Archive for giugno, 2013

28 giugno 2013

UFO International Magazine – giugno 2013

In edicola il numero di giugno 2013 di UFO International Magazine, la prestigiosa rivista ufologica diretta da Roberto Pinotti. Il giornale ospita, tra gli altri, un mio articolo sulla misteriosa operazione navale Argus del 1958. Si tratta probabilmente del primo lavoro storico-scientifico a livello mondiale che correla gli esperimenti atomici condotti in alta atmosfera con le anomalie del campo magnetico, in particolare con l’Anomalia del Sud Atlantico (SAA). Buona lettura!

UFO International Magazine - giugno 2013L’articolo, unico in italiano, è ora contenuto nel mio libro LA LUNA DI CARTA.

James Van Allen - radiazioni nello spazio

Il prof. James Van Allen dell’università dell’Iowa al tempo della scoperta delle cinture magnetiche attorno alla Terra dette ‘fasce di Van Allen’ (a destra).

Annunci
25 giugno 2013

Le nuove stelle di Broadway

Chi se lo sarebbe aspettato mai, le nuove fotografie delle antiche missioni Apollo si arricchiscono di particolari inediti: le stelle. Questa sotto è un’immagine appena salvata dal sito della Nasa, si dice scattata dal comandante  Frank Borman dell’Apollo 8, la vigilia di Natale del 1968. Ma se osserviamo le molteplici riproduzioni di Earthrise nel corso dei decenni, le stelle non sono mai spuntate come evidenziato da Wikipedia stessa. Come si fa a svelare l’arcano? Semplice, quei ritardati della Nasa hanno letto il libro di Bill Kaysing e con un certo ritardo, grazie al CGI, si sono dati una mossa. La classica storia però della pentola senza il coperchio, o no?

Earthrise - 24 dicembre 1968https://www.google.it/search?client=firefox-a&hs=SCG&rls=org.mozilla:it:official&q=apollo+8+borman+earthrise+1968&bav=on.2,or.r_qf.&bvm=bv.48293060,d.bGE&biw=606&bih=306&um=1&ie=UTF-8&hl=en&tbm=isch&source=og&sa=N&tab=wi&ei=ivbJUfTiMZL14QSnrIHABw#um=1&client=firefox-a&hs=9ra&rls=org.mozilla:it%3Aofficial&hl=en&tbm=isch&sa=1&q=apollo+8+borman+earthrise+1968+Christmas+eve&oq=apollo+8+borman+earthrise+1968+Christmas+eve&gs_l=img.3…383994.389040.0.389567.14.14.0.0.0.0.140.1188.12j2.14.0…0.0…1c.1.17.img._FhkZzfxc-M&bav=on.2,or.r_qf.&bvm=bv.48293060,d.bGE&fp=d9dfd6ab0416de66&biw=606&bih=306

Earthrise presa da Wikipedia in cui le stelle non ci sono

21 giugno 2013

Forte scossa di terremoto tremano Nord e Centro

Terremoto di magnitudo 5,2 scuote l’Italia. Tremano nord-centro. Paura e gente in strada in Emilia, Toscana, Lombardia, Piemonte, Liguria e Veneto. La magnitudo è di 5.2, l’epicentro è stato localizzato a due chilometri da Fivizzano (Massa Carrara), a dieci chilometri di profondità.

Come scritto nel post precedente e illustrato nell’immagine animata sottostante, la interazione gravitazionale tra Sole e Luna in opposizione aumenta le forze di marea e lo stress sulla crosta terrestre, come sostenuto anche dal sismologo faentino Raffaele Bendandi. In questo periodo l’azione gravitazionale è intensificata dalla particolare vicinanaza del satellite naturale terrestre (perigeo) in luna piena cioè “superluna”. Il sisma è avvenuto alle 12:33 in prossimità della massima altezza del Sole, quindi con la maggiore attrazione gravitazionale sulla penisola italiana.

AGGIORNAMENTO (24 – 6 08:01) La scossa iniziale delle 12:33 ha dato origine ad uno sciame sismico di assestamento incentrato sulle Alpi Apuane di intensità 2-3 gradi della scala Richter.  La giornata del 22 giugno 2013 si chiude con 246 terremoti registrati in tutta Italia, che sommati ai 241 del 21 Giugno sono 487 scosse in due giorni. Il 24 giugno già 47 scosse.

Superluina

19 giugno 2013

Superluna e il terremoto “catastrofico”

Siamo entrati in piena “superluna”, prevista il 23 giugno, quindi divampano le pseudoprofezie su di un presunto sisma possibile in Italia addirittura di rango “catastrofico”. Queste previsioni hanno unicamente valore probabilistico in riferimento al fatto che (per grazia ricevuta) in Italia non si manifestano eventi sismici distruttivi dai tempi dell’Irpinia, il 23 novembre 1980, terremoto devastante che seguì di solo 4 anni quello altrettanto disastroso del Friuli del 6 maggio 1976.

Questa asserzione deriva da una cattiva conoscenza del calcolo delle probabilità. Facciamo un banale esempio con i 90 numeri del lotto: il fatto che un numero non esca da un sacco di estrazioni, non significa che abbia probabalilità maggiore di uscire, dato che, se l’estrazione è tecnicamente regolare, ciascun numero ha sempre e solo una possibilità su 90 di venire estratto. L’estrazione corrisponde al rilascio di energia potenziale nel sottosuolo per cui non dato facilmente sapere se essa sarà liberata in una o due violentissimee scosse o in una miriade di scossette da poco come avvenuto recentemente ad Acicastello in Umbria.

E’ sempre un problema di sistema di riferimento: per noi “catastrofe” significa perdita di molte vite umane. Se un terremoto avviene in alto mare o in montagna con pochi danni, esso non è “catastrofico”. Se un sisma non provoca vittime, neanche viene raccontato nei tg di prima serata. E’ la nostra mentalità antropocentrica che lo impone. Eppoi bisognerebbe rammentare che su scala geologica, la statistica sui fenomeni tellurici dovrebbe coprire migliaia di anni quantomeno e non qualche decennio.

Invece è interessante monitorare, in questi giorni, l’attività globale sismica in rapporto al “tiro alla fune” gravitazonale tra Sole e Luna che si trovano diametralmente opposti alla Terra in coincidenza con il solstizio d’estate. Questo stress sulla crosta terrestre potrebbe generare sismi di svariate magnitudo. Stiamo ad osservare se esiste un riscontro statistico.

Carta sismica dell'Italia a lettura facilitata - Clicca per ingrandire

18 giugno 2013

La terza guerra mondiale

La prima guerra mondiale (1914 – 1918) incominciò in stile ottocentesco: con la fanteria, la cavalleria e la marina come principali divisioni delle forze armate come ai tempi di Napoleone Bonaparte. Le battaglie si conducono dalle trincee protette da “cavalli di Frisia” in un’estenuante alternanza di avanzate e ripiegamenti, tramite assalti alla baionetta con fucili e mitragliatrici che mietono vittime tra muli e cavalli quanto fra i soldati. Durante la Grande Guerra furono sviluppate due importantissime nuove armi strategiche: l’aviazione e il carro armato oltre ai mezzi militari alimentati a motore a scoppio. Nel ventennio intercorso tra la prima e la seconda guerra mondiale (1919 – 1938), le armi aeree e i mezzi corazzati sono spettacolosamente migliorati. La strategia militare ora s’impernia sui cacciabombardieri, carri armati e sottomarini che raggiungono prestazioni solamente immaginate dagli scrittori di fantascienza di 30 anni prima. A guadagnarci sono gli equini addestrati per gli eserciti che quasi disparvero.

