Archive for maggio, 2014

31 maggio 2014

Scie chimiche: una scomoda realtà

In questo bel documentario con Giorgio Pattera, le più recenti scoperte sulle scie chimiche. Veramente impressionante. Buona visione.

PS David Cameron: se Juncker presidente della Commissione Ue, Gran Bretagna fuori dall’Ue – Ah, ecco perchè Grillo è andato subito da Farage. Gli inglesi si fanno aiutare dai loro scagnozzi per uscire dalla UE. A noi invece toccherà la Turchia!

30 maggio 2014

MH370: i dati INMARSAT dimostrano che è a Diego Garcia?

MH370: i dati INMARSAT dimostrano che è a Diego Garcia

Come da me subito paventato, c’è qualcosa di veramente oscuro dietro la sparizione in volo del Boeing 777 di Malaysia Airlines. Il fallimento, finora, delle ricerche nell’Oceano Indiano meridionale lo conferma.
Un’attenta analisi dei BTO (Burst Time Offset), raccolti dal satellite britannico INMARSAT, indica che in realtà l’aeroplano si sarebbe diretto verso la base statunitense sull’isola di Diego Garcia situata nel bel mezzo dell’oceano Indiano. Il velivolo, dal momento della scomparsa dai radar e dallo spegnimento del transponder, volando per sette ore, avrebbe avuto carburante a sufficienza per atterrare sull’isola. In effetti, l’aereo si è diretto verso ovest, non ha percorso un arco verso sud. (Foto sotto, PDF pag. 40).

http://www.dca.gov.my/mainpage/MH370%20Data%20Communication%20Logs.pdf

L’impressione che alcuni esperti hanno è che la lettura dei dati sia stata deliberatamente artefatta onde sviare le vere posizioni da cui i ping venivano ricevuti.
Viene rafforzata la mia sensazione iniziale che questo sia stato una sorta di altro 11 settembre e probabilmente l’aeroplano sia stato guidato a distanza. Di recente, la Boeing ha ottenuto un brevetto per un sistema chiamato BUAP (Boeing Uninterruptiible Auto Pilot) il quale consente di riportare un aereo ad un aeroporto senza l’apporto dei piloti. Tutta una coincidenza?

MH370: i dati INMARSAT dimostrano che è a Diego Garcia

29 maggio 2014

La strada verso il terzo conflitto mondiale

Il mondo si avvia felicemente verso la terza guerra mondiale.
Come vi avevo annunciato fin da subito, l’Ucraina sta sprofondando nella guerra civile. Come vi avevo preannunciato, stiamo per avere un ritorno di fiamma delle primavere arabe in Libia e Siria.
In Italia le elezioni sono andate nel modo che era stato programmato a Washington: da una parte il vincitore “drogato” con gli “80 euro” e dall’altro il finto rivoluzionario autolimitatosi con le sparate tipo “Dudu vivisezionato” e “io sono oltre Hitler”.
In Europa hanno vinto gli “euroscettici” tranne in Italia e Grecia dove hanno vinto i seguaci di Obama.
Ai paesi della zona euro non verrà, ovviamente, mai consentito di tenere un vero referendum consultivo sulla moneta unica, tanto meno sulla permanenza nell’Unione Europea. Da adesso in poi assisteremo, invece, a un inasprimento degli insulti e pressioni contro i tedeschi e Angela Merckel per costringerli ad accettare gli eurobond, cioè sobbarcarsi il debito degli stati “maiali” in default. Unico modo per salvare l’euro.
Tutto scontato.
Ma ciò che succederà ora, a mio avviso meno capito, è che, per ricompattare l’Europa ed euro, l’Agenda del NWO coinvolgerà l’Europa nella guerra contro la Russia, col pretesto di aiutare l’Ucraina.
Riguardo alla vita quotidiana da noi, nei prossimi mesi assisteremo ad un peggioramento repentino: ci toglieranno i trasporti pubblici locali, taglieranno i piccoli ospedali, i piccoli tribunali, gli uffici postali periferici, i piccoli comuni, le scuole di montagna e sulle isole mentre la pressione fiscale incrementerà senza sosta. E i media incolperanno la “casta”.
È il nuovo ordine mondiale ragazzi, non siamo contenti?

PS Dimenticavo, anni fa quando G. tuonava contro i ‘vecchi’ (ricordate?) scrissi che stava ‘chiamando’ una riforma delle pensioni. Dopo qualche mese arrivò la Fornero. Adesso sparla ancora di ‘pensionati’ quindi okkio!

Non mi piace Vittorio Sgarbi ma certe volte le azzecca tutte (ahahah)

28 maggio 2014

Brescia 1904 – 1974 “un bel dì vedremo levarsi un fil di fumo”?

Il celebre compositore lucchese Giacomo Puccini scrisse 5 versioni della sua opera Madama Butterfly. La prima versione venne messa in scena al Teatro alla Scala di Milano il 17 febbraio 1904 ed era composta da due atti. La pessima accoglienza alla prima, da parte dei “bauscia” milanesi, abbacchiò parecchio Puccini inducendolo a ritirare l’opera ed a rimaneggiarla.
La versione “definitiva” in 3 atti fu messa in cartellone al Teatro Grande in Brescia il 28 maggio 1904, 110 anni fa. L’accoglienza del pubblico bresciano fu trionfale, la qual cosa rialzò il morale dell’autore toscano:

