«Tornado del capitano Valentini a quota non prevista»

https://i0.wp.com/www.meteoweb.eu/wp-content/uploads/2014/08/caccia-tornado3.jpg

Novemila piedi (circa 2.700 metri) e non mille (300 metri), quota dello schianto. L’aereo del capitano Mariangela Valentini, pilota di uno dei due Tornado del Sesto stormo di Ghedi coinvolti il 19 agosto scorso nel tragico incidente aereo costato la vita a quattro ufficiali dell’Aeronautica militare, avrebbe dovuto trovarsi ad una altitudine diversa da quella cui effettivamente si trovava. Il programma di volo al momento dell’impatto con l’altro Tornado, quello pilotato dal capitano Alessandro Dotto, prevedeva che volasse molto più in alto. Lo rivela la Procura militare di Verona che dagli accertamenti in corso rileva come «non vi sia corrispondenza con l’altezza pianificata, ma come questo non significhi che si sia in presenza di una colpa».
Enrico Buttitta, capo della Procura militare scaligera, che procede per perdita colposa di aeromobile, tuttavia, induce alla massima prudenza e assicura che il suo ufficio «è ben lungi dall’attribuire allo stato colpe o responsabilità all’uno o all’altro equipaggio: il pilota, infatti – spiegano le fonti della Procura -, può avere mille ragioni di natura tecnica che lo possono indurre a
cambiare l’altezza pianificata. Il pilota al momento del volo deve prendere in considerazione mille cose e può quindi decidere il da farsi». I due velivoli, tra l’altro, avevano missioni ben distinte: i rispettivi obiettivi distavano 29 miglia nautiche l’uno dall’altro, e al momento dell’impatto il Tornado del capitano Mariangela Valentini aveva già ultimato la propria missione, mentre il cacciabombardiere del capitano Alessandro Dotto stava per ingaggiare il proprio obiettivo.
La Procura militare scaligera sottolinea che la magistratura di Ascoli, intestataria dell’inchiesta ordinaria sull’incidente per l’ipotesi di disastro aereo colposo, ha avviato una serie di consulenze tecniche e «solo alla luce di queste si potranno stabilire una dinamica certa ed eventuali responsabilità. Ma ci vorranno mesi».
(Giornale di Brescia)

Mah, a giudicare dalle foto stavano esattamente alla stessa quota per fare cosa? Molti pensano che l’incidente sia dipeso dal fatto che qualcuno ha voluto fare il pirla, ma non lo sapremo mai.
PS ‘Il bonus bebè andrà alle famiglie con Isee da 30mila euro’ Secondo me, Renzi, con quella faccia da schiaffi che si ritrova, sta facendo di tutto per attirarsi qualche bastonata, non metaforica. AHAHAH ‘Aziende cinesi di abbigliamento a Prato: spuntano 80mila false buste paga’ I cinesi falsificano proprio tutto del made in Italy AHAHAHAH