Superluna e il terremoto “catastrofico”

Siamo entrati in piena “superluna”, prevista il 23 giugno, quindi divampano le pseudoprofezie su di un presunto sisma possibile in Italia addirittura di rango “catastrofico”. Queste previsioni hanno unicamente valore probabilistico in riferimento al fatto che (per grazia ricevuta) in Italia non si manifestano eventi sismici distruttivi dai tempi dell’Irpinia, il 23 novembre 1980, terremoto devastante che seguì di solo 4 anni quello altrettanto disastroso del Friuli del 6 maggio 1976.

Questa asserzione deriva da una cattiva conoscenza del calcolo delle probabilità. Facciamo un banale esempio con i 90 numeri del lotto: il fatto che un numero non esca da un sacco di estrazioni, non significa che abbia probabalilità maggiore di uscire, dato che, se l’estrazione è tecnicamente regolare, ciascun numero ha sempre e solo una possibilità su 90 di venire estratto. L’estrazione corrisponde al rilascio di energia potenziale nel sottosuolo per cui non dato facilmente sapere se essa sarà liberata in una o due violentissimee scosse o in una miriade di scossette da poco come avvenuto recentemente ad Acicastello in Umbria.

E’ sempre un problema di sistema di riferimento: per noi “catastrofe” significa perdita di molte vite umane. Se un terremoto avviene in alto mare o in montagna con pochi danni, esso non è “catastrofico”. Se un sisma non provoca vittime, neanche viene raccontato nei tg di prima serata. E’ la nostra mentalità antropocentrica che lo impone. Eppoi bisognerebbe rammentare che su scala geologica, la statistica sui fenomeni tellurici dovrebbe coprire migliaia di anni quantomeno e non qualche decennio.

Invece è interessante monitorare, in questi giorni, l’attività globale sismica in rapporto al “tiro alla fune” gravitazonale tra Sole e Luna che si trovano diametralmente opposti alla Terra in coincidenza con il solstizio d’estate. Questo stress sulla crosta terrestre potrebbe generare sismi di svariate magnitudo. Stiamo ad osservare se esiste un riscontro statistico.

Carta sismica dell'Italia a lettura facilitata - Clicca per ingrandire

Annunci

11 commenti to “Superluna e il terremoto “catastrofico””

  1. Fuffa, fuffa…. Fuffa – man! Invincibile sei tu il più forte guerrierooo…
    Fuffa, fuffa…. Fuffa – man! Lui ti proteggerà dalla veritaaaaa….
    Fuffaman, salvaci dalle orde nemiche americaneeeee………..
    Fuffaman, SI’, continua a farci ridere con le tue panzaneeeeee……

  2. Aci Castello in Umbria? umh…

  3. Egli gridò con voce tonante, più limpida di ogni altra voce mortale udita sino a quel giorno:
    Avanti, avanti, Cavalieri di Théoden!
    Gesta Crudeli vi attendono: fuoco e stragi!
    Saran scosse le lance, frantumati gli scudi,
    e rosso il giorno prima dell’alba!
    Cavalcate, cavalcate! Cavalcate verso Gondor!

  4. Figli di Gondor! Di Rohan! Fratelli miei!
    Vedo nei vostri occhi la stessa paura che potrebbe afferrare il mio cuore.
    Ci sarà un giorno in cui il coraggio degli uomini cederà, in cui
    abbandoneremo gli amici e spezzeremo ogni legame di fratellanza.
    Ma non è questo il giorno.
    Ci sarà l’ora dei lupi, e degli scudi frantumati quando l’Era degli Uomini
    arriverà al crollo, ma non è questo il giorno!
    Quest’oggi combattiamo! Per tutto ciò che ritenete caro su questa bella
    terra… vi invito a resistere! Uomini dell’Ovest!

    resistete alle cazzate di albino “superluna bendandi” Galuppini e vedrete che prima o poi un TSO se lo becca sul serio

  5. Scossa di terremoto qui a Brescia 5 minuti fa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: