Archive for gennaio, 2015

31 gennaio 2015

Le truppe aviotrasportate russe provano un nuovo veicolo corazzato

Un filmato ripreso con droni mostra il test di un nuovo carro corazzato in dotazione alle forze aeree della Federazione Russa. Nella regione di Ryazanen, poligono militare di Dubrovichi, le immagini mostrano un test a temperatura sottozero del veicolo BMD-4M.
La maggiore differenza rispetto al modello suo predecessore, il BMD-4, è la possibilità di trasportare più truppa, grazie al ridisegno generale, oltre ad un nuovo telaio e motore.
Mentre sempre più persone soffrono la fame nel mondo, l’apparato militar-industriale globale sta prendendo il sopravvento. Anche l’Italia, dopo la legge Fornero, i tagli a sanità e trasporti pubblici locali, sta spendendo decine di miliardi di euro per il riarmo. Verificate pure.

30 gennaio 2015

La proprietà immobiliare ai livelli minimi in USA negli ultimi 20 anni

A dispetto delle statistiche sul PIL e dei sorrisi a 32 denti di Obama, la situazione economica degli Stati Uniti è in peggioramento. Lo dimostra il dato sulla proprietà della casa al livello più basso degli ultimi due decenni. Solamente il 64% degli americani possiede la casa in cui abita, dato mai riscontrato dal 1994.
La proprietà immobiliare aveva toccato un picco massimo nel 2004 col 69,4% ed era al 64,3% prima delle ultime rilevazioni a fine 2014, secondo l’Ufficio Statistico Federale.
Di pari passo, aumenta la percentuale degli sbandati. La “condizione di barbone”, come ho tradotto la parola homelessness nello scrivere LA PENNA PIÙ VELOCE DEL WEST, è una situazione cronica, sebbene negli Stati Uniti, come ho descritto nel libro, sia relativamente facile procurarsi un riparo gratuito o a prezzo accessibile.
In aggiunta al quadro negativo, l’acquisto della prima casa ha raggiunto il punto più basso degli ultimi 30 anni.
Il 73% degli americani di razza bianca è proprietario della casa in cui risiede. Tale percentuale scende al 43% per gli afroamericani e al 46% per gli ispanici.
Vi è una ragione principale per questa disparità razziale. Le famiglie bianche dispongono di una ricchezza 13 volte superiore a quelle di colore e 10 volte superiore a quelle “latine” secondo il Pew Research Center. In confronto, la ricchezza dei bianchi era di nove volte quella ispanica e otto volte quella dei neri solo nel 2010. Il drammatico allargamento della forbice è imputabile essenzialmente alla crisi dei subprime, iniziata nel 2008, che ha sottratto caterve di case alle famiglie economicamente più fragili, perlopiù rappresentate da non-bianchi.
Causa la crescente americanizzazione dell’Europa occidentale, lo potete constatare di persona, il disagio abitativo sta incrementando vistosamente anche nel Vecchio Continente. Meglio che lo sappiate per tempo.

Articoli di approfondimento: Homes for the Homeless

Homelessness in America

29 gennaio 2015

Quirinale: lotteria Italia a stelle e strisce

di Gianni Lannes

I giochi sono già preconfezionati da tempo e mandano in onda la solita farsa per gli allocchi, condita dallo stantio odore della massoneria. Chi sarà il dodicesimo governatore dell’ex Belpaese per conto di Washington, Londra e Tel Aviv?
«Sergio Matterella è un personaggio positivo. E’ un simbolo della lotta alla mafia. Punto su Mattarella, oggi lui è il candidato del Pd» parola del democristiano Matteo Renzi. Orbene, il predetto Mattarella, per la cronaca della memoria corta, è stato ministro della difesa sotto il secondo governo D’Alema, che autorizzò i bombardamenti italiani in Jugoslavia nel 1999 (“Allied Force” in Kosovo). Mattarella è sempre quello che ha negato la presenza di migliaia di bombe all’uranio impoverito sganciate dalla NATO nell’Adriatico e mai recuperate, ovvero bonificate, in modo tale da consentire a questi ordigni di inquinare – fino ai giorni nostri e per sempre – ecosistemi naturali ed umani.
Eleggere un inquilino del Quirinale significa occupare per conto straniero, una poltrona ben pagata dagli italidioti, ed occupare una casella cruciale nello scacchiere del potere telecomandato dall’estero dello Stivale, trasformato in una portaerei nordamericana per fare la guerra a mezzo mondo. Di tutte le rose spuntate dal retrobottega dell’Italietta delle banane, non ce n’è una veramente presentabile. Addirittura sul blog del Grillo compaiono Prodi e Bersani: il primo è un noto spiritista, occultista ed esoterista (vedi prigione di Aldo Moro), mentre l’altro onorevole è stato pagato con 98 mila euro dal clan Riva (gli inquinatori di Taranto) per la campagna elettorale del 2006.

