La “prima negra”

https://i1.wp.com/www.ansa.it/webimages/img_395x275/2014/10/30/245b97b9619ce8b6ebf3639cb30f72e1.jpg
Sono sempre stato un detrattore di Napo Orso Capo, come lo chiamo io. Fui uno dei primi a rivelare in internet che, in realtà, egli è il figlio illegittimo di re Umberto II di Savoia. Notate che chi siano i suoi genitori e della sua famiglia d’origine si parla ben poco.
Conseguita la laurea in giurisprudenza, a Napoli, a 26 anni è subito entrato in parlamento da deputato PCI da dove non si è più schiodato, se non per salire al Quirinale.
Insieme a Livia Turco, firmò una delle leggi gradite agli USA che ha spalancato le frontiere dell’ex belpaese all’immigrazione incontrollata. Del resto, egli appartenente alle élite, è sempre stato un pupillo della Casa Bianca, unico membro del Comitato Centrale del Partito Comunista Italiano a detenere un visto permanente per gli USA dove teneva conferenza in  università
prestigiose quali Columbia University. Un posto che di “comunista” sa ben poco.
Tuttavia, giunti al tramonto dell’Italia, provo oggi quasi tenerezza per questo ottuagenario presidente di una un’Italia che ci sembra quasi bizantina di fronte alle false promesse del nuovo ordine mondiale.
Ci sono pressioni, presumo oltranzistiche, pungolate da tempo attraverso Beppe Grillo, quintessenza dell’atlantismo più becero e subdolo, affinché re Giorgio dia le dimissioni.
Evidentemente, urge insediare un presidente che avalli il governo Renzi + Grillo ‘Renzillo’ che pronostico da un paio anni.
E da un paio d’anni, vi anticipo anche che spingeranno per una donna. Il sistema di manipolazione mentale è quello della novità del primo negro/donna/gay.
Il concetto del “primo negro” è sinteticamente esposto nel video sotto da Louis Farrakham.
L’agente mefitico del NWO Laura Boldrini ha subito avanzato l’idea della “prima donna” possibilmente antiproibizionista, guerrafondaia e di colore, suppongo io, da eleggere a capo dello stato.
Abbisogna sveltire la legalizzazione delle droghe affinché le multinazionali del tabacco facciano affari d’oro anche da noi. Bisogna chiudere il trasporto pubblico locale per incentivare gli affari di Uber, necessita obbligare i 6 milioni di studenti a munirsi di tablet in modo da incrementare di miliardi di dollari il fatturato Apple. Per i loro servigi, Grillo e Casaleggio intascano decine di milioni di dollari di tangenti dal governo USA sui loro conti svizzeri protetti da segreto bancario. Non ne ho le prove ma non mi meraviglierei se un giorni saltasse fuori.
Il concetto del “primo negro” serve alle élite per distogliere l’opinione pubblica, sulla falsariga degli USA, dal fatto che l’Italia sta diventando uno stato sempre più impoverito, dall’ingiustizia sociale esacerbante in cui solo il ricco è felice, perlomeno, a pancia piena.
In Brescia cittadini anziani si aggirano spingendo carriole per raccogliere rami secchi divelti dagli alberi dei parchi cittadini per farne legna da ardere. Chi l’avrebbe mai detto solo 5 anni fa, a Brescia? Però, le discariche sono zeppe di televisori CRT ancora buoni perchè, come in ogni altra città del Terzo Mondo che si rispetti, a Brescia la gente muore di fame ma pretende di avere il TV 60 pollici 3D in salotto.
I giornali già si sbizzarriscono sulla “novità” della “prima donna presidente” (Bonino scrissi due anni fa). O quale altro agente ONU-Troika (Rodotà, Amato, Boldrini stessa)?
Chi sarà quest’inverno il “primo bresciano” a morire di freddo non potendo pagare le bollette del riscaldamento agli aguzzini di A2A?
A nessuno importerà, temo, però consoliamoci, abbiamo il “primo negro” nella nazionale di calcio.
ADDENDUM ‘Mogherini: “Serve uno Stato palestinese”, Gerusalemme “capitale di due Stati”‘ La Mogherini al pari di Madia, Boschi, Giannini ecc. anche lei una nullità assoluta, va inquadrata nel sistema “prima donna” col risultato che tra un po’ la troveranno sgozzata e incaprettata sotto un ponte della SA-RC e il Mossad, interpellato dal Washington Post, dirà che si sospetta la ndrangheta in combutta con Casa Pound!
ADDENDUM II Medesimo problema in USA dove devono imporre la Clinton ma il PD dopo Obama rischia di perdere, non sanno cosa fare.