Archive for marzo 5th, 2013

5 marzo 2013

La popò degli astronauti

Trovo questo curioso articolo che cita un progetto di viaggio su Marte, intitolato Il viaggio verso Marte utilizza la popò degli astronauti come protezione dalle radiazioni:

http://www.newscientist.com/article/dn23230-mars-trip-to-use-astronaut-poo-as-radiation-shield.html

Traduco i primi capoversi:
L’uomo e la donna a bordo della missione Inspiration Mars, destinata a sorvolare il pianeta rosso nel 2018, dovranno stare alle strette, soffrire di atrofia muscolare e di potenziali stati di depressione. Tuttavia, i maggiori rischi per la loro salute deriveranno dall’esposizione ai raggi cosmici. La soluzione? Foderare lo scafo dell’astronave con acqua, cibo ed i loro stessi escrementi.
“Suona un poco nauseante, ma non si sa dove mettere questo materiale, e funziona egregiamente come scudo dalle radiazioni” dice Taber MacCallum, membro della squadra formata dal miliardario Dennis Tito, il quale ha annunciato l’avventuroso proposito all’inizio di questa settimana.

Ralph Renè, nel suo libro Nasa mooned America, e Bill Kaysing, nel suo libro Non siamo mai andati sulla Luna, hanno più volte sottolineato non solo la pericolosità del vento solare intrappolato dalle fasce di Vam Allen. I due autori hanno sovente citato anche i raggi cosmici dai quali le navicelle Apollo non avevano in pratica schermatura. Oggi, per un presunto e irrealizzabile viaggio su Marte s’ipotizzano le soluzioni più fantasiose per fare fronte al pericolo della radiazioni nello spazio.
Naturalmente poi, questo progetto è una barzelletta. Non ci sarà nessuna spedizione umana verso Marte nel 2018, ne mai. Per un viaggio di 15-18 mesi occorrerebbe tanta di quell’acqua, cibo vero (lo stomaco non può resistere con pasticche per così tempo), ossigeno, medicinali, depuratori d’aria e acqua nonchè carburante da rendere imporponibile un’avventura del genere.

L'astronave Inspiration Mars di Dennis Tito