Da aggiungere all’interessante analisi di Gianni Lannes che gli americani si sono studiati a fondo l’ordinamento giuridico nostrano onde manipolarlo “democraticamente”.
Non solo ci hanno imposto l’Italy-cum, per creare un bipartitismo perfetto nonché fittizio (i radicali coi loro referendum ci provano da 20 anni e più), pure sanno che il capo dello stato da noi (come da loro) è anche il capo supremo delle Forze Armate.
Pertanto, ambirebbero insediare sul Colle un guerrafondaio che, senza esitazione, ci trascini in guerra contro la Russia o chicchessia. Non importa che, magari per ritorsione, ciò ci potrebbe costare una bomba atomica sganciata su Milano o Roma o Venezia.
PS ‘Scuola, Giannini: alle elementari si studierà una materia in inglese’ Visto che le famose ‘lingue straniere’ della Giannini sono l’inglese? Vogliono imporre nel super-stato europeo la lingua unitaria riducendo anche il francese e il tedesco a idiomi paradialettali. Del resto, nel programma M5S c’è l’obbligo di insegnare l’inglese già all’asilo.
Che differenza passa tra Renzi e Grillo?

Articoli di approfondimento: Tripolarizzazione geoculturale del mondo dopo la terza guerra mondiale

Gianni Lannes

29 gennaio 2015

Lo strano caso della lunetta vagante

Potrebbe sembrare il titolo di un romanzo della serie di Sherlock Holmes. Viceversa, è una storia di asteroidi e delle loro romanzesche lune di dimensioni ridotte.
Il 29 maggio 2013 la NASA annunciò che l’asteroide 1998 QE2 possedeva una lunetta. Ciò era stato fotografato dall’antenna del Deep Space Network ubicata a Goldstone in California.
Qualche giorno fa, fine gennaio 2015, ha suscitato l’interesse del grande pubblico il passaggio a distanza ravvicinata dell’asteroide 2004 BL86. Ebbene, lo stesso apparato radar di ricerca ha riscontrato l’esistenza di un piccolo satellite oblungo orbitante questo altro corpo vagante nello spazio.
Qui viene la parte stupefacente.
Sembra che le lunette, che orbitano due corpi completamente differenti e molto distanti tra loro, siano uguali sia come forma, sia come brillantezza e composizione la quale sembra essere addirittura metallica. Si potrebbero perfino trattare del medesimo oggetto o, possibilmente, di un artefatto del sistema di rilevazione.
L’astronomia moderna non smette mai di stupirci.

27 gennaio 2015

Il “Cavaliere Nero”: nuove informazioni

Il video più informato finora scovato sul cosiddetto “Cavaliere nero” un satellite di ignota origine in orbita polare retrograda. Fu scoperto nel 1954, ossia tre anni prima del lancio dello Sputnik 1, il primo satellite artificiale di origine umana.
Nessuno sa cosa sia esattamente questo oggetto. È stato fotografato dallo Space Shuttle e alcune altre volte.
La NASA e le equivalenti agenzie spaziali internazionali mantengono uno stretto riserbo su di esso. Buona visione.

27 gennaio 2015

La fandonia della “deflazione”

Tutti contro la deflazione, sei banche centrali tagliano i tassi. Ma quali sono i rischi?” titola oggi il Sole 24ore online.
Tuttavia, quella della deflazione è una delle balle più grossolane che i mass media ci stanno propinando. Ciò che avviene nella realtà, è una potente biflazione che si dovrebbe definire stagflazione. Si tratta di una circostanza in cui inflazione e deflazione si verificano contemporaneamente.
L’Italia viene attualmente prepotentemente trascinata verso il terzo mondo dai governi eterodiretti da Washington.
E cosa avviene nel Terzo Mondo?
I beni indispensabili, come cibo e medicinali, hanno prezzi proibitivi mentre il superfluo costa niente tranne il lusso ma che è appanno di una sparuta minoranza.
Ma da noi esiste, inoltre, un fenomeno peculiare. L’enorme costo dello stato e delle burocrazie statali inadempienti provoca una pressione fiscale a livelli astronomici. Noi abbiamo quindi anche i costi obbligati (Irpef, TASI, bolli, imposte sulle bollette, tasse su lavoro, pensioni, ticket sanitari, ecc.) che incrementano assai più dell’inflazione.
Questo vale, in particolare, per le banche.
Nessun opinionista dei giornali “autorevoli” ha osservato un fatto: grazie al governo Monti, che ha obbligato tutti ad avere il conto corrente, simo tiranneggiati dagli istituti di credito.
Nel silenzio generale, le banche hanno impugnato il coltello dalla parte del manico invertendo i ruoli. Se prima le banche remuneravano i clienti, tramite gli interessi sui depositi, per ottenere denaro, oggi esse si fanno pagare dai depositanti per tenere custodito il denaro, peraltro sempre più smaterializzato.
Nessuno ha detto che le banche sono state de facto elevate a enti istituzionali parificati allo stato.
In sostanza, in Italia i costi, realmente o resi fittiziamente, obbligatori salgono da anni con un ritmo da doppia cifra mentre i beni non immediatamente indispensabili (alla maggior parte della popolazione) quali automobili, immobili, montature per occhiali, elettrodomestici ecc. subiscono una potente deflazione da surplus nel mercato.
Del resto, la famosa casalinga di Voghera che ha una lavatrice vecchiotta che funziona ancora egregiamente, ad esempio, perchè dovrebbe cambiarla solo per seguire la moda?
Per gli autoveicoli, grazie alla complicità dei falsi ambientalisti, hanno escogitato lo stratagemma dell'”inquinamento” per forzare la gente a cambiare macchina vietando la circolazione ai modelli più vecchi. (Qui in Lombardia, dove pare abitino i ricchi scemi, hanno già messo fuori legge le Euro 3).
In conclusione, non ci sarà nessuna deflazione, come paventano gli “esperti” bugiardi di regime, ma una biflazione (sarebbe meglio dire stagflazione = stagnazione economica con inflazione) che penalizzerà, al solito, le fasce di popolazione più povere.
PS 28-1 ‘Perché condonare il debito alla Grecia farebbe bene anche all’Europa’ Il Sole 24ore appoggia Tsipras dimostrando che lui è assolutamente un agente dei poteri forti e delle banche. Forse dopo una raffica di improperi ricevuti, il Sole ha cambiato il titolo dell’articolo in giornata in: ‘La provocazione: condonare il debito alla Grecia farebbe bene all’Europa’.