“Già due volte Brescia, la colta e gentile, mi ha fatto accoglienze che saranno per me incancellabili. Con animo commosso vorrei pur far sapere al pubblico i miei sentimenti e ringraziare di tutto cuore l’amico Mascheroni, gli interpreti valorosi e zelanti della Manon, e tutti infine coloro che vollero gentilmente darmi un ricordo carissimo e prezioso per me. Ma non mi sento di tanto capace, e quindi rivolgendomi a codesta onorevole Deputazione del Teatro Grande sono certa di trovare in essa una eloquente interprete della mia vivissima gratitudine, che pure ad essa tributo.” (Giacomo Puccini)

Madama Butterfly è divenuta una delle più famose e rappresentate opere liriche al mondo.
Ma non vi suona drammaticamente ironico?
La città di Brescia è però tristemente nota per un evento avvenuto esattamente 70 anni dopo, alle ore 10:12 del 28 maggio 1974: la strage di piazza della Loggia, 40 anni oggi.
Si trattò di un efferato, disumano bagno di sangue che reclamò 8 morti e oltre 100 feriti. Fu parte di quella “strategia della tensione” culminata con il rapimento Moro. Per questi crimini, nessuno ha mai pagato perché mai nessun processo ha individuato i veri colpevoli.
Finché avremo oltre 100 fra istallazioni e basi militari USA in Italia, la verità non verrà mai fuori.
Ma forse ci è andata non troppo male, a qualcuno è andata peggio. Strana la coincidenza che gli USA abbino sganciato una bomba nucleare proprio sulle colline di Nagasaki, città nipponica in cui è ambientata l’opera pucciniana.
Magari è solo una coincidenza.

26 maggio 2014

Vulcano di fango di Fiumicino: ora sappiamo dove si accumula il gas

di Andrea Billi.

Come noto e documentato da numerosi mass-media, la mattina del 24 Agosto 2013 si è improvvisamente sviluppato un piccolo vulcano di fango e gas nei pressi dell’aeroporto Leonardo Da Vinci a Fiumicino (Roma). Il vulcano ha allagato ed “infangato” la rotonda di Coccia di Morto ed ha continuato ad emettere fluidi fino a Gennaio-Febbraio 2014 quando è stato chiuso definitivamente con il cemento. Il fattore innescante tale emissione è stato di natura antropica. Si è trattato, in particolare, della perforazione di un sondaggio geognostico di poche decine di metri di profondità all’interno della rotatoria di Coccia di Morto.
Studi scientifici e storici precedenti hanno messo in luce che manifestazioni simili a quelle del 24 Agosto 2013 si sono verificate più volte nell’area di Fiumicino. Anche nel 2005, la perforazione di un sondaggio geognostico a poche centinaia di metri dalla suddetta rotatoria aveva improvvisamente aperto la strada all’emissione di anidride carbonica ed altri gas in tracce. Recentemente, alcuni studiosi di scienze della Terra (A. Argentieri e M. Pantaloni) hanno documentato che altri fenomeni simili avvennero con certezza nel 1925 e nel 1890, rispettivamente in occasione della costruzione della vetreria della Società Anonima per l’Industria del Vetro a Fiumicino (1925) ed in occasione della campagna di sondaggi per la costruzione dello Stabilimento Idrovoro di Ostia (1890) (http://www.geoitaliani.it/2013/10/1925-leruzione-di-fiumicino.html).
Il colpevole di tali manifestazioni è il gas (sostanzialmente anidride carbonica) in pressione nel sottosuolo che porta in superficie acqua e fango allorquando una perforazione geognostica od uno scavo ne facilita la risalita. È quindi fondamentale conoscere dove tale gas si accumuli per gestire propriamente e prevenire tali evenienze.
Un gruppo di geologi e ricercatori del CNR, Geomagellan, INGV, ed Università Roma Tre ha seguito il fenomeno innescatosi nell’agosto 2013 e, grazie ad una serie di indagini geologiche, ha scoperto dove si accumula il gas in pressione. Nei pressi della rotatoria di Coccia di Morto, il gas si accumula nel sottosuolo a circa 40-50 m di profondità all’interno di un orizzonte di ghiaie di circa 5-10 m di spessore. Le ghiaie ospitano una falda acquifera confinata tra due orizzonti di argille che si trovano sopra e sotto le ghiaie e che risultano determinanti per l’intrappolamento del gas. Non è escluso che ci possano essere sacche di gas anche più profonde ed altre, già accertate in realtà, più superficiali.
I risultati di tale studio sono in via di pubblicazione sulla prestigiosa rivista internazionale Journal of Volcanology and Geothermal Research e contribuiscono notevolmente alla comprensione dei fenomeni dei vulcani di fango nell’area di Fiumicino. Tali risultati costituiscono inoltre il pre-requisito per la gestione degli scavi nell’area di Fiumicino.
Nella foto: Il vulcanetto di fango (Agosto 2013) al centro della rotonda di Coccia di Morto nei pressi dell’aeroporto Leonardo da Vinci, Fiumicino.

