Archive for luglio 26th, 2013

26 luglio 2013

Arma sismica colpisce l’Italia?

Ancona – (Ign) – Il sisma di magnitudo 4,9 alle 3,32, stessa ora di quello che nel 2009 colpì l’Abruzzo e distrusse il centro storico dell’Aquila. L’epicentro tra Ancona e Macerata, nei comuni di Numana, Sirolo e Porto Recanati. La scossa è durata a lungo, non si registrano feriti né danni alle abitazioni.

Ho già scritto che la messa in scena della cattura e uccisione di Osama Bin Laden ha avuto il significato simbolico di “chiudere” con l’11 settembre 2001. Infatti, da allora i media e soprattutto i politici non ne parlano più, ci avete fatto caso? Osama fu “catturato” il 2 – V – 2011 (2+5+2+0+0+1+1=11) e la morte annunciata in America dopo la fulminea sepoltura in mare secondo un rito islamico di cui nessuno aveva mai sentito parlare in precedenza.
Vado scrivendo da anni anche che per l’Italia terminale ci sarà un “11 settembre”. Tuttavia, dato che la saga “terroristica” è stata ufficialmente archiviata, il nostro 11-9 sarà diverso: probabilmente un megaterremoto artificiale come, per ora, minacciato dalla Nasa per conto del Dipartimento di Stato (Terrorismo tellurico).
Ci sono varie fonti che attestano l’anormalità di certi sismi tentando di dimostrarne l’innaturalità. Nikola Tesla aveva inventato una macchina per generare terremoti. Dopo la sua misteriosa morte, non se ne seppe più nulla, ma nulla esclude che, come per altre invenzioni soppresse, le elite abbiano sviluppato segretamente la tecnologia per fabbricare sismi artificiali. Personalmente, ho sempre nutrito il sospetto che alcuni terremoti, avvenuti prima di eventi sportivi come olimpiadi e mondiali di calcio nei paesi che stavano per ospitarli, siano serviti a rimodellare certe aree in modo da ricostruire in occasione e preparazione dei grandi avvenimenti sportivi. Ricordo che gli eventi sportivi globali, ma anche locali, sono sistemi di controllo sociale da parte delle elite dominanti (avete visto che in tempo di collasso globale, giocano al calcio tutti i giorni, a tutte le ore, trasmettono in tv pure le partitelle amichevoli tra scapoli e ammogliati!).

Forse le nuove “armi di distruzione di massa” sono i fenomeni tellurici, le più subdole poiché mascherate da castigo divino. Il terremoto seguito da tsunami che ha colpito il Giappone l’11 – Δ – 11 è sospetto così come il terremoto del 12 – 1 – 10 ad Haiti che diede ad Obama il pretesto per invadere la sfortunata isola caraibica. Obama sembra avesse già pronto ad aiutare Haiti coinvolgendo addirittura due ex presidenti statunitensi con uno stanziamento di 1,15 miliardi di dollari. Da allora gli USA detengono un avamposto militare sull’isola. Sempre nel 2011, ci fu la bufala del terremoto a Roma previsto per l’11 – V – 11 (1+1+5+2+0+0+1+1 =11), previsione falsamente attribuita al sismologo faentino Raffaele Bendandi. Essendo stato abbondantemente preannunciato, ovvio che non avvenisse, ma curiosamente in Spagna quel giorno ci fu un terremoto stranissimo con alcune vittime. Il sisma successe in Spagna e non a piazza di Spagna. I terremoti sembrano bombe a orologeria politica: gli USA avevano bisogno che il governo indonesiano aprisse lo stretto di Malacca e si unisse alla (falsa) guerra al terrorismo globale. Si era rifiutato ma dopo lo tsnumami del 26 – 12 – 04 cambiò idea. Il sisma di Myamar dell’11 – 11 – 12 a Shwebo avvenne in un altro paese turbolento. Accadde due settimane dalle elezioni, come gli attentati “islamici” di Madrid del 11 – Δ  –  04 (1+1+3+2+0+0+4=11) capovolsero ii sondaggi elettorali a favore di Zapatero che vinse. I sismi avvengono troppo di sovente negli stati con governi non allineati con il NWO come Russia, India, Cina, Iran, Iraq e altri (Siria?). L’arma segreta degli USA, l’ultima superpotenza rimasta, per rinsaldare il dominio sul mondo potrebbe essere un mezzo per provocare terremoti catastrofici dopo avere minacciato preventivamente il paese bersaglio.
Stavolta potrebbe toccare all’Italia, se i partiti non fanno ciò che dicono i loro scagnozzi che hanno piazzato ovunque, potrebbe capitarci un sima catastrofico da 100 mila morti. Probabilmente nel Mezzogiorno perché li la crosta terrestre è più instabile ed è energeticamente più fascile generare un sisma di magnitudo eccezionale. Può darsi che l’intenzione possa essere di riattivare il Vesuvio con un’eruzione devastante e il dislocamento verso il norditalia di centinaia di migliaia di abitanti del circondario, un progetto cià esistente nella Protezione Civile da anni, verificate pure. Può darsi che lo stillicidio di scosse che sta interessando la penisola sia un monito ai nostri politici onde dimostrare le potenzialità dell’arma segreta tellurica.

Massimo Mazzucco, nel suo sito Luogocomune.net, sostiene la tesi secondo la quale il vecchio papa fu costretto a dimettersi dagli USA e ha scelto di farlo l’11 febbraio anniversario dei Patti Lateranensi firmati tra stato (=Massoneria) e Chiesa, l’11 – 2 – 19-29. Il nuovo papa, immediatamente e sorprendentemente incenstato dai maggiori organismi della globalizzazione, è stato eletto il 13 – Δ – 13. Secondo San Malachia, ora seguiranno 7 anni di tribolazioni per la Chiesa che ci conducno prcisamente a quel famigerato 2020 (XX-XX = 11-11 = 11) che è la vera data catartica, l’anno in cui verrà instaurato il NWO ossia il Regno dell’Abisso. Il “2012” è stato solo una beffa di prova (2+1+1+2+2+0+1+2 = 11) come avevo scritto in anticipo (21 dicembre 2012).
Ecco, forse, cosa sarà quell’11 settembre che io prospetto da anni per l’Italia: un super teremoto di cui la bizzarra previsione dall’America, priva di ogni supporto scientifico, potrebbe essere un’avvisaglia.
Ho già espresso il mio pensiero riguardo la “profezia “ della Nasa: non vi è alcun dato sismologico indicante l’eveneinza di un forte terremoto in Italia nei prossimi mesi. Del resto, coloro i quali supportano tale teoria sono i medesimi che affermano che i terremoti sono imprevedibili, contraddittorio vero?
Cospirazionismo allo stato puro, elucubrazioni inverosimili, dite voi? Forse, tuttavia, per mia conocenza quando di tratta di poteri occulti, NIENTE avviene per caso.