Giulietto Chiesa arrestato in Estonia


L’ex europarlamentare Giulietto Chiesa è stato arrestato a Tallin in Estonia. Lo ha detto all’Ansa, la moglie di Chiesa, Fiammetta Cucurnia. Chiesa è stato prelevato dalla polizia in albergo dove gli è stato comunicato che sarà espulso dal paese entro 48 ore.
Chiesa, ha spiegato la moglie, è partito questa mattina da Roma per Tallin dove è stato invitato a partecipare ad una conferenza dal titolo “La Russia è nemica dell’Europa?”. Terminata la conferenza, il programma di Chiesa prevedeva il rientro in albergo e quindi lo spostamento alla stazione ferroviaria per prendere un treno diretto a Mosca. Una volta rientrato in albergo, l’ex europarlamentare è stato però raggiunto dalla polizia estone che gli ha comunicato che era in “stato di arresto” e sarebbe stato “espulso entro 48 ore”. Alla domanda fatta ai poliziotti se avessero un mandato, a Chiesa – ha raccontato ancora la moglie – è stato risposto: “no, potrà sapere qualcosa una volta arrivati al Commissariato”. Strada facendo l’ex europarlamentare è venuto a sapere dagli agenti che lo accompagnavano al Commissariato che nei suoi confronti esiste un mandato di espulsione al ministero degli Esteri estone. Al momento Giulietto Chiesa si trova al Commissariato di polizia di Tallin. (ANSA)
Vi ricordate che, forse in più di un post, vi scrissi tempo fa che Chiesa era a rischio? Poi la Annunziata ha detto, qualche giorno fa, che per gli USA è inammissibile che italiani “tradiscano” gli alleati NATO contro il “cattivissimo Putin”.
Lucia Annunziata, membro di Aspen di Rockefeller è un personaggio assimilabile a Joseph Goebbels, ministro della propaganda del Terzo Reich. Lei è una quinta colonna degli Stati Uniti in Italia che hanno creato la falsa dicotomia Renzi-Grillo.
Il cerchio si stringe attorno ai giornalisti che si oppongono al Nuovo Secolo Americano, come vi ho anticipato parlando di ISIS e Serena Shim.
Giulietto Chiesa arrestato in Estonia