Articoli di riferimento:

Sella, P., Billi, A., Mazzini, I., De Filippis, L., Pizzino, L., Sciarra, A., e Quattrocchi, F., 2013. A newly-emerged (August 2013) artificially-triggered fumarole near the Fiumicino airport, Rome, Italy. Journal of Volcanology and Geothermal Research, doi: 10.1016/j.jvolgeores.2014.05.008, http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0377027314001437#

Andrea Billi, Consiglio Nazionale delle Ricerche

https://i2.wp.com/gaianews.it/wp-content/uploads/geyser_183045.jpeg

24 maggio 2014

Ex primo ministro malese: la CIA sa qualcosa sul volo MH370

Mahathir Mohamad

L’ex primo ministro malese, oggi 88enne Mahathir bin Mohamad, ha formulato l’ipotesi che la CIA stia nascondendo qualcosa sulla scomparsa del volo MH370 di Malaysia Airlines. Infatti, scrive Mohamad nel suo blog che Boeing e l’agenzia spionistica statunitense dovrebbero sapere qualcosa avendo ricevuto informazioni direttamente dall’aeroplano poco prima che svanisse nel nulla.
Egli ha dichiarato: “Chiaro che la Boeing e certe agenzie governative hanno la capacità di tenere traccia ininterrottamente di velivoli commerciali quale era il volo MH370 B777”. Poi ha aggiunto: “Qualcuno sta nascondendo qualcosa. Non è leale che MAS [= Malaysia Airlines] e il governo della Malesia si debbano prendere la colpa”. “È uno spreco di tempo e denaro cercare rottami, chiazze d’olio e ascoltare i ‘ping’ provenienti dalla scatola nera. Non si è probabilmente trattato di uno schianto ordinario dopo che si è esaurito il carburante. L’aereo è da qualche parte, magari senza le insegne MAS”.
In effetti, i ping potrebbero provenire da qualunque aggeggio elettronico, anche “false flag”. Inoltre, gli USA dovrebbero avere i dati GPS che è un sistema che controllano.
L’anziano uomo politico, che fu primo ministro dal ’81 al 2003, ha infine sottolineato: “Boeing dovrebbe fornire spiegazioni sul cosiddetto ‘sistema antiterrorismo di atterraggio automatico’. Non riesco ad immaginare che l’aereo atterri dolcemente in un mare agitato e i piloti si lasciano tranquillamente affondare col loro aeroplano senza reagire”.
Queste affermazioni cadono come un macigno nello stagno delle teorie complottiste riguardo al volo Quala Lampur – Pechino del 8 marzo scorso. Rinforzano la mia teoria secondo la quale l’aeroplano è stato in qualche modo telecomandato.

Articoli di approfondimento: Il Boeing 777 di Malaysia Airlines fu telecomandato: ipotesi non campata per aria

23 maggio 2014

Perché gli USA votano Beppe Grillo

Come avete potuto costatare di persona, i giornali italiani hanno ricevuto l’ordine di parlare forsennatamente di Renzi e Grillo. Un falso antagonismo costruito ad arte che vi avevo anticipato due anni fa.
Perchè spingono così tanto lo psicobuffone?
Per creare pressione sulla “casta” in modo tale da fare passare le riforme di Washington. In primo luogo, l’abolizione della democrazia rappresentativa: abolizione dei consigli provinciali (non delle province), del senato elettivo e una camera di deputati eletti senza preferenze con altissima soglia di sbarramento in modo da avere solo due partiti fintamente alternativi (Renzi+Grillo).

Nei prossimi messi, non solo liberalizzano l’ingresso di extracomunitari con lo ius soli (per questo ripropongono la signora Kyenge), ma liberalizzeranno aborto e droghe leggere (poi quelle pesanti, poligamia, OGM e ‘modica quantità di pedofilia’).
Uno dei primi provvedimenti del nuovo parlamento di Strasburgo, su “pressione” dell’Italia, sarà il tentativo di modificare il trattato di Dublino sui profughi in modo da costringere l’Europa tutta ad accettare i clandestini che la CIA, tramite la protezione degli scafisti, fa arrivare in Italia.
Anni fa, scrissi che quando non ci sarebbero più stato i “lavori che gli italiani non vogliono più fare” li avrebbero trasformati tutti in “profughi”. L’anno scorso, quando dissi che avrebbero fatto entrare milioni di africani in Europa entro il 2020, un babbeo mi scrisse che “dovevo farmi una sega” ma è ciò che succederà.
Gli USA impiegano la penisola italiana, e l’Europa, come campo di rieducazione per terzomondiali. Rieducazione al modello consumistico-edonistico nordamericano (internet, inglese, Ipad, gay, contraccettivi, jeans, coca-cola, aborto, cellulari, droga, TV, ecc.). Ci americanizzano africanizzandoci.

Ma vi è un risvolto più raccapricciante.
Vogliono riformare la scuola pubblica italiana togliendo un anno alle superiori. Togliendo materie come latino, filosofia, greco, rimpiazzandole con aria fritta tipo “uso di Facebook” e “storia di Hollywood”. Tutti promossi. Creeranno, come in USA, un meticciato di spiantati ignoranti che magari dormono sui cartoni però pronti a fare file lunghissime davanti agli Apple Store per aggiudicarsi il nuovo gingillo tecnologico.

Inoltre intendono imporre l’inglese come prima lingua nelle scuole tipo Malesia o Filippine. Le multinazionali globali, che producono in Cina, mica desiderano ridurre i profitti producendo ad hoc confezioni ed etichette in lingua italiana. Pizzarotti lo sta già facendo a Parma negli asili, evidentemente su direttiva di Casaleggio.
Intanto, grazie a Grillo che minaccia di togliere finanziamenti a RAI e giornali, i mass media non possono dire la verità. Ad esempio, che gli USA hanno utilizzato la Fiat per risanare la loro azienda Chrysler e la Fiat non esiste più. Lo scrissi nel 2009 il giorno dopo l’annuncio dell’accordo Fiat-Chrysler, mentre Berlusconi festeggiava in piazza.
Quanto all’ex Cav, personaggio verso cui non nutro alcuna simpatia, scrissi nel 2008 che il Dipartimento di Stato gli voleva fare fare la fine di Craxi. Grazie al M5S, gli hanno tolto immunità parlamentare e passaporto e sottoposto alla gogna del servizi sociali, come a Bettino gli avevano preparato le monetine dell’hotel Rafael per fargli scontare l’affronto di Sigonella.