Tuttavia, l’arte della guerra non conosce indugio. Durante la seconda guerra mondiale (1939 – 1945), ulteriori terrificanti armamenti sono resi disponibili: la bomba atomica e i velivoli con propulsione a reazione e a razzo oltre all’utilizzo del radar. Le tecnologie sviluppate durante tale periodo diedero il via al prodigioso sviluppo economico e tecnologico del decennio succesivo e che termina oggi in cui inizia la nuova era digitale globale di cui la rete internet ne costituisce la spina dorsale. Negli anni 50 si assistette al decollo, anche in senso letterale, dell’aviazione civile con gli aviogetti, col traffico nei cieli controllato dai radar, delle trasmissioni raddio su larga scala, della televisione, della missilistica per esplorazione spaziale, tutte tecnologie sviluppate a scopo bellico.
Se il secondo conflitto mondiale terminò a colpi di bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, con quali armi inizierà la terza (ed ultima) guerra mondiale? L’ultima superpotenza rimasta, gli USA, a mio parere ha estremo bisogno di una guerra mondiale in modo da azzerare il suo astronomico debito estero virtualmente impagabile inispecie con la Cina che li obbliga a trovare un espediente per fare tabula rasa anche della convertibilità del dollaro con l’oro, tecnicamente “sospesa” ma mai annullata. Gli amricani manco sanno quante banconote del biglietto verde ci sono in giro per il mondo considerando per legge che i biglietti di banca emessi dalla Federal Reserve non vanno mai fuori corso. Non si possono assolutamente permettere che la loro divisa perda il ruolo dominante di moneta di scammbio globale e unico riferimento per la prezzatura delle commodities.

Come ha evidenziato il recente scandalo svelato da Edward Snowden, gli Stati Uniti attraverso internet spiano Cina e Hong Kong. Io lo scrivevo 5 anni fa. Lo scopo è verosimilmente di studiare un casus belli atto a giustificare un attacco nucleare efferato contro la Cina che è il suo massimo creditore. Se non puoi saldare un debito, devi ammazzare il creditore per estinguerlo, la scelta diviene inevitabile se hai gli arsenali pieni e i forzieri vuoti. La Cina, dati marzo 2013, possiede 1250 miliardi di dollari di debito pubblico statunitense corrispondente al 22% dei 5680 miliardi in mano a investitori stranieri. Secondo me, gli USA stanno destabilizzando l’intera fascia submediterranea onde generare gigantesche ondate migratorie di giovani verso l’Europa per ammorbarne la forza economica e minarne la moneta unica. Difficile pensare pure che un conflitto mondiale possa esludere Israele.

La rete intenet è stata disegnata per concentrare nelle mani di pochi il potere e l’informazione. I gangli vitali della rete si trovano negli Stati Uniti che la impiegano per rafforzare la loro supremazia planetaria. Questo è il motivo per cui, anche nell’Italia terminalea, i pupazzi al soldo della Casa Bianca inneggiano ossessivamente al “web”, alla “banda larga”, alla “cittadinaza digitale” e a Barak Obama. Del resto egli stesso, primus inter pares delle marionette, difende l’opera di spioneggio effettuata dal suo governo in dispregio delle sovranità nazionale altrui. Ovvio, chi sa che per sopravvivere dovrà compiere un atto disperato e riprovevole non si farà scrupolo di nulla. Sto osservando il progressivo abbandono dei clienti di posta elettronica in favore della webmail, probabilmente in questo modo le mail sono sempre accessibili alla CIA nei server di posta. Altrimenti i “terroristi” potrebbero inviare e scaricare posta elettronica per poi subitamente sconnettersi dal web. Inoltre, se ci avete fatto caso, Google e altri strumenti di dominio globale chiedono sempre più assiduamente ai loro utenti di fornire anche data di nasciata esatta e numero di cellulare.
Se la terza guerra globale si conbatterà con ordigni atomici e internet, quando scoppierà? Presumibilmente attorno al 2015 – 2017, quando la situazione debitoria statunitense diverrà platealmente insostenibile e i cinesi paleseranno che in cambio delle loro carabattole hanno ricevuto una montagna di carta straccia, sotto forma di titoli del tesoro ameriano. Non ci resta che attendere i nuovi “venti di guerra”, radioattivi stavolta.
ADDENDUM Probabilmente, dopo l’apocalisse atomica, si stabilirà un governo unico mondiale (sede a New York ONU-USA, UNUSA) il cui primo compito sarà il totale bando nonchè smantellamento integrale di tutte le armi nucleari rimanenti sul pianeta.

