Sciame sismico Marche-Umbria, ancora scosse

Nella notte magnitudo 3.1, 40 negli ultimi 4 giorni

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 è stata registrata a 00:35 tra Umbria e Marche, nel distretto sismico del Metauro, teatro di uno sciame sismico che solo negli ultimi quattro giorni ha fatto registrate almeno 37 scosse (di magnitudo uguale o superiore a 2).
Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 9,7 km di profondità ed epicentro in prossimità di Apecchio (Pesaro Urbino) e Pietralunga (Perugia). Non si hanno segnalazioni di danni a persone o cose. (ANSA)

Mi sembra chiaro che questi sono terremoti innescati artificialmente. Sempre alla medesima profondità come ipocentro. Il che è assurdo, in quanto la stratificazione della crosta terrestre segue l’orografia superficiale molto frastagliata esistente in Italia. Probabilmente la NATO sta impiegando la penisola italiana come laboratorio di sperimentazione e taratura di aggeggi capaci di generare sismi.

Abbazia medioveale del XIII secolo in Umbria, pefettamente integra dopo 800 anni di sismi.