Biflazione & Stagflazione

27 gennaio 2015

Archeo Misteri Magazine – gennaio 2015

In edicola in numero 03 della rivista Archeo Misteri Magazine – gennaio 2015. Buona lettura.
Archeo Misteri Magazine - gennaio 2015

26 gennaio 2015

Caccia F16 greco precipita presso la base di Albacete in Spagna

Un caccia greco è precipitato oggi verso le 15:30 nella Spagna centrale. L’aeroplano sarebbe esploso in fase di decollo vicino alla zona di parcheggio nella base Los Llanos ad Albacete.
Secondo fonti del Ministero della Difesa spagnolo, fino a una decina di persone sarebbero rimaste ferite nell’incidente, alcune in modo grave. I vigili del fuoco sono sul posto per mettere la situazione sotto controllo.
La base di Albacete è impiegata dalla NATO e il caccia greco era presente per partecipare a una esercitazione.
AGGIORNAMENTO 27-1 14:18 Salgono a 11 le vittime compresi i due piloti di nazionalità greca. Si tratta per gli altri di personale militare francese. Nove italiani ci sono tra i feriti secondo l’ANSA.
Uno dei piloti avrebbe compiuto una manovra errata in fase di decollo finendo fuori pista e scontrandosi con altri velivoli in parcheggio. Secondo la pagina FB della base aerea si sarebbe verificato un guasto al motore.

https://pbs.twimg.com/media/B8SWouwIAAA6h2X.jpg:large

Image source: Google Maps

26 gennaio 2015

UFO International Magazine – gennaio 2015

In edicola il numero di gennaio 2015 della rivista ufologica UFO International Magazine diretta da Roberto Pinotti. Buona lettura.
UFO International Magazine – gennaio 2015

25 gennaio 2015

La lingua della terza guerra mondiale

In questo bizzarro servizio di una TV locale realizzato a Mariupol, in Ucraina, un soldato incontrato accidentalmente dalla troupe, chiede di non essere inquadrato in faccia in perfetto inglese. Dice: “Out my face, out my face, please!
Non è strano?
I combattenti ISIS parlano in perfetto inglese, i soldati che combattono in Ucraina parlano inglese.
Anche cartelli che ho visto in Italia esposti dai cosiddetti ‘antagonisti’, ‘no global’ hanno cominciato a essere scritti in inglese.
Non riuscite ancora a unire i puntini per completare il quadro?

25 gennaio 2015

La NASA ha scritto “76” sulla sabbia di Marte?

Sarà un caso di pareidolia o no ma, se osservate in basso a destra l’immagine sotto, potete scorgere un numero 76 visibile sulla sabbia marziana.
Che roba è?
La prima cosa che mi viene in mente è uno scherzo da parte della NASA in risposta alla lettera C presente su una roccia lunare in una famosa fotografia. Ii riferimento presumibile sarebbe al 1976, anno dello sbarco della prima sonda Viking.
Oppure cos’altro potrebbe essere?

Collegamento all’immagine originale: http://mars.jpl.nasa.gov/msl/multimedia/raw/?rawid=0796MR0034810030500184E01_DXXX&s=796.548258431145
https://i2.wp.com/mars.jpl.nasa.gov/msl-raw-images/msss/00796/mcam/0796MR0034810030500184E01_DXXX.jpg

24 gennaio 2015

Alexis Tsipras, un altro cavallo di Troia?