Antonio di Pietro è stato un utile idiota finchè c’era da attaccare Berlusconi. Quando ha iniziato a parlare di scie chimiche e signoraggio, è stato fatto fuori (anche da Grillo). Renzi ha minacciato di sottoporre a TSO obbligatorio qualunque esponente del PD che osi parlare di “scie chimiche”.
Il coraggioso giornalista Gianni Lannes, per documentare la sudditanza totale dell’Italia nei confronti degli USA, è oggetto di continue minacce. A Maurizio Blondet, che aveva scoperto come la CIA creava i video-messaggi di Osama Bin Laden, gli è capitato un tumore. A Giulietto Chiesa, che dice che in Ucraina e in Siria ci sono gli USA a fomentare l’odio e a uccidere, non è ancora capitato nulla.

Grillo (amici greci mi dicono anche Tsipras) è pompato poiché serve a salvaguardare l’euro e la BCE che sono l’ossatura del super-stato europeo. Non a caso, l’M5S chiede gli eurobond, già proposti da Tremonti, per formare un debito comune europeo. A nessuno sarà consentito di uscire dalla moneta unica poichè è il sistema con cui gli americani imbrigliano l’economia europea.

Dei cittadini italiani, alla Casa Bianca, non frega assolutamente nulla, sappiatelo. Basta vedere come ci hanno imposto la sanguinosa legge Fornero e il pasticcio delle crescenti imposte tipo IMU-TASI.
Mentre i media ci intrattengono con le “rinnovabili” e la “sostenibilità”, stanno chiudendo tutto il trasporto ferroviario locale costringendo la gente ad avere il mezzo privato, proprio come in USA.

Riguardo agli “80 euro”, infine, ci ho riflettuto bene e, per me, sono una bufala elettorale. Poichè in Italia comanda la gente che non lavora, non credo sia fattibile innalzare lo stipendio del ceto medio sicché lo vogliono distruggere.
Spero ardentemente di sbagliarmi, almeno su questo ultimo punto.

PS Ovvio le elezioni le vinceranno Renzi e Grillo come programmato. Chi sia il primo dei 2 è del tutto ininfluente, OK?

22 maggio 2014

Scomparso il blog di Gianni Lannes

AGGIORNAMENTO
Screenshot from 2014-05-22 22:00:24Qualcuno ne sa qualcosa?
Oggi ho notato che sul mio blog gente cercava la ‘moglie di Gianni Lannes’. Non so a cosa si riferisse. Nessuno sa qualcosa?
Il blog di Gianni Lannes è ricomparso stamane 23-5 con questo allarmante post:

di Gianni Lannes

Il 22 maggio 2014, a mezzogiorno in punto, ignoti hanno oscurato e disattivato il diario internautico SU LA TESTA!
Il 20 maggio ignoti hanno recapitato nella cassetta di posta della mia abitazione un messaggio anonimo dove c’era scritto: “Lannes se ci tieni alla tua famiglia annulla l’incontro del 2 giugno a Roma sulle bombe nucleari”.
Dal 2009 ad oggi ho subito alcuni attentati e ho vissuto quasi 2 anni sotto protezione della Polizia di Stato.
In Parlamento giacciono numerose interrogazioni ed interpellanze indirizzate a ben tre governi (Berlusconi, Monti, Letta) che non hanno mai avuto risposta dai vertici dello Stato italiano.
Ho presentato parecchie denunce circostanziate e documentate all’autorità giudiziaria, ma la magistratura brancola ancora nel buio più totale.
Strana coincidenza. A fine mese sarà pubblicato il mio prossimo libro di inchiesta che racconta i segreti e i danni inferti al nostro Paese dal nucleare militare: ITALIA: USA E GETTA. Lo Stivale è stato trasformato all’insaputa del,a popolazione, in un gigantesco deposito nordamericano di ordigni nucleari, in violazione della Costituzione repubblicana e del Trattato di non proliferazione nucleare. Siamo sull’orlo di una catastrofe atomica.
E così alla fine il reato più grave diventa quello di chi racconta certe cose, anziché di chi le fa. La colpa non è dello specchio, ma di chi ci sta davanti.
Allora, la censura non è altro che il modo concreto per il sistema di potere di travestire, escludere, eludere o negare quei contenuti che rischierebbero di mettere in pericolo la sua legittimità, le sue certezze, il suo dominio.
Fermare la diffusione del sapere è uno strumento di controllo per il potere, perché conoscere è saper leggere, interpretare, verificare di persona e non fidarsi di quello che ti dicono. La conoscenza ti fa dubitare, soprattutto del potere, di ogni potere.

L’informazione è il sale della democrazia. Su la testa!

21 maggio 2014

UFO International Magazine – maggio 2014

In edicola il numero di maggio di UFO International Magazine, la prestigiosa rivista ufologica diretta da Roberto Pinotti e organo del CUN (Centro Ufologico Nazionale).
Le 100 pagine del giornale ospitano, tra gli altri, un mio articolo intitolato Ecologia della vegetazione marziana (1° parte).
Rispolverando la mia vecchia laurea in Scienze Naturali, ho affrontato il tema della possibilità della sopravvivenza di piante terrestri nel clima marziano. Buona lettura!