16 giugno 2013

Gli USA impiegano la NASA per la disinformazione

L’ Europa Occidentale potrebbe essere colpita da una intensa eruzione solare nei prossimi mesi
Il Solar Dynamics Observator, che dipende dalla NASA, ha notato un enorme buco coronale sulla superficie del sole. Questo fenomeno crea dei potenti venti solari che viaggiano dal sistema solare verso al terra. Nella maggior parte dei casi fanno apparire delle Aurore Boreali, soprattutto vicino il Polo Nord, ma provocano anche delle interruzioni di corrente, come accadde in Quebec nel 1989 e dei disturbi ai sistemi satellitari. La Nasa ha dichiarato che nei prossimi due mesi si aspetta che l’enorme buco coronale sia la causa di molti problemi per i telefoni mobili e sitemi GPS. La zona che verrà maggiormente colpita,secondo i loro calcoli, sarà l’Europa Occidentale che racchiude gli Stati di Austria, Belgio, Francia, Germania, Liechtenstein, Lussemburgo, Monaco, Paesi Bassi e Svizzera.

http://www.centrometeoitaliano.it/nasa-possibili-forti-tempeste-solari-in-europa-occidentale-14-6-2013/

Questa è la classica notizia che prova ciò che vi sto dicendo da tempo: la Nasa è un ente truffaldino che gli Stati Uniti impiegano per rinsaldare il loro dominio planetario (L’ultima superpotenza rimasta) tramite la disinformazione sistematica in tutti i campi. Le tempeste solari (flare) sono eventi assolutamente imprevedibili e ancora più ridicolmente fasullo è anticipare quali parti del globo terrestre sarebbero interessate. Un brillamento solare è un fenomeno di proporzioni interplanetarie che, anche fosse prevedibile, investirebbe tutto il pianeta, da polo a polo.  Se dura poche ore, viene colpita la parte in quel momento illuminata,  non l’altra, ma farneticare di geografia è azione totalmente irresponsabile.
Riguardo agli stati menzionati nell’elenco, non si può fare a meno di osservare che si tratta dei componenti del futuro super stato europeo (Stati Uniti d’Europa) meno i PIGS (Portogallo, Italia, Grecia, Spagna) e tranne il Regno Unito il quale non solo non ha mai avuto intenzione di adottare l’euro e non partecipa al ESM (fondo “salva stati”) ma vedrete che lo faranno uscire dalla UE. Mentre a noi “maiali” referendum su UE, ESM, euro, guerre infinite all’Islam, schiavitù bancaria non ce li lasciano fare. Notate pure come loro intendano incorporare la Svizzera e il Principato di Monaco nella “unione sovietica occidentale”. Secondo voi, la rottura di una bolla di plasma solare che genera un flare grande molte volte il pianeta Terra, affliggerebbe puntualmente Montecarlo?!

 Rapporto in dimensione tra Terra e brillamento solare

14 giugno 2013

Il Battesimo di Cristo

Il Battesimo di Cristo, datato 1710, è un dipinto del pittore fiammingo Aert De Gelder (Dordrecht, 26 ottobre 1645 – Dordrecht, 27 agosto 1727). Esso ritrae Giovanni il Battista che battezza Gesù di Nazaret detto il Cristo, l’unto dal Signore. Si tratta di un noto episodio evangelico. Interessante notare come sia la luce emessa da un iconico disco volante argenteo a illuminare la scena. Il quadro, conservato nel museo Fitzwilliam a Cambridge, risale a ben prima della moderna ufologia e ben prima delle teorie sull’intervento extraterrestre sul genere umano sembra descritto in antichissimi testi, sacri o meno, incluso il Vecchio Testamento. Certamente un dipinto da guardare con attenzione.
Il Battesimo di Cristo - Aert De Gelder  1710