Mi lascia perplesso questo commento di Giulietto Chiesa che ritengo poco avveduto.
La sua quasi approvazione del partito greco ΣΥΡΙΖΑ mi sembra piuttosto avventata.
Alexis Tsipras e il suo programma appaiono una fotocopia del M5S in Italia che, come ho dimostrato infinite volte, è un ‘fake’ della Casa Bianca onde rinforzare la moneta unica europea togliendo voti a chi veramente si oppone.
Vediamo di capire perchè Tsipras, a mio avviso, è un astuta beffa:

  • Nel suo programma ci sono gli Eurobond che sono il debito pubblico comune europeo in embrione nel QE di Draghi. Anche l’M5S ha nel programma gli Eurobond.
  • Pertanto Grillo finge di essere contro l’euro mentre Tsipras non ne vuole palesemente uscire, quindi vuole solo che i ‘ricchi’ d’Europa si accollino i debiti della Grecia.
  • Rivelante: Tsipras, esattamente come Grillo, sulla politica estera (Palestina, Ucraina, NATO) ha una posizione fumosa o assente per non farsi scoprire come agente degli USA.
  • Egli ha in programma tutti gli “ammenicoli” di Grillo (Radicali) e Renzi come l’inglese, la banda larga, i gay, internet, eutanasia, aborto, fare lavorare nelle festività religiose, i ‘migranti’, gli OGM ecc.
  • Tsipras, sempre al pari di Grillo, è stato ricevuto nei salotti buoni della City londinese significando semplicemente che è un loro uomo. Nessun Hugo ChavezJoerg Haider, nessuna Marine Le Pen sarebbe mai invitata dai banchieri anglosassoni.
  • Sopratutto, Tsipras nulla dice sullo strapotere delle banche, l’obbligo di avere il conto in banca, le transazioni digitali, l’abolizione del contante in nome della ‘lotta all’evasione’ (quella dei poveracci solamente).

Sono esterrefatto dal constatare come Giulietto Chiesa non intuisca che la vergognosa criminalizzazione e demonizzazione della Germania (uno degli stati più virtuosi e civili al mondo) è pienamente assimilabile a quella inscenata contro la Russia di Vladimir Putin.
L’obbiettivo mediatico è spostare la attenzione dai veri colpevoli cioè gli Stati Uniti e la massoneria, complici nella tragedia greca divenuta europea.
Vedrete che anche su Tsipras avrò ragione. La sua sinistra è finta, ‘radicale’, non a caso, i veri comunisti ellenici con ΣΥΡΙΖΑ non vogliono avere nulla a che fare.
Vladimir Ilyich Ulyanov detto Lenin disse: “il miglior modo per controllare l’opposizione è di guidarla“.
ADDENDUM 26-1 Notate come i media italiani, totalmente pro-euro, incensino Tsipras anche in funzione di creare leader ‘transnazionali’ per impiegare un lemma del Partito Radicale.

22 gennaio 2015

Lo zampino di Stanley Kubrick?

Mi era forse sfuggito questo eloquente video che illustra la similitudine tra un effetto speciale impiegato per girare la pellicola 2001: odissea nello spazio e le immagini fasulle del panorama lunare.
Il regista nuovaiorchese Stanley Kubrick è da più parti indicato anche come il direttore occulto della simulazione dello sbarco sulla Luna, effettuato per ben 6 volte tra il 1969 e il ’72.
Per  ‘2001’, girato nel 1968, la NASA aveva fornito consulenza di cui aveva ottenuto credito nei titoli di testa. Tale riferimento è stato però rimosso nell’edizione distribuita in DVD.
Già nel ’75, per il film Barry Lyndon, forse a ricompensa, ottenne ancora supporto dall’ente spaziale americano il quale gli fornì lenti speciali per le riprese a lune di candela.
Nel film Shining, del 1980, il bambino protagonista indossa un maglioncino con la scritta ‘Apollo’ in verticale. Sotto cui, in orizzontale, c’è la scritta ‘USA’ e in mezzo ciò che potrebbe sembrane uno spezzone di celluloide.
Il film Eyes wide shut sarebbe dovuto uscire il 20 luglio 1999, a 30 anni esatti dallo sbarco. Una coincidenza? Forse questo e altri messaggi a carattere esoterico, troppo esplicitati nel film, gli sono costati la vita il 7-3-1999.
Il filmato sotto, che confronta istantanee dal famoso segmento iniziale di 2001: odissea nello spazio, è particolarmente stuzzicante e fa riflettere.

 Fotogramma 'Apollo' dal film The Shining - Stanley Kubrick

21 gennaio 2015

Riconoscere l’oro vero dal falso e similoro

Ti stai domandando se il gioiello che stai indossando o se quello che hai ereditato dalla tua carissima nonna è realizzato in oro vero? Stai leggendo l’articolo giusto: grazie ai nostri suggerimenti, scoprirai come riconoscere l’oro vero dal falso.
Partiamo col dire che il metodo più sicuro per saperlo è sottoporre il prezioso all’attenzione di un bravo gioielliere. Tuttavia, attraverso diverse prove, è possibile indagare sulla sua vera natura.

