Archive for settembre 23rd, 2013

23 settembre 2013

Dove osservare la cometa ISON C/2012 S1 in Italia

Vi sono indicazioni incerte da parte degli scienziati su quale sarà la brillantezza massima raggiunta dalla cometa ISON C/2012 S1. Dovrebbe essere maggiormente visibile in dicembre, fortunatamente per l’emisfero boreale il periodo dalle notti più lunghe dell’anno ma anche sovente coperte da nubi, nebbie e altre manifestazioni meteoriche che disturbano la visibilità degli astri. Io sospetto che “ISON” possa essere visibile già in novermbre quando starà per raggiungere il perielio il giorno 28. Percorrendo un’orbita estremamente ellittica l’oggetto è in continua fase di accelerazione, viaggia oltre i 300 mila km/h, dalle parti di Marte. Il 28 novembre, nel punto più vicino al Sole, viaggerà a 684 mila km/h per poi rallentare gradualmente sulla via del ritorno negli spazi siderali, ammesso non venga disintegrata durante l’avvicinamento al Sole.

Supponendo che la cometa sia visibile in qualche maniera, qual è la postazione migliore in Italia per l’osservazione? Pubblico una mappa della visibilità delle stelle nel territorio dello stato italiano incluse San Marino e Città del Vaticano nonchè la Corsica. La brillanza del cielo supergiù è direttamente proporzionale all’inquinamento luminoso e minore in quota dove l’atmosfera è rarefatta.  Osservando la cartina, si può desumere anche intuitivamente che i luoghi consigliabili si trovano nelle zone montuose pressoché disabitate nelle quali i versanti costituiscono una barriera per l’inquinamento luminoso proveniente dalle vallate attigue e dalle pianure densamente popolate e antropizzate.
Si nota dalla cartina che l’intera pianura padano-veneta, le regioni Lazio, Campania, la Costiera Adriatica e il Tavoliere delle Puglie sono da evitare per una buona osservazione a occhio nudo e con comuni binocoli. Meglio le Alpi verso il confine, la Sardegna, le alte valli appenniniche e, in generale, i luoghi isolati e spopolati. Importante ricordare che la cometa potrà apparire bassa sull’orizzonte, pertanto le montagne e le colline potrebbero ostacolarne la vista.

Visibilità stellare in Italia - mappa - clicca per ingrandire

Visibilità delle stelle a occhio nudo. (da Naked eye star visibility and limiting magnitude mapped from DMSP-OLS satellite data: P. Cinzano, F. Falchi, C.D. Elvidge – Dipartimento di Astronomia, Università di Padova, Italy, Office of the director, NOAA National Geophysical Data Center, Boulder, CO, 2001)

MAGNITUDO STELLARE COLORE SULLA CARTINA
>6.0 nero
5.75-6.0 grigio
5.5-5.75 blu
5.25-5.5 blu chiaro
5.0-5.25 azzurro
4.75-5.0 giallo
4.5-4.75 giallo-oro
4.25-4.5 arancio
4.0-4.25 arancio scuro
3.75-4.0 rosso
<3.75 violetto