Articoli di approfondimento: UFO International Magazine – settembre 2013

UFO International Magazine – settembre 2013

20 maggio 2014

I voli tra Las Vegas e Area 51

Se vi capitasse di transitare nell’Aeroporto Internazionale McCarran di Las Vegas, Nevada, potreste fare una curiosa osservazione. Frequenti partenze e atterraggi di velivoli Boeing 737 senza insegne. Tutti bianchi con una striscia orizzontale rossa. Nessun logo di compagnia aerea, niente vessillo di nazione o altro marchio.
Si tratta della flottiglia impiegata per trasportare i dipendenti di Area 51 dalla capitale del gioco d’azzardo alla remota base segreta. Per motivi di sicurezza, essi abitano distanti e l’accesso avviene solo per via aerea.
Secondo Bob Lazar, gli USA nascondo dischi volanti dentro la base e, secondo Bill Kaysing, li furono inscenati gli sbarchi sulla Luna.

Articoli di approfondimento: Il segreto della zona S4 in Area 51


18 maggio 2014

Le armi climatiche e sismiche esistono

Questo non lungo video è abbastanza istruttivo sulla realtà della modificazione del tempo meteorologico. Non solo, vengono sicuramente riprodotti anche sismi e catastrofi artificiali onde ridurre la popolazione mondiale incolpando l’ira di Dio.
i documenti mostrati nel filmato lo sanciscono inequivocabilmente.
Mentre gli agenti nostrani del NWO, falsi rivoluzionari dell’Italia terminale, ci distraggono con “Daspo ai politici che prendono tangenti” e “Dudù va affidato alla vivisezione”, la follia omicida dei globalizzatori procede imperterrita ergendosi al posto dell’Onnipotente.
Non ci vuole poi molto a comprendere cosa è la globalizzazione. O no?

16 maggio 2014

Ecco chi uccide in Ucraina

Immagini che si commentano da sole.

15 maggio 2014

La ISS riprende il Cavaliere Nero?

Recenti immagini inviate a terra dalla ISS (Stazione Spaziale Internazionale) mostrano un enigmatico oggetto attorno la Terra in orbita polare. I contorni delineati rammentano da vicino il cosiddetto Cavaliere Nero, scoperto ben prima dell’inizio dell’era spaziale. Giudicate voi osservando le immagini.

Articoli di approfondimento: Nuova indagine sul “Cavaliere Nero” Il “cavaliere nero”

13 maggio 2014

Mars One: intanto raccolgono fondi

Ora, uno non vorrebbe avanzare sospetti infondati, però il progetto Mars One puzza di beffa lontano un km. Ma di un particolare tipo di scherzo: quello in cui i beffati devono pure pagare per subire la beffa.
I programmi spaziali umani stanno per essere archiviati definitivamente. Lo sbarco sulla Luna è stato una bufala al pari del recente sbarco cinese del Coniglio di Giada. Molti exploit spaziali russi sono stati inventati dall’agenzia TASS ai tempi della vecchia Unione Sovietica. Le sonde americane su Marte inviano immagini che curiosamente sembrano state scattate nel deserto del Mojave.
Facile intuire anche che il progetto Mars One non è supportato da alcuna base tecnica e scientifica per la sua realizzazione.
Ma gli organizzatoti si stanno sbattendo per il crowdfunding. Non è una bella parolina “equo-solidale”?
Magari mi sbaglio di grosso. Nel 2018 invieranno davvero una sonda automatica sil pianeta rosso. Nel 2022 spediranno equipaggi umani, ma io sono uno che, su queste cose, si sbaglia raramente.

PS ‘Scuole aperte, nei cortili ecco la vita’ Secondo me, l’operazione serve per rimpiazzare gli oratori cattolici come centro di aggregazione ma direi anche per incrementare lo spaccio di droga nelle scuole visto che, probabilmente, ne sta calando il consumo tra i giovani causa crisi. Renzi ha di fatto legalizzato le droghe leggere. Anche gli slogan ‘in inglese’ contro l’INVALSI sono significativi.

12 maggio 2014

Non ami Matrix? Sei matto

Non c’è bisogno di essere dei giornalisti ultracomplottisti, quale Gianni Lannes, per capirlo. La psicologia/psichiatria è uno strumento di controllo mentale impiegato dal potere occulto:

  1. Se non lavori (e non rubi), SEI MATTO

  2. Se non ti piace il calcio (inteso come opprimente arma di distrazione di massa), SEI MATTO

  3. Se hai il cellulare senza le app, SEI MATTO

  4. Se fai riparare un elettrodomestico, anche se ti costa di più che sostituirlo, perchè non vuoi creare rifiuti, SEI MATTO

  5. Se non vai in ferie (perchè non ne hai voglia), SEI MATTO

  6. Se ieri sera non hai guardato “striscia”, SEI MATTO

  7. Se non sei andato a Londra con un volo low cost, last minute, SEI MATTO

  8. Se non ti interessa andare a “sharm”, SEI MATTO

  9. Se vuoi vedere i bisonti nel parco di Yellowstone, le piramidi in Bosnia, i megaliti di Baalbek o Sachsayhuaman, SEI MATTO

  10. Se non sei mai stata violentata o non hai mai abortito o non hai mai divorziato, SEI MATTA

  11. Se non sai chi è “la nuova fiamma di Buffon” (caso capitatomi con amici anni fa), SEI MATTO

  12. Se pensi che sono da TSO obbligatorio quelli che scattano foto della coppa di gelato che stanno per sorbine in gelateria e la pubblica su Facebook, SEI MATTO

  13. Se non te ne frega assolutamente niente del “gossip” riguardante i vip, SEI MATTO

  14. Se non hai mai fatto un incidente stradale, SEI MATTO

  15. Se non hai mai provato la cocaina o altre droghe, SEI MATTO

  16. Se sei andato in Thailandia per motivi di lavoro ma non sei andato in un bordello di bambine, SEI MATTO

Ma non avete ancora capito che questa è Matrix? Cioè la finta libertà consumistica che il potere occulto ci ha messo davanti agli occhi per nascondere che siamo schiavi. Diabolicamente, costoro fanno del male inducendo a credere di stare facendo del bene.
Del resto, gli autori del film omonimo sono “probabilmente” degli iniziati che hanno messo in allegoria ciò che è  veramente il mondo. Lo dimostra anche il messaggio preventivo sull’11 settembre inserito nel famoso passaporto di Neo.

PS ‘Droga e prostituzione in calcolo Pil Con novità Eurostat, entra anche contrabbando sigarette e alcol’ Mi raccomando, drogatevi di più se no cala il Pil!

Clicca per ingrandire

10 maggio 2014

Giulietto Chiesa: La verità nascosta su Odessa

Giulietto Chiesa: La Verità Nascosta su Odessa
La visione del video è sconsigliata a stomaci deboli. Questo purtroppo è, a mio avviso, un’escalation di terrore che prepara il terzo conflitto mondiale.
È sempre stato così. Lasciare commettere atrocità immani per poi sollevare l’indignazione “equo-solidale” dell’opinione pubblica in modo da giustificare l’intervento bellico. Lo stesso metodo che USA-UE-NATO hanno adottato con gli “attentati islamici” in modo da fomentare l’odio contro i musulmani e le guerre in Medio Oriente.
Una visione di fantapolitica? Giudicate voi.

ADDENDUM ‘Affonda barcone al largo della Libia: 40 immigrati morti annegati’ Purtroppo questi disgraziati continueranno ad affogarli e torturarli finché l’Europa non aprirà completamente e indiscriminatamente le frontiere agli immigrati terzomondiali.

9 maggio 2014

Armi segrete per maremoti e terremoti

https://pianetax.files.wordpress.com/2014/05/cf111-2efn6xeqjcghjmvmvnq56g.jpg

di Gianni Lannes

La teoria che il bombardamento della ionosfera con onde ad elevatissima energia possa avere ripercussioni sulla crosta terrestre, l’aveva dedotta già all’inizio del secolo scorso lo scienziato jugoslavo Nikola Tesla, provocando un terremoto a New York.
Basta compulsare la documentazione top secret anglo/americanaper toccare con mano la follia disumana dei governanti yankee. What is Project Seal? The Tsunami Bomb Experiments. Provocare un terremoto oppure uno tsunami è possibile. Sono attività militari segrete, provate, collaudate da 70 anni, e sempre più perfezionate. Dalla teoria accademica alla pratica: le scie chimiche servono a schiavizzare definitivamente l’umanità, e a ordire la guerra ambientale non dichiarata. Non dimenticatelo: l’Italia è una colonia. Tradotto a beneficio dei comuni mortali: nello Stivale tricolore si può fare qualunque cosa, avendo a disposizione milioni di cavie gratuite e governi telecomandati dal 1948.

Il primo ottobre del 1968 tre ricercatori – Van Dorn W. G., Le Mehaute B., Hwang Li-San – per conto del Governo degli Stati Uniti d’America hanno pubblicato Final Report : Handbook of Explosion-Generated Water Waves. Volume I – State of the Art. Ecco un estratto: «This report summarizes the state of the art in the field of explosion-generated waves, their generation, propagation and their effects on coastal environments».
Infine negli anni ’80 con il brevetto di Eastlund viene varato High-Frequency Active Auroral Research Program. I riscaldatori ionosferici fissi e mobili ormai disseminati in tutto il globo terrestre consentono di direzionare energia ad alta frequenza verso le zone più alte dell’atmosfera. Le applicazioni di H.A.A.R.P. sono state affidate a US NAVY e US AIR FORCE.
Esistono linee di frattura e faglie assai evidenti e note sulla superficie terrestre. Ci sono mappe precise che rivelano i punti deboli e vulnerabili, sui quali è facile poter intervenire, come a L’Aquila il 6 aprile 2009, quando gli Alleati con il loro “esperimento di guerra” causarono la morte di ben 309 persone, inclusi i bambini.

PS ‘Renzi pronto a mollare il vecchio Pd per battere Grillo. Ma pesa anche il rischio flop di Fi – Effetto Renzi nel Nord-Est: Pd primo partito’ Come dicevo anni fa, gli USA hanno creato la finta alternativa Renzi-Grillo. Ma alla Casa Bianca non hanno capito che se Renzi poi non mantiene la promessa degli 80 euro rischia di farci diventare come l’Ucraina. ‘Legge elettorale per Europee rinviata alla Consulta per la soglia di sbarramento del 4%’ State tranquilli che l’obbiettivo è togliere le preferenze e innalzare la soglia di sbarramento perchè i cittadini non devono potere scegliere il candidato come avviene il 25 maggio.
https://pianetax.files.wordpress.com/2014/05/b7c8b-project-seal_.png

7 maggio 2014

Fiumicino come l’Islanda? ‘Spunta’ un nuovo geyser

Come vi avevo anticipato mesi or sono, a Fiumicino è spuntato, come un fungo, un altro vulcanetto.
Appare chiaro, a mio avviso, che la ‘perforazione dell’Italgas’ è un pietoso sotterfugio per celare la realtà tranquillizzando la popolazione. Secondo voi l’Italgas effettua sondaggi in mezzo a una rotatoria trafficatissima o a fianco di un commissariato di polizia? Chi lo sa.
Certamente nel sottosuolo di Fiumicino sta succedendo qualcosa di inquietante.
Be’, spero si ricordino di verificare che non appaia qualche strana crepa sulle piste dell’aeroporto locale.

Articoli di approfondimento: Vulcani di fango a Fiumicino: sono stati riempiti di cemento!

PS Dopo le riforme di Renzi si realizza il piano secolare della loggia P2: l’Italia è diventata una repubblica presidenziale (il cui presidente protempore è Genny ‘a carogna) ‘Terremoto su Expo, 7 arresti: le tangenti e i nomi – Lo scambio della mazzetta – Corsi e ricorsi del «compagno G»’ Come scrivevo nel 2008 e ho scritto anche il 24 marzo scorso, stanno incarcerando tutti i politici tranne quelli del PD (di Renzi) a M5S inscenando una nuova tangentopoli. Ah, non so come funzionano gli allibratori inglesi che accettano scommesse su tutto, ma scommetterei che in estate attaccheranno anche la legge 194 (aborto) tramite qualche sentenza di tribunale equo-solidale. OK?

5 maggio 2014

Nuda verità: l’Italia ha bisogno della terza guerra mondiale

Come per un brutto film di cui intuiamo il finale senza poterlo cambiare, stiamo andando verso il terzo conflitto mondiale.
Ci sono troppi interessi convergenti, come ho già spiegato.
Gli USA hanno bisogno disperato di un conflitto per avere il pretesto per non saldare il loro immane debito pubblico e svuotare gli arsenali nucleari.
La Russia ha bisogno di una guerra nucleare per regolare vecchi conti in sospeso con i i paesi dell’ex Unione Sovietica.
La Cina potrebbe avere bisogno di una guerra nucleare onde rafforzare l’egemonia in Asia, possibilmente sugli stati sinofoni come Taiwan e altri.
Ma c’è uno stato che brama un conflitto globale più di molti altri: l’Italia.
Sì perchè, anche un bambino dell’asilo dovrebbe avere capito ormai che lo stato tricolore non è minimamente in grado di rientrare dal debito pubblico.
Dal 2011, si sono succeduti tre governi “equo-solidali” (Monti-Letta-Renzi+Grillo) le cui amorevoli cure, lacrime e sangue, hanno comportato solamente un aumento del debito pubblico da 1906 miliardi a 2107 miliardi di euro (fonte Bankitalia). Questo perchè la stretta sui consumi ha prodotto meno PIL e più debito.
C’è una cosa che i vari “soloni”, columnist dei miei stivali, dei giornali “mainstream” non ci dicono.
Il PIL italiano è stato gonfiato per decenni grazie alla spesa pubblica ossia i soldi che lo stato regalava ai privati in varie forme: assunzioni pubbliche in esubero, pensioni assistenziali, cassa integrazione, pensioni-baby statali, corposa evasione fiscale tollerata nel settore autonomo, finanziamenti a fondo perduto e appalti statali truccati.
È stato come un palloncino che si era gonfiato per l’aria insufflata, ora senza l’”aria” della spesa pubblica, il “palloncino” del PIL si sgonfia.
Ora i padroni del vapore globali hanno deciso che questo lusso deve finire. Il risultato è però una contrazione dei consumi e degli investimenti pubblici e privati. Una spirale negativa che sta prosciugando il PIL, la ricchezza prodotta, sempre più. Ovvio che l’Italia terminale non sarà mai in grado di ripagare il proprio debito sovrano.
Ecco allora una trovata geniale: partecipare a un conflitto mondiale, a fianco degli USA, da cui usciremo distrutti ma liberati dal fardello di un debito pubblico insormontabile.
Alla fine della fiera, sarà la scelta dolorosa ma inevitabile.
Dopo la catastrofe, la penisola si trasformerà in una sorta di riva dei bruti enclave di bande armate, una specie di Haiti dei tempi di “papà Doc” Duvalier e dei tonton macoute che “mantenevano l’ordine” a colpi di machete.
Nel marasma totale, tra le macerie radioattive, ognuno potrà, in piccolo, regolare in propri conti impunemente.
Niente altro da aggiungere a ciò che avevo scritto nel post del 31 dicembre 2013.

PS (mica tanto) ‘Privatizzazioni, al prossimo Cdm misure per quotare in borsa Poste ed Enav’ Vedete che mentre si discute di calcio, il governo Renzillo sta velocemente ‘rottamando’ i gioielli dello stato. Ah, poi per me gli ’80 euro’ sono una bufala elettorale per legittimare Renzi come primo partito. Lui stesso ha detto che c’è una copertura parziale e infatti sarebbero dati ‘a credito’. Temo sia uno scherzo.

https://i0.wp.com/neon.pictura-hosting.nl/wpp/wpp_mrx_bld/thumbs/632x632/wpp/00/JPEG_-_winners_1987/1987085CF.jpg

