Ade Capone come Jim Irwin

È morto improvvisamente questa mattina a Milano il salsese Ade Capone, sceneggiatore e autore di libri, fumetti e programmi tv.
Piacentino di origine, aveva 56 anni. Nel 1992 aveva creato il personaggio Lazarus Ledd, totalizzando 14 anni di presenza in edicola. Ma Capone era autore poliedrico: partito, nel 1980, realizzando centinaia di storie brevi per Skorpio e Intrepido, aveva sceneggiato una trentina di albi di Zagor, ma anche alcuni Martin Mystère e Mister No.
Autore per la trasmissione di Italia Uno Mistero e supervisore editoriale della rivista Mistero magazine è stato l’organizzatore del primo Festival del Mistero che si è svolto lo scorso anno a Salsomaggiore. Lascia tre fratelli.
(Gazzetta di Parma)

In un certo qual senso, me lo sarei aspettato. Capone paga con la vita il fatto di avere portato mainstram argomenti (quelli di Paolo Franceschetti, per essere chiari) la cui essenza sta anche nel non diventare di pubblico dominio nei media ‘credibili’.
Io guardo poco la TV ma, mi dicono, Adam Kadmon e il giornale Mistero avevano approfondito argomenti che ci possono stare in un blog qualsiasi ma non su Italia 1 o in edicola editi da Berlusconi.
Già Berlusconi. Può darsi che questo sia un avvenimento trasversle dai poteri forti a non tradire il patto del Nazzareno. Il ‘Nazzareno’ è chiaramente un accordo di stampo massonico per eliminare la democrazia in Italia, con la complicità del duo Grillo-Casaleggio, per sostituirla con i ‘sondaggi’ e le ‘intenzioni di voto’ oppure ancora con i ‘referendum online’ su piattaforma non open source dove la Casaleggio Associati fa uscire i risultati più confacenti alle esigenze dei poteri occulti.
Conoscevo Ade via qualche email poichè gli avevo spedito, previo consenso, il mio libro sulla vita di Kaysing.
Gentilmente, una o due settimane più tardi, su Italia 1 la domenica trasmise un servizio sulla beffa della Luna con vari interventi di Bill Kaysing. Non lo ringraziai mai, lo faccio adesso dolendomene di non averlo fatto prima. Deve uscire un suo libro a marzo che sarà postumo. Non ho idea di cosa tratti.
Anche se mi costò un piccolo spavento, quella domenica, in quanto un amico mi chiamò alle 21:30 dicendo: “Albino, accendi su Italia 1, c’è Kaysing“. Spavento perchè, l’amico mio non chiama mai a ore strane, quando vidi il nome sul display del cellulare ebbi la sensazione fosse successo qualcosa di nefasto. Una premonizione, chi lo sa.
Capone, era già stato avvisato di non fare troppo ‘chiasso’ circa certi argomenti, a mio avviso, con la messa in scena tragica del suicidio del carabiniere Luis Miguel Chiasso. Capone era figlio di un carabiniere.
Ade Capone muore d’infarto come Jim Irwin, l’astronauta dell’Apollo 15 che si era reso disponibile a rivelare che gli sbarchi lunari erano una beffa di fronte alle telecamere. Tre giorni dopo, l’8 agosto 1991, avere contattato Kaysing ed Ellery morì misteriosamente per attacco cardiaco. Questo è un periodo in cui bisogna sapere cogliere i segni dei tempi altrimenti ti ammazzano senza ritegno. Esagerato?
Io davvero non so chi potrà fermare il folle progetto del NWO. Certo non io, che sono soltanto un agricoltore della provincia di Brescia.
Riposa in pace, Adelino.

Ade Capone