Archive for dicembre 12th, 2014

12 dicembre 2014

Petrolio e rublo a precipizio: record negativi a catena

Petrolio e rublo procedono a braccetto verso nuovi minimi, a un ritmo impensabile fino a poche settimane fa. A spingere al ribasso il greggio è stato oggi l’ennesimo taglio alle stime sulla domanda mondiale da parte dell’Agenzia internazionale dell’energia, mentre la moneta russa continua a precipitare nonostante la difesa a oltranza della Banca centrale.

Il crollo del petrolio promette un’ondata di fusioni e acquisizioni
Con il petrolio che ha quasi dimezzato il valore negli ultimi sei mesi, il mercato è tornato ad attendersi un’ondata di consolidamento nel settore. A dare il la sono state le società di servizi, che di solito soffrono ben più delle major durante i cicli negativi sul mercato petrolifero, a causa della brusca frenata nello sviluppo delle attività estrattive: un mese fa Halliburton ha offerto…

Il Sole 24ore ci informa oggi che petrolio e rublo crollano di pari passo. Significa che si tratta di una operazione concertata. Ma da chi? Ovviamente dai nemici della Russia che poi si riducono a uno: gli Stati Uniti d’America. Importante osservare che anche l’euro sta cedendo nei confronti della divisa statunitense.
Senza che nessun giornale “economico” lo stia segnalando, gli americani hanno dichiarato una vera e propria guerra valutaria all’Europa e alla Russia con conseguenze non facilmente inquadrabili.
Certamente ne beneficerà la Cina, divoratrice di oro nero, che assieme alle proprie carabattole, produce a costo irrisorio i gadget tecnologici delle multinazionali a stelle e strisce poi imposti all’Europa vedi, “banda ultralarga” e “scuola digitale”. Profitti strabilianti per le aziende quotate a Wall Street.
Grazie al rafforzamento del dollaro, l’ondata di fusioni e acquisizioni, cui allude il “Sole”, favorirà la finanza USA.
Non è diabolico?

Cambio dollaro rublo

12 dicembre 2014

Il velivolo a propulsione antigravitazionale TR-3B ripreso da un aereo

droni UFO

Da anni si vocifera che gli Stati Uniti stiano sviluppando un aeromobile con un sistema di propulsione talmente innovativo da sospettare sia stato mutuato da veicoli extraterrestri. Il fisico Bob Lazar aveva rivelato già 25 anni fa che nell’Area 51, situata in una remota porzione del deserto del Nevada, il governo americano compiva operazioni di ingegneria a ritroso per cercare di duplicare il sistema di movimento di UFO di cui era segretamente venuto in possesso.
In codice si chiama TR-3B, progetto Aurora, e di esso vi sono sparute immagini raccolte casualmente ed ancora meno notizie. Alcune di esse potrebbero essere degli abili falsi per sviare l’opinione pubblica. Qui di seguito un breve filmato, girato dal finestrino di un aeroplano, nei cieli degli Stati Uniti, verosimilmente durante una prova di volo. Non sembrerebbe un artefatto il video ancorché l’oggetto sia inquadrato dalla lontananza.
Come spigato da Lazar, i motori antigravitazionali, in parole povere, agiscono sulla gravità che è correlata con lo spazio e col tempo, come peraltro già ipotizzato da Albert Einstein. I dispositivi a gravità alterano il campo gravitazionale facendo “cadere” un oggetto nella direzione in cui si desidera avanzi.
La famosa mela di Isacco Newton mentre cade dall’albero si sposta in direzione del campo gravitazionale, verso un livello di energia potenziale inferiore. Idealmente, una mela posta sopra lo scafo di un disco volante in movimento, “cade” nella direzione del moto dell’oggetto.
Questo potrebbe essere il risultato di un quarto di secolo di tentativi di replicare la tecnologia aliena che muove le loro astronavi.