDO PENSA SIA STATA UNA FRODE?”

    ———–

    Io aggiungerei quest’altro interrogativo:
    Quante persone sane di mente potrebbero mai aver voglia di partecipare ad un convegno che si annuncia in un modo così demenziale?

  15. Albino Albino…. la tua ignoranza sulla fotografia è veramente siderale. Magari nessuno te l’ha detto (tanto tu lo sai, quindi a che ti serve), ma per poter essere pubblicata una foto richiede degli “aggiustamenti” specialmente cromatici, ma anche e soprattutto di taglio dell’inquadratura. Cose che si facevano BEN PRIMA di Photoshop.

    Ti sei dimenticato la foto del 1975 che ho linkato qui e tu hai definito “photoshoppata” vero?

    Poi, se tu ti informassi, cosa che ovviamente non fai e non hai mai fatto, sapresti che quella foto è stata raddrizzata, perchè l’immagine originale, che tra l’altro linki pure, era inquadrata male. E, caro espertone, se cerchi una copertina dell’epoca dedicata all’evento scopri che …. LA FOTO ERA GIA’ STATA RADDRIZZATA. http://www.utexas.edu/opa/blogs/research/files/newswk1.gif

  16. Nessun commento, come sempre quando gli si presentano prove tecniche davanti.
    Le conoscenze di albino si fermano alla terza media

    • Questo mi fa pensare che all’incontro quando Paolo mostrerà tutta la documentazione tecnica dell’Apollo il povero Albino farà scena muta

  17. O scena muta, o citerà quell’altro genialoide che sbraita “i dati da cui attingono sono anch’essi manipolati!!”.
    Seguirà scena muta alla richiesta di dimostrazione della minchiat…. ehm, dell’affermazione.

    • quello che non capite è che ciò che va dimostrato è il viaggio, non la sua negazione. altrimenti si crede a tutto! ma voi scienziati usate il metodo scientifico come volete voi. continuate pure, vi renderete conto troppo tardi

      • A me hanno insegnato un metodo diverso per Controbattere una tesi di cui vengono fornite prove in quantità industriale.

        Fornire una e dico una prova che la tesi sia falsa e/o infondata. Quindi l’onere e’ al momento in mano a chi afferma che il viaggio (e poi il conseguente sbarco) non avvenne.
        Tutto cio’ che e’ stato scritto e detto a tal proposito non e’ mai stato supportato ne da prove ne da fatti concreti, solo ipotesi, mezze frasi, teorie basate su idee piu’ o meno fantasiose, prove manco mezza.

        Non si tratta di credere o non credere, questo e’ libera scelta, si tratta di scienza.
        Vogliamo fare una scommessa ?
        Se quest’anno festeggiamo tutti insieme il capodanno vi togliete dai coglioni, se i maya, come vai cantando vedranno avverata la loro premonizione (sulla quale se tu avessi letto un po’ di documentazione capiresti quanto non avete capito unA cippa nemmeno su questo argomento) diventiamo tutti adepti di Albino e passeremo il resto dei nostri giorni a leggere i libri di Zorba a ripetizione (in lingua originale) e in ginocchio sui ceci (in streaming mondiale)!
        Accetti la sfida?

      • Mostrare il viaggio? Caro il mio fuffaro, lo hanno già fatto, in diretta televisiva pure, hanno reso anche di pubblico accesso tutti i dati degli allunaggi, tutti i manuali della navicella Apollo, dei motori del Saturn V, del Saturn V stesso, tutte le foto in alta definizione scattate durante le missioni, tutti i dati e i materiali raccolti, le centinaia di kg di rocce lunari riportate a terra, e vieni a dirmi che ti devono mostrare il viaggio? Caro mio, anziché farfugliare di complotti e di fotomontaggi i complottisti devono fare una cosa molto semplice: studiare TUTTO il materiale delle missioni Apollo e sbugiardare qualche incongruenza. Ma poiché questa operazione è troppo faticosa preferite cianciare di cose che non conoscete.

      • E, per inciso, ancora nelle vostre menti bacate non entra in testa una cosa piuttosto banale che continuate a trascurare: alla Nasa dei complottisti non gliene frega nulla, non sa neanche che cosa andate in giro a cianciare, e non ha alcun interesse a stare dietro i vostri deliri semplicemente perché non ha alcuna importanza quello che andate cianciando. Loro fanno ricerca, e grazie al loro lavoro e a quello degli enti spaziali conosciamo sempre più cose dell’Universo e del nostro pianeta. Voi complottisti non fate un cazzo.

  18. Oscuripresegi: le balle. Sei TU che sostieni una tesi diversa da quella che è universalmente riconosciuta come “realtà”. Sta a TE dimostrarla. Altrimenti è troppo facile. Galileo ha DIMOSTRATO che la Terra gira attorno al Sole. Non sono stati gli altri a dover fornire prova del contrario. Eratòstene DIMOSTRO’ che era sferica.
    Altrimenti non dovrebbero essere gli scienziati di LHC a dover DIMOSTRARE che esiste il bosone di Higgs, ma tutto il resto del mondo scientifico a dimostrare il contrario.

    Questa è pura ignoranza…

  19. Spero di esserci. Perché a me la gente stupida come la merda incuriosisce molto, e Albino Galuppini merita pertanto di essere guardato da vicino.

  20. Hai visto che sulla luna ci sono anche i russi galuppini?

    O “sono fotoscioppati che anche tua sorella è capace di fare meglio”?

    http://www.lroc.asu.edu/news/index.php?/archives/537-Lunokhod-2-Revisited.html#extended%20

    Le domande a cui rispondere si accumulano galuppi’, forse ti conviene fare uno schemino, magari alla lavagna coi pennarelli cancellabili, che le robe che fai al computer…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: