Archive for giugno 9th, 2014

9 giugno 2014

Conferenza stampa sulle ricerche di Malaysia Airlines volo MH370

Che cosa dire a questo punto sulla scomparsa del Boeing 777?
Difficile si sia trattato di un guasto. Il transponder è rimasto spento per diverse ore. Come vi dissi fin da subito, la cosa era anomala. Se si fosse trattato di un guasto all’impianto elettrico l’aereo non avrebbe potuto volare per 5-7 ore. Senza corrente un aeroplano diviene ingovernabile precipitando quasi istantaneamente. Se avevano corrente, perchè non hanno lanciato nessuna richiesta di soccorso?
Rimangono due possibilità:

  1. Se il volo è stato telecomandato per creare un evento globale, non sarà più ritrovato.
  2. Se il volo è stato dirottato da un pilota o da un passeggero, sarà ritrovato nel giro di mesi.

Escludendo un problema meccanico, personalmente propendo per il punto 1, credo che la scomparsa dell’aeroplano possa essere stata concepita per istituire una rete di tracciamento globale degli aeromobili civili in volo in modo tale da controllare ogni movimento di ogni persona sul globo. Rammento solamente che gli USA hanno preteso dall’Europa l’elenco in tempo reale di tutti i passeggeri degli aerei europei (in nome della lotta al “terrorismo globale”). Quindi sanno anche quando volano per recarsi a Bruxelles i politici “euroscettici”. Come vi ho spiegato diverse volte, anche se i media ovviamente non lo dicono, dietro l’Unione Europea e l’euro ci sono gli Stati Uniti.
Come minaccia verso la Germania, gli USA avevano fatto trapelare che la NSA intercettava il cellulare del primo ministro signora Angela Merkel. Ma gli americani intercettano e controllano sistematicamente i cellulari e gli spostamenti aerei di tutti gli uomini politici europei. Io questo lo avevo scritto diversi anni prima delle rivelazioni di Edward Snowden.
L’impressione mia è che l’operazione dell’aereo malese sia stata appunto organizzata per offrire il pretesto per controllare  e, se necessario, fare svanire un qualunque aereo civile nel mondo.
Il tempo ci dirà se queste sono solo “paranoie” o cos’altro.

PS ‘Abito da first lady per Cristina Parodi, come quello di Michelle Obama nel 2012’ (ADNkronos) Non c’è bisogno di essere degli iniziati al 500° grado di una qualche loggia farlocca o avere compiuto sacrifici umani di fanciulle vergini, per capire che Gori e il suo ‘capataz’ Renzi sono agenti di Washington. Basta leggere i titoli delle agenzie online! (Se volete sopravvivere al NWO, imparate a leggere tra le righe, per cortesia)