1. Prova Visiva

La prima prova che deve affrontare il tuo gioiello è visiva. Attraverso un’occhiata accurata, infatti, puoi capire se il tuo oro è vero o falso. Avvaliti di una lente di ingrandimento e cerca la punzonatura, il segno impresso nel metallo che indica la purezza dell’oro in millesimi (1-999 o 0,1-0,999) o in carati (10k, 14k, 18k, 22k o 24k).
Gli oggetti in oro, in genere, non possiedono meno di 9 carati e riportano sempre il punzone che ne indica la caratura. Se, al termine della tua ricerca, non noti il punzone, è possibile che il tuo oggetto sia falso.

Bisogna specificare però che per gli oggetti antichi il punzone potrebbe risultare illeggibile o scomparso a causa dell’usura, mentre per gli oggetti contraffatti il punzone potrebbe sembrare autentico: attenzione!

Tipologie di Punzoni

Le scritte sui gioielli sono composte da tre cifre. Ecco come interpretarle:

  • Punzone 417 (10k): oro puro al 41,7%;
  • Punzone 585 (14k): oro puro al 58,5%;
  • Punzone 750 (18k): oro puro al 75%;
  • Punzone 917 (22k): oro puro al 91,7%;
  • Punzone 999 (24k): oro puro al 99,9%.

Per concludere la prova visiva, ricorda di controllare il colore della superficie dei bordi del tuo gioiello: nelle zone più esposte all’attrito è facile vedere se è presente una copertura d’oro o se l’oggetto è composto effettivamente di oro massiccio.

2. Prova di Densità

L’oro rappresenta uno dei metalli più densi esistenti sulla Terra. La sua densità, infatti, calcolata su un campione di oro puro a 24k, si aggira attorno ai 19,32 g/cm3.
Infatti, più alta è la densità, più l’oro è puro. Prima di effettuare il test della densità, ricordati che il risultato sarà tanto accurato quanto i tuoi calcoli e che l’ideale sarebbe sottoporre alla prova un oggetto in oro massiccio (la presenza di gemme, altera il risultato finale).
Può capitare che il tuo oggetto possa sembrare in oro massicco, ma che in realtà sia cavo. In questo caso, l’aria intrappolata all’interno del tuo prezioso, altererà la prova in quanto possiede una densità minore rispetto all’oro.

Come effettuare la prova della densità

  1. Poni il tuo oggetto in oro su una bilancia e annota il peso in grammi. (Se non possiedi una bilancia adatta, recati dal tuo orafo o gioielliere di fiducia).
  2. Procurati una provetta graduata e riempila con dell’acqua avendo cura di non riempirla fino all’orlo (perché con l’immersione del gioiello, rischierebbe di fuoriuscire); annota il livello dell’acqua.
  3. Immergi il tuo prezioso d’oro. Annota il nuovo valore raggiunto dall’acqua e calcola la differenza tra questi due numeri, utilizzando i millimetri (mm) come unità di misura.
  4. Calcola la densità impiegando questa formula: ρ (densità) = m (massa) / V (volume). Se il tuo risultato è vicino a 19 g/cm3, molto probabilmente il tuo gioiello è costituito in oro vero.

La purezza dell’oro influenza la densità, per questo otterrai diversi valori in basa alla caratura:

  • 14k – da 12,9 a 14,6 g/ml;
  • 18k giallo – da 15,2 a 15,9 g/ml;
  • 18k bianco – da 14,7 a 16,9 g/ml;
  • 22k – da 17,7 a 17,8 g/ml.

Prova dell’Acido Nitrico

La prova dell’acido nitrico rappresenta la migliore in assoluto per riconoscere l’oro vero da quello falso. In commercio, esistono dei prodotti mirati (come questi) per effettuare questo tipo di test e il loro funzionamento è molto semplice:

  1. Prima di tutto, occorre posizionare il prezioso in un contenitore di acciaio inox;
  2. Mettere una goccia di prodotto sull’oro e osservare la reazione.

Il tuo oggetto frigge e diventa verde? Allora non è di oro vero, ma di un altro metallo.
Il tuo oggetto si macchia? Allora può essere composto da oro “basso”.
Non è presente alcuna reazione? Allora, molto prabilmente, il tuo prezioso è in oro massiccio.

Fonte: http://www.igj.it/gioielli-preziosi/tutorial/come-riconoscere-l-oro-vero.html

Non solo sembra che molti lingotti nei caveau delle banche centrali siano in verità fatti di tungsteno placcato oro, ma anche la gioielleria conume è sempre più inquinata da patacche. Su Alibaba e altri siti cinesi, nonchè su Ebay, ci sono intere gioiellerie di oro fasullo che vendono lingotti e preziosi di ogni tipologia e peso. Alcuni di questi manufatti made in China sono talmente ben fatti che vengono sempre più spacciati da lestofanti come metallo prezioso autentico. In Asia questa piaga è cronica.
Un tipico stratagemma è quello di smerciare oro proveniente da refurtiva da cui il prezzo particolamente vantaggioso. In realtà, non si tratta di roba rubata ma falsa.