3 maggio 2014

Pioggia incessante di meteoriti sulla Luna

Non è la prima volta che la NASA si sorprende di fatti lunari. Stavolta è il turno della collisione con meteoriti che risulta essere più comune di quanto chiunque si aspettasse (“turn out more common than anyone expected”). Secondo l’ente spaziale statunitense, ci sono centinaia di impatti rilevabili ogni anno. Quindi  vi è un numero abnorme di impatti potenzialmente pericolosi per eventuali astronauti. Probabilmente, molto meno di uno su mille, che precipita, produce un effetto luminoso rilevabile strumentalmente.
Sulla Luna non c’è un’atmosfera che bruci i micro-meteoriti quindi anche un oggetto grosso come un pisello, che viaggia a diversi km il secondo, è un proiettile in grado di perforare qualunque astronave o tuta spaziale.
Non solo, la continua raffica di oggetti delle più svariate dimensioni che cadono sulla Luna giustifica due fatti: la presenza dei brillamenti lunari e la modifica dell’orografia lunare. Infatti l’impatto con grossi meteoriti produce bagliori e sempre nuovi crateri, anche di grosse proporzioni, che alterano la superficie selenica.
Sulla Luna vi è una continua pioggia di questi oggetti, perciò è impensabile uno sbarco lunare in sicurezza. Figuratevi per 6 allunaggi con lunghissime EVA (passeggiate extra-veicolari) da parte degli astronauti come pretende di avere fatto la NASA.
Questa è gente che fa le pentole senza i coperchi. Oggi sono loro stessi a svelare la beffa indirettamente.
Ma cosa più angosciante è un’altra: la potenza di ciò che io definisco “lavaggio del cervello equo-solidale” per cui c’è gente che crede l’uomo sia andato sulla Luna anche dopo avere visto un filmato ufficiale come questo.
Un tentativo di “lavaggio del cervello” è stato quando un attorucolo di nome Tom Hanks ha cercato di accostare il “negazionismo” lunare con il negazioismo dell’Olocausto. Mentre l’attrice francese Marion Cotillard ha dovuto rimangiarsi in fretta e furia le sue affermazioni sull’Apollo e 11 settembre per continuiate a fare l’attrice cinematografica.

Articoli di approfondimento: NASA: mistero sulla comparsa di tre crateri da impatto sulla superficie lunare

1 maggio 2014

Registrazione audio tra il volo MH370 e la torre di controllo

La registrazione delle conversazioni tra il volo MH370 di Malaysia Airlines e la torre di controllo di Kuala Lumpur. In video la trascrizione.

1 maggio 2014

La Russia minaccia gli Usa (su twitter): i vostri astronauti potranno andare sulla ISS solo con un trampolino

«Se vanno avanti con questa storia delle sanzioni contro la Russia gli Stati Uniti dovranno mandare i prossimi astronauti alla Iss (la Stazione Spaziale Internazionale) con un trampolino». La battuta è stata pronunciata ieri da Dmitry Rogozin, vice Primo ministro della Russia, ed ha un tono più sprezzante che ironico, dato che la ISS sta a 400 chilometri di altezza e che solo la Russia ha, ora come ora, un razzo vettore per arrivarci, la Vostok. Hanno un peso quindi le sue parole, anzi il suo tweet spedito ieri pomeriggio dopo un’intervista, in russo, e quindi per il “mercato” interno, alla importante agenzia di news e televisione RT-Novosti. Rogozin afferma senza mezzi termini che più gli Usa insisteranno nelle sanzioni e più si accorgeranno di quanto la cosa si rivelerà un vero e proprio boomerang per loro. Ma forse le cose non stanno proprio così.
Questo nuovo atteggiamento russo, autorevole visto il personaggio, fa a pugni con quanto finora si pensava nel mondo delle imprese spaziali. Certo il problema c’è, i russi sono gli unici a poter portare navicelle spaziali abitate sulla ISS con il vecchio ma supercollaudato razzo vettore Soyuz, però la situazione sembrava tranquilla. Il 2 aprile il Presidente Obama aveva rassicurato che le ritorsioni contro la Russia per la questione ucraina non toccavano la Stazione Spaziale, che ricordiamolo, è stata costruita per più di metà della superficie abitabile da imprese italiane, Thales Alenia Space in testa. Nell’ultimo mese poi l’amministratore Nasa Charles Bolden si è premurato di confermare ogni volta che era necessario che tutto andava normalmente con la questione viaggi e rifornimenti per la ISS.
Pare evidente che non è proprio così e speriamo che questa sia solo una schermaglia perché la ISS, a parte la complessità e il costo, siamo sui 100 miliardi di dollari, è anche la maggior impresa tecnologica mai intrapresa e realizzata dall’umanità e, oltre ai due attuali contendenti, ci partecipa anche l’Europa, il Giappone e il Canada, per questo si chiama Internazionale.

Se intervista e tweet destano grande preoccupazione c’è chi dice che il boomerang tornerà, poveretti loro, ai russi, e anche lui non è certo un signor nessuno, bensì il Ceo di SpaceX Elon Musk, uno degli inventori della tecnologia Paypal e padrone pure della fabbrica di automobili elettriche Tesla.
Spacex già porta con successo alla ISS i grandi contenitori cargo Dragon e Musk si sta proponendo come figura di maggior rilievo nel neonato e già ricchissimo campo delle imprese spaziali gestite dai privati, anzi proprio nei giorni scorsi ha tenuto una conferenza stampa molto aggressiva contro il monopolio della aereonautica Usa sul diritto di lanciare razzi o autorizzarne il lancio.
Sempre con un tweet, @elonmusk, orami diventato l’arma prediletta della politica nei paesi industrializzati, annuncia “Ma quale trampolino per la Iss, è tempo di tirare fuori dagli hangar il nuovo Dragon MK2, sviluppato per Nasa”. La nuova capsula, una volta omologata per il trasporto di umani, verrà montata sopra a un razzo Falcon 9, sempre di Spacex che già porta i cargo alls Tazione spaziale senza problemi. Probabilmente anche in Russia c’è il proverbio “non dire gatto se non ce l’hai nel sacco” (Sole 24ore)

Notare la sottile ironia nel titolo: perchè tweeter, come tutto internet, è controllato dagli USA.
Articoli di approfondimento: La ISS ci cadrà sulla testa

https://i1.wp.com/i.res.24o.it/images2010/Editrice/ILSOLE24ORE/NOVA24/2014/05/01/Nova24/ImmaginiWeb/Ritagli/capsula-dragon-ksQH--258x258@IlSole24Ore-Web.jpg