Archive for giugno 12th, 2013

12 giugno 2013

Nuove foto dettagliatissime della Luna confermano gli sbarchi lunari


Il Lunar Reconnaissnce Orbiter (LRO) ha catturato le foto più nitide finora mai viste dei luoghi degli allunaggi dell’Apollo 12, 14 e 17.
di: Gian Mattia Bazzoli
I complottisti rimarranno delusi: siamo stati sulla Luna e alle numerose prove (se mai ce ne fosse ancora bisogno) si aggiungono delle nuove foto, con dettagli incredibili, riprese dal Lunar Reconnaissnce Orbiter (LRO), il satellite della NASA che dal 2009 sorvola la Luna. Nelle settimane scorse, infatti, la NASA ha abbassato volutamente l’orbita del satellite dagli abituali 50 km di altezza a soli 21, e gli ha fatto sorvolare i luoghi di allunaggio delle missioni dell’Apollo 12, 14 e 17 per ben 28 giorni. Questo è il risultato: le foto raccolte riprendono, con un dettaglio mai visto prima, le orme degli astronauti, i lander rimasti sulla superficie lunare, le tracce della “moon buggy” (l’automobile elettrica usata in alcune missioni) e gli strumenti scientifici utilizzati per gli esperimenti e abbandonati sulla Luna. (Focus.it)

Questo Gian Mattia Bazzoli quantomeno pecca d’ingenuità. Secondo costui la NASA, la quale in teoria condusse la conquista della Luna, potrebbe dimostrare qualcosa di diverso!? Mentre il tempo passa, sempre più gente nel mondo dubita degli sbarchi lunari, il governo degli Stati Uniti ha quindi sempre più urgenza di sostenere la menzogna. Tutte queste “manovre” del LRO sono un pallido rifugio per la coscienza sporca della NASA. Ho anche scritto più volte che, a differenza di ciò che pensano i sempliciotti, Giappone, Europa e India sono colonie degli USA, infarcite come sono di basi militari statunitensi. Logico che nessuna sonda giapponese, indiana o europea sarà mai in grado di smentire la Casa Bianca. Come ho scritto diverse volte, anche nel mio libro LA LUNA DI CARTA , con le moderne tecniche CGI computerizzate, i cospiratori sono in grado di produrre qualsiasi immagine manipolando ogni filmato.
Articoli di approfondimento: L’ultima superpotenza rimasta

https://i0.wp.com/www.nasa.gov/sites/default/files/images/584398main_M168353795RE_25cm_AP12_area.jpg