Distinguere se l'oro è falso

20 gennaio 2015

Via di fuga per astronauti codardi

In questo video viene descritto ciò che qualcuno non conosce. Durante le missioni Apollo, che portarono l’Uomo sulla ‘Luna’, gli astronauti potevano evacuare indisturbati e non visti, dopo essere saliti eroicamente a bordo davanti alle telecamere. Come esattamente ha sempre detto Bill Kaysing.
Quindi, non è vero ciò che asseriscono i ‘lunarrivisti’ secondo cui gli astronauti non potevano sfuggire alle telecamere.

18 gennaio 2015

Boeing KC-135 l’aereo delle scie chimiche

Il Boeing KC-135 è un velivolo militare statunitense sviluppato dalla metà degli anni ’50 parallelamente al modello passeggeri commerciale 707.
Il KC-135, che dovrebbe rimanere in servizio ancora per anni, ha principalmente funzione di aereo cisterna per incrementare il raggio d’azione di altri aerei tramite rifornimento in volo. Può anche trasportare ammalati funzionando da ambulanza volante.
Le immagini delle scie chimiche sembrano mostrare che questo tipo di aeroplano viene sovente impiegato dal governo degli Stati Uniti per appestare il mondo con le cosiddette scie chimiche.
Il video sotto comprende uno spettacolare “frontale” mancato di poco da parte di questi velivoli con un aereo cargo del corriere FedEx nell’estate del 2012.
Gli aerei che spandono scie chimiche vengono indirizzati ad altitudini libere dai voli commerciali ma, volando a transponder spento, talora le distanze sono pericolosamente ravvicinate. Di KC-135, ne sono stati prodotti 820 esemplari, nelle varie versioni, quindi ce n’è in abbondanza anche per la guerra segreta al genere umano.

19-1-15 Scie chimiche a Peschiera del Garda. Le ho viste uguali anche da casa mia, nel pomeriggio, sono le stesse visto che io abito poco distante.

18 gennaio 2015

Pianeta X? Forse esiste, anzi, più di uno

Sono almeno due i pianeti più grandi della Terra che probabilmente si nascondono nelle profondità oscure dello spazio ben oltre Plutone, che aspettano solo di essere scoperti: questo è quello che suggerisce una nuova analisi delle orbite estreme di “oggetti trans-nettuniani” (ETNO). I ricercatori hanno studiato 13 Etno, corpi glaciali, come il pianeta nano Sedna che viaggia intorno al sole a grandi distanze in percorsi ellittici. La teoria prevede un certo insieme di peculiarità per le orbite di tali oggetti, secondo quanto riportano i membri del team di studio. Ad esempio, dovrebbero avere un semiasse maggiore, o la distanza media dal Sole di circa 150 unità astronomiche (UA). (1 UA è è un’unità di misura usata su scala interplanetaria che equivale circa alla distanza media tra la Terra e il Sole. Un’unità astronomica misura 150 milioni di chilometri o approssimativamente 93 milioni di miglia.) Queste orbite dovrebbero avere un’inclinazione, rispetto al piano del sistema solare, di quasi 0 gradi, tra le altre caratteristiche. Ma le orbite attuali dei 13 ETNO posti in osservazione sono molto diverse, con semiassi maggiori che vanno da 150-525 AU e medie inclinazioni di circa 20 gradi. “Questo eccesso di oggetti con parametri orbitali inaspettati ci fa credere che alcune forze invisibili stiano alterando la distribuzione degli elementi orbitali di questi Etno, e riteniamo che la spiegazione più probabile è che esistono altri pianeti sconosciuti oltre Nettuno e Plutone”, così riferisce in un comunicato l’autore principale dello studio Carlos de la Fuente Marcos, dell’Università Complutense di Madrid. “Il numero esatto è incerto, dato che i dati che abbiamo è limitato, ma i nostri calcoli suggeriscono che ci sono almeno due pianeti, e probabilmente anche di più, entro i confini del nostro sistema solare”, ha aggiunto. ( http://www.denebofficial.com/ )

Non sanno assolutamente niente. Tirano a indovinare. A quella distanza dal Sole, oggetti che non emanano luce propria o radioonde sono invisibili. Probabilmente di corpi grandi come la nostra luna, Terra o perfino più grandi ci sono in quella moltitudine. Solo nel 2005 fu scoperto Eris che si trova a soli 97 UA,  innescando la retrocessione di Plutone a pianeta nano. Dentro la cintura di Kuiper (> 50 UA) ci potrebbe essere di tutto.  A quella distanza, se un oggetto non emette abbastanza radiazioni di una qualche lunghezza d’onda risulta irrintracciabile, dato che il Sole da laggiù brilla quasi quanto una stella qualunque. Non si può contare sull’osservazione di luce riflessa.Pianeta X  

17 gennaio 2015

Scie chimiche oggi sopra New Orleans, Louisiana


Ho già scritto della connivenza e favoreggiamento dell’aeronautica civile nei confronti della geo-ingegneria clandestina.

16 gennaio 2015

Giulietto Chiesa – I Misteri di Parigi

‘In Grecia il capo della rete del terrore’ Strano che il terrorismo ‘islamico’ colpisca i paesi più euro-problematici! ‘foreign fighters’ = ‘spending review’, già l’uso di locuzioni inglesi indica trattarsi di una macabra e malvagia macchinazione. ‘Riforme, Berlusconi: Renzi tranquillo, rispettiamo gli impegni presi. E se la prende con Brunetta’ È tutto finto, B. se la prende col suo stesso partito per salvaguardare Renzi fino al 2018 contro i cittadini italiani. Pensate a quelli che hanno comprato tutti i (costosi) libri di Travaglio e i DVD di Grillo quando è tutta una messa in scena. Hanno fatto usare ai terroristi ‘islamici’ gli AK-47 per terrorizzare ancora di più la popolazione a non ribellarsi contro il super-stato europeo e l’euro.

15 gennaio 2015

Chi sarà il nuovo presidente?

Giorgio Napolitano

Napo Orso Capo si è dimesso dopo mesi di pressioni da parte degli USA (materializzate in parlamento dal M5S).
Il Dipartimento di Stato, con certa massoneria iperglobalista nostrana, ambirebbe in fretta insediare al Colle un “antiproibizionista” favorevole a droga libera, acquisto F-35, ingresso libero di clandestini da mantenere e curare a nostre spese, imposizione della scuola digitale e della lingua inglese onde ingrassare le aziende IT, settore militare e tabacco (droga) quotate a Wall Street. Qualcuno disposto a distruggere l’Italia, azzerando la sua economia, in nome degli Stati Uniti d’Europa.
Rispondono a questi requisiti Rodotà, Boldrini e Bonino (sebbene quest’ultima abbia ultimamente annunciato di essere seriamente ammalata).
Dalla altra parte, le élite più tradizionalmente nazionali, diciamo raccolte attorno a De Benedetti e al suo gruppo di potere. A costoro farebbe comodo qualcuno meno radicalmente dispoto a lasciarci morire di fame in nome del NWO. Probabilmente per costoro andrebbe bene un Prodi, sempre agente dei poteri forti ma moderato, o un politico vagamente credibile come Piero Fassino.
Non ritengo che il nuovo inquilino di uno dei sette colli dell’Urbe sia fuori dalla rosa che ho citato. A meno che parte dei grillini o la componente di sinistra PD non disobbedisca agli ordini provenienti da Washington eleggendo un nome di compromesso.
Quanto a Berlusconi, credo gli rimangano esigui spazi di manovra. Gli americani gli hanno fatto togliere immunità parlamentare e passaporto. Mira soltanto a salvare le sue aziende. Il patto del Nazareno per lui è funzionale a questo.
Chiunque scelgano non basterà a nulla, l’Italia è finita, lo devo avere scritto tante di quelle volte. Mi auguro solamente di non dovere rimpiangere perfino re Giorgio.

14 gennaio 2015

Inconveniente sulla ISS. Tutto bene davvero?

Una perdita sospetta di materiale tossico si è verificata oggi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. L’incidente è avvenuto nel settore americano e gli astronauti statunitensi trascorreranno la notte, per precauzione, ospiti in quello russo. Eufemismo dato che nello spazio la notte dura pochi minuti, il tempo di ogni oggetto orbitante di entrare e uscire dal cono d’ombra della Terra.
Dalle prime informazioni, sembrava che la perdita fosse dovuta a una scarica di ammoniaca anche se la perdita non è al momento confermata dalla NASA.
La cosmonauta italiana, a bordo in questo periodo, Samantha Cristoforetti ha twittato “Stiamo tutti bene“. Secondo l’Esa, l’ente spaziale europeo, si tratterebbe di un falso allarme.
In ogni caso, il Controllo Missione ha avvisato che una passeggiata spaziale potrebbe essere richiesta onde eseguire controlli all’esterno della ISS. Non si può escludere che la stazione orbitante sia stata colpita da un micro-meteorite.
Già lo scorso anno un piccolo meteorite bucò il radiatore ad ammoniaca della parte americana possibilmente più esposta. Le fotografie mostrarono un buco di 10 cm per 13 cm causato forse anche da un pezzo di rottame spaziale.
Attendiamo gli sviluppi della situazione.

https://i2.wp.com/cdn.rt.com/files/news/36/54/70/00/iss.si.jpg

13 gennaio 2015

Li hanno lasciati scappare

Vedete dal video che è stata tutta una messa in scena come vi ho detto già un’ora dopo l’attentato a Charli Hebdo. L’auto della polizia era li a sorvegliare che tutto procedesse per il verso giusto (con i lampeggianti accesi). Poi indietreggia per lasciarli fuggire invece di mettersi di traverso, nella strada stretta, e ingaggiare il conflitto a fuoco. Notare che i due tizi, che assistono e filmano la scena, si chiedono se le armi siano vere. Hanno avuto probabilmente l’impressione che si trattasse di un film.
La cosa che mi ha subito colpito è come mai, nella città più turistica al mondo, ci siano le strade completamente deserte, sia da veicoli che da pedoni, come si trattasse di una città fantasma. Di solito, succede quando chiudono una via al traffico perchè ci devono girare un film.
È chiaramente un evento forma-pensiero che sta servendo ai padroni del vapore per accelerare l’unità europea e un avviso mandato a quei politici e giornalisti che criticano l’euro, la Nato, la BCE.
OT? ‘Corte Ue dà ragione a Bce. Draghi: “La Germania capisca”‘ Loro vogliono costringere la Germania a mantenere in eterno i PIGS altrimenti la moneta unica salta.