12 giugno 2013

Nuove foto dettagliatissime della Luna confermano gli sbarchi lunari


Il Lunar Reconnaissnce Orbiter (LRO) ha catturato le foto più nitide finora mai viste dei luoghi degli allunaggi dell’Apollo 12, 14 e 17.
di: Gian Mattia Bazzoli
I complottisti rimarranno delusi: siamo stati sulla Luna e alle numerose prove (se mai ce ne fosse ancora bisogno) si aggiungono delle nuove foto, con dettagli incredibili, riprese dal Lunar Reconnaissnce Orbiter (LRO), il satellite della NASA che dal 2009 sorvola la Luna. Nelle settimane scorse, infatti, la NASA ha abbassato volutamente l’orbita del satellite dagli abituali 50 km di altezza a soli 21, e gli ha fatto sorvolare i luoghi di allunaggio delle missioni dell’Apollo 12, 14 e 17 per ben 28 giorni. Questo è il risultato: le foto raccolte riprendono, con un dettaglio mai visto prima, le orme degli astronauti, i lander rimasti sulla superficie lunare, le tracce della “moon buggy” (l’automobile elettrica usata in alcune missioni) e gli strumenti scientifici utilizzati per gli esperimenti e abbandonati sulla Luna. (Focus.it)

Questo Gian Mattia Bazzoli quantomeno pecca d’ingenuità. Secondo costui la NASA, la quale in teoria condusse la conquista della Luna, potrebbe dimostrare qualcosa di diverso!? Mentre il tempo passa, sempre più gente nel mondo dubita degli sbarchi lunari, il governo degli Stati Uniti ha quindi sempre più urgenza di sostenere la menzogna. Tutte queste “manovre” del LRO sono un pallido rifugio per la coscienza sporca della NASA. Ho anche scritto più volte che, a differenza di ciò che pensano i sempliciotti, Giappone, Europa e India sono colonie degli USA, infarcite come sono di basi militari statunitensi. Logico che nessuna sonda giapponese, indiana o europea sarà mai in grado di smentire la Casa Bianca. Come ho scritto diverse volte, anche nel mio libro LA LUNA DI CARTA , con le moderne tecniche CGI computerizzate, i cospiratori sono in grado di produrre qualsiasi immagine manipolando ogni filmato.
Articoli di approfondimento: L’ultima superpotenza rimasta

https://i0.wp.com/www.nasa.gov/sites/default/files/images/584398main_M168353795RE_25cm_AP12_area.jpg

10 giugno 2013

Il caso Zanfretta

Uno dei più clamorosi eventi ufologici successi in Italia fu il “caso Zanfretta” nel dicembre 1978. Un metronotte di nome Pier Fortunato Zanfretta, mentre eseguiva il suo normale giro di perlustrazione notturna nella zona di Genova, fece un incontro che cambiò per sempre la sua vita. Il caso Zanfrettadocumentario integrale di Alessandro Zavattero con Rino Di Stefano. Buona visione!

8 giugno 2013

L’asteroide di domani

2013 LR6 appena scoperto passerà vicino alla Terra domani 8 giugno.
Un asteroide delle dimensioni di un camion, appena scoperto (giovedì 6 giugno) domani passerà abbastanza vicino al nostro pianeta, alle 4:43 UTC (6:43 ora italiana).
La roccia spaziale sembra essere grande più o meno come la meteora russa, esplosa il 15 febbraio scorso nei cieli della provincia di Chelyabinsk, negli Urali. L’asteroide russo era di circa 15 metri di diametro, prima che esplodesse a circa 20-25 chilometri sopra la superficie terrestre.
Questo flyby non sarà vicino come quello di 2012 DA14, passato a 27.700 chilometri sopra l’oceano Indiano Orientale, al largo di Sumatra, casualmente lo stesso giorno dell’evento avvenuto in Russia, ma comunque abbastanza vicino per gli standard. Avvistato dal Catalina Sky Survey, un progetto di ricerca presso l’Università dell’Arizona, passerà a 111.000 chilometri, ossia 0,29 distanze lunari, a 9,8 chilometri al secondo. Chiamato 2013 LR6 è considerato un oggetto planetario minore, il 167° scoperto nel mese di giugno 2013! Un numero a dir poco sorprendente, considerato che il mese è appena iniziato! 2013 LR6 dovrebbe attraversare la costellazione della Vela durante il suo massimo avvicinamento ma sarà un debole puntino, con una magnitudine non più bassa di +13.

