Archive for agosto 8th, 2012

8 agosto 2012

Consigli immobiliari aristocratici e antisismici

Palazzo Bolis Gualdo a Milano, Palazzo Diedo che affaccia sul Canal Grande a Venezia, la caserma “S. Mamolo” di Bologna e perfino un castello, quello Orsini di Soriano del Cimino, “costruito da un Papa e in seguito usato come prigione”. Sono solo alcune delle 350 residenze da sogno, valore stimato 1,5 miliardi di euro secondo l’Agenzia del Demanio, che lo Stato italiano mette sul mercato e che conquistano un’intera pagina sul Wall Street Journal.

“Per gli investitori che bramano di possedere un palazzo italiano, un castello o un altro immobile storico, adesso potrebbe essere il momento di colpire”, scrive il quotidiano finanziario, che ricorda come “il piano per l’economia del primo ministro Mario Monti, vicino al passaggio finale, includa la vendita di 350 edifici, insieme ai tagli alla spesa pubblica e altre misure di austerity”.

Le agenzie governative, afferma il Wsj citando un report del capo economista della Cdp, Edoardo Reviglio, hanno un portafoglio di immobili del valore di circa 42 miliardi di euro e “trasformare queste proprietà in contanti sarebbe una strada rapida per far salire le entrate”.

Tuttavia, il quotidiano elenca anche le difficoltà di realizzazione del piano di dismissioni: la crisi dell’euro, che allontana gli investitori istituzionali da Paesi come Italia, Spagna e Grecia, la burocrazia italiana “notoriamente lenta”, le necessarie ristrutturazioni, le difficoltà di trovare inquilini interessati in tempi di recessione. (Fonte: Sole 24ore)

Una ex caserma in vendita a Bologna

Le elite dominanti, come le chiamava Antonio Gramsci, sono più lungimiranti di voi sapendo che il sistema finanziario globale sta per implodere, perciò mettono i loro “sudati risparmi” al sicuro. Già costoro non pagavano l’ICI e i cretini dicevano che era colpa della Chiesa. Oggi la Chiesa paga l’IMU mentre costoro non la pagano perché ancora una volta il parlamento ha esentato le “dimore storiche” dalla supertassa immobiliare. Ora, dal loro governo si fanno svebdere degli immobili di valore storico perché, fidatevi, i veri ricchi, gli aristocratici intendo dire, non gli industrialotti scemi arricchitisi in pochi anni, loro mica abitano le villette a schiera con i muri di pastafrolla nei quali si sente tirare lo sciacquone tre “civici” più in la.

Questo post serve per farvi notare che di edifici antisismici non ne servono di nuovi. Basta impossessarsi di robusti palazzi e casali antichi, non necessariamente costosi  e prestigiosi come quelli che Mario Monti sta cedendo ai suoi burattinai. Sia chiaro, anche vecchi cascinali e rustici di montagna possono benissimo avere resistito, durante la loro esistenza, a terremoti di forte intensità mentre i capannoni degli ebeti neoarricchiti collassano miseramente alla prima scossetta.

Castello Orsini a Soriano nel Cimino (VT)

Castello Orsini a Soriano nel Cimino (VT) uno dei ‘gioielli’ dello stato che finirà a qualche riccone. Finito di costruire nel 1278. Quante scosse telluriche avrà subito nel frattempo?

ADDENDUM
Ristrutturazioni

La detrazione Irpef del 36% sulle ristrutturazioni edilizie, a decorrere dal 1° gennaio 2012, viene aumentata al 50% fino al 30 giugno 2013. Viene anche incrementato l’importo massimo delle spese agevolate, che passa da 48mila euro a 96mila euro. Fonte: Sole 24ore.

Montre il loro governo tartassa i poveracci, per i loro nuovi possedimenti immobiliari si sono fatti abbassare la tassazione sulle ristrutturazioni.