12 gennaio 2015

Uno, due, tre, è ora di morire

Chi si ricorda i telefilm polizieschi e di spie degli anno ’70?
Sono trascorsi 40 anni e passa, mamma mia!
C’era Simon Templar con Roger Moore e poi Attenti a quei due con Tony Curtis e lo stesso Moore che impersonava quasi alla perfezione l’aplomb dell’aristocratico britannico.
Tuttavia, nessun attore inglese o meno potrebbe pareggiare la flemma di John Steed, impersonato da Patrick Macnee. Ne attrice potrebbe, a mi parere, uguagliare il fascino prorompente di Diana Rigg (Emma Peel).
John Steed fece parte anche del trio con Gambit e Purdey di un’altra serie di noir-spionaggio, di cui mi sfugge il nome, ma sempre al servizio di sua maestà britannica.
In comune queste serie di telefilm avevano una cosa. C’era almeno una puntata in cui un omicidio o reato veniva commesso da un personaggio che poi veniva manipolato con il controllo mentale. Egli alla fine non si ricordava nulla. Al massimo rammentava di essere stato ricoverato in una clinica nascosta tra i boschi e sottoposto all’attenzione di strani dottori. Di solito, l’impulso ad agire era attivato da una frase o parola trasmessa al soggetto per telefono o un facendogli leggere un biglietto.
In almeno un episodio che non ricordo bene comunque l’addotto pronunciava il nome delle vittime predestinate prima di ucciderle.
Mi è tornato alla mente questo particolare quando ho letto che i “marocchini” della strage del giornale Charlie Hebdo a Parigi avrebbero pronunciato il nome delle loro vittime prima di falciarle a raffiche di mitra. E mi è venuto in mente pure che dagli anni ’80 in poi il condizionamento mentale è scomparso dalle trame dei film e dei telefilm. lo avete notato anche voi, o è una mia fantasia?
Questi disgraziati sono stati condizionati da psicologi e psichiatri militari in Yemen o qualunque posto destrutturato come la Libia in modo da avere mano libera. Significativo che i “terroristi” fossero conosciuti dalle forze antiterrorismo. Vuol dire che li hanno selezionati in base al profilo psicologico. Io penso questo.
Esiste una legge scritta negli USA che obbliga per il casting di ogni serie di telefilm a impiegare almeno un attore di colore e una donna. Casualmente o no, i 4 protagonisti delle stragi di Parigi sono due bianchi, un nero e una donna.
Anni fa, ero a Londra e provai a scrutare se qualche gentiluomo britannico, per caso, fosse rimasto in circolazione. In effetti, attorno alla City qualche sparuto elemento che andava di fretta con bombetta, vestito grigio e ombrello l’ho intravisto. Quanto a qualche Emma Peel, beh, accidentalmente ero capitato durante il Gay Pride che si svolgeva a Trafalgar Square. Non è che “Londinium” pullulasse di donne in quei giorni.
Va be’, che ai miei tempi per il Dipartimento di Biologia del Campus c’era uno studente che soleva dire che ‘il kulo è la fika del futuro’ ma, personalmente, mi considero un ‘conservatore’. Meglio ritornare ai telefilm anni ’70.
Già, son ricordi.

PS ‘Una Nuova Europa contro il Nuovo Terrorismo (di R. Napoletano)’ Vedete che anche al giornale di Confindustria degli imprenditori non frega assolutamente niente. Il suo scopo è unicamente creare il super-stato europeo (continentale) per accelerare il quale la terribile messa in scena di Parigi è stata ingegnata. ‘Ogm, via libera dell’Europarlamento sui limiti dei singoli paesi alla coltivazione’ L’Europa è lo scendiletto delle multinazionali americane.

Patrick Macnee e Diana Rigg

12 gennaio 2015

A Funny Thing Happened on the Way to the Moon 2 (prima parte)

Oggi è una giornata storica per la beffa della Luna. Bart Sibrel ha appena pubblicato la prima parte del sequel di A Funny Thing Happened on the Way to the Moon: A Funny Thing Happened on the Way to the Moon 2.0 – Part One – English in HD.
Viene inserita una intervista a Bill Kaysing. Buona visione.

Film integrale di A Funny Thing Happened on the Way to the Moon: A Funny Thing Happened on the Way to the Moon in HD