Osservate come un asteroide appena scoperto sia già transitato, dimostrando che tutta la prosopopea sulla possibilità di prevedere e prevenire l’impatto di asteroidi sulla Terra (e Luna) è frutto di fantasia. Anche un oggetto di dimensioni discrete come ISON, la cometa del millennio (5 km, ufficialmente), non sarebbe minimamente rinvenibile in tempo utile, sebbene la caduta di un asteroide di tale stazza avrebbe conseguenze catastrofiche sull’intero nostro pianeta.

2013 LR6 passerà vicino alla Terra domani 8 giugno

6 giugno 2013

I fili delle marionette


Per i cospiratori, che inscenarono lo sbarco sulla Luna, riprodurre la bassa gravità selenica non fu poi così complicato. Probabilmente si servirono di palloni gonfi d’idrogeno cui gli astronauti erano appesi per la collottola tramite fili (immagine in basso). I cavi erano sicuramente sottili e robustissimi simili a quelli sviluppati per la pesca d’altura a grossi capi come il marlin. L’enorme cellula fotoelettrica che simulava il Sole era tuttavia talmente potente che in qualche immagine “lunare” fa scintillare i fili smascherando la beffa.
Libri di approfondimento: LA PENNA PIÙ VELOCE DEL WESTLA LUNA DI CARTA.

Cavi che sorreggono gli astronautiRicostruzione di un ambiente lunare

4 giugno 2013

Viaggio nell’interspazio

Stasera un interessante, sebbene poco noto, film angloamericano sulla conquista dello spazio:  Viaggio nell’interspazio (1953) film completo in italiano. Diretto da Terence Fisher con Howard Duff ed Eva Bartok. Notate come la tecnica di volo spaziale, descritta nel 53, sia già stata fissata: ascesa con razzo a più stadi e ritorno con paracadute.

2 giugno 2013

Nasa, impossibile mandare l’uomo su Marte, radiazioni letali

Equivarrebbe più o meno a sottoporsi a una tac alla settimana.
La Nasa ha “quasi” spento ogni speranza di una missione umana su Marte. I ricercatori Usa hanno infatti accertato che gli astronauti che si imbarcassero alla volta del Pianeta Rosso assorbirebbero durante il viaggio la dose massima possibile di radiazioni cosmiche. Per non parlare di quelle da cui sarebbero bombardati una volta arrivati e sbarcati sulla superficie.
È quanto emerge dallo studio pubblicato su Science in base alle misure effettuate dalla sonda “Mars Science Laboratory”, decollata nel 2011 e atterrato dopo 253 giorni a fine agosto 2012.
Dalle misurazioni fatte dei livelli di radazioni durante i 560 milioni di km percorsi in 253 giorni per raggiungere Marte, risulta che gli astronauti sarebbero esposti all’equivalente di una Tac completa ogni 5-6 giorni, ha spiegato Cary Zeitlin, uno dei scienziati della missione della Nasa che hanno reso noti i dati dello studio. Dati che, ha sottolineato il fisico tedesco Robert Wimmer-Schweingruber, un altro degli autori della ricerca,che non mostrano che una missione umana su Marte sia impossibile, ma sottolineano quanto sarebbe complicato realizzarla. In passato i livelli di radiazione su Marte erano stati calcolati in base a modelli, ma questa volta il Mars Science Laboratory ha usato per la prima volta della misurazioni effettive.
Ulteriori misure si rendono necessarie ma c’è tempo. La prima missione umana alla volta di Marte – sempre che i fondi della Nasa non saltino – è prevista non prima del 2030.  (La Stampa)

CVD, Come Volevasi Dimostrare. Ralph Renè nel 1992 in Nasa mooned America! già aveva scientificamente dimostrato che i viaggi interplanetari sono impossibili a causa delle radiazioni nello spazio. A meno di non circondare le navicelle con uno spesso strato di piombo, la qual cosa richiede uno spaventoso dispendio energetico per spingere tale massa nello spazio. Renè spiega, fornendo dati e fonti, la sua teoria anche nel mio libro LUNA & NASA il sogno proibito. Notate pure come le date per lo sbarco marziano (e il ritorno sulla Luna) siano continuamente procrastinate perché non si può viaggiare verso Marte, oltre le fasce di Van Allen, e nemmeno andare sulla Luna ieri, oggi o domani.