Razzo della NASA diretto alla ISS esplode in fase di lancio


Un missile della NASA della serie Antares, che doveva portare rifornimenti alla Stazione Spaziale Internazionale, è esploso poco dopo il decollo. Doveva immettere in orbita circa 2500 kg di materiale da una base in Virginia.
Non c’erano astronauti a bordo e non ci sono stati feriti a terra ma, a causa del carico “cripto-segretato”, la squadra di lancio sta verificando che nell’area non vi siano stati sparsi materiali inquinanti.
Questo ennesimo fallimento della NASA certifica che gli Stati Uniti non solo non riescono a mandare più uomini e donne nello spazio ma nemmeno rifornimenti indispensabili alla sussistenza della ISS. Sono ancora indietro rispetto ai russi come lo erano negli anni ’60 rispetto ai sovietici.
Solamente 9 ore più tardi, la Russia ha lanciato con successo un cargo della categoria Progress con quasi tre tonnellate di carico utile verso la ISS.