Archive for febbraio 10th, 2015

10 febbraio 2015

Avviata una petizione per fare chiarezza sulla morte di Serena Shim

La giornalista americana di origine libanese Serena Shim è morta  il 19 ottobre 2014 in un incidente stradale molto sospetto. Giorni prima aveva scoperto e realizzato immagini dimostranti che la Turchia (= USA) sta foraggiando ISIS.
I combattenti ‘islamici’, secondo la testimonianza della Shim, ricevevano vettovaglie (e io dico armi) trasportate a bordo di camion delle famigerate ONG (organizzazioni non governative).
Oggi rincuora osservare come qualcuno stia finalmente alzando un polverone sulla morte della giovane corrispondente di guerra che lavorava per l’emittente iraniana PressTV.
La controprova che c’è qualcosa di contorto in quella morte è che sui media americani, così pronti quando viene lesa la libertà dei loro giornalisti, hanno semplicemente obliterato la storia di questa ragazza trentenne e madre di due bambini. Sembra che il governo USA neanche abbia contattato la famiglie per le condoglianze e spiegare l’accaduto.
PS ‘Oltre 200 morti, altri 100 dispersi’ Appello del Papa’ Vedete che è vero ciò che scrissi ormai 3 anni fa. Che li avrebbero lasciati morire (o uccisi deliberatamente) per costringere a UE ad aprire le frontiere a milioni di africani per distruggere le identità e americanizzarci. Purtroppo amici, non ci possiamo fare niente.

https://fbcdn-profile-a.akamaihd.net/hprofile-ak-xpf1/v/t1.0-1/c0.0.210.210/1509978_884262821613702_8366098516373664014_n.jpg?oh=f3d64a57599b5bbf7f9444ea770df3de&oe=558F884A&__gda__=1431787741_c89552274c8ea33c825a37fc8f5cfa41

10 febbraio 2015

Oggetto misterioso in mare a Porto Sant’Elpidio

Di Lorenzo Cisbani

PORTO SANT’ELPIDIO (FM) – A caval donato non si guarda in bocca ma, da qualsiasi angolazione lo si guardi, risulta complicato anche attribuire una faccia al regalo che il mare ha recapitato davanti allo chalet Moyto. Da questa mattina, infatti, fluttua ormai prossimo all’arenamento un pezzo di ferro di circa dieci metri, con una sorta di scaletta che lascia presupporre si tratti di un pezzo della piattaforma petrolifera o di imbarcazione.
Come prevedibile, il tam tam mediatico ha scatenato la curiosità di molti, accorsi a fotografare il leviatano metallico. (Fonte: http://postitpse.com/ )

AGGIORNAMENTO Con le forti mareggiate degli ultimi giorni il mare ha portato con sé un po’ di tutto. Da tronchi a oggetti in plastica, fino a carcasse di animali morti arrivati forse dalla foce del Tenna. Ma quello che è stato avvistato ieri nei pressi del lungomare sud era davvero qualcosa di grosso. Da lontano qualcuno lo avrebbe scambiato addirittura per un sommergibile, poi pian piano si è avvicinato alla riva e si è svelato essere una grossa scala in ferro attaccata a un tubo. Ora il bestione lungo quasi 10 metri nero e arancione giace sulla spiaggia davanti allo chalet Moyto e finora non si è risuciti a risalire alla sua provenienza. Ma fin da subito sul web e non solo è montato il caso. C’è chi si è domandato se non fosse un pezzo della piattaforma Eni a largo della costa nord elpidiense, creando un certo allarmismo per il fatto che la struttura avesse perso dei pezzi a seguito delle grosse onde. Ma il comandante del Circomare di Porto San Giorgio escluderebbe questa ipotesi. Perlomeno dice non è un pezzo staccatosi dalla struttura nella giurisdizione fermana. (VeraTV)

10 febbraio 2015

In CNN veritas

In vino veritas recita un detto latino. Ma forse lapsus freudiano rende meglio l’idea della bevanda di Bacco.
Oggi è stata sovrimpressa sulla CNN la scritta: “Obama considers arrming pro-US troops” ossia “Obama sta valutando se armare le truppe filo-americane” [in Ucraina].
Ma come? Non dovevano solo misericordiosamente aiutare gli ucraini ignominiosamente invasi dal terribile Vladimir Putin?
Quelli della CNN, al pari di MTV, e di ogni altra TV americana sono organici e implementati nel sistema di dominio globale che gli Stati Uniti d’America intendono erigere anche con la forza della (dis)informazione.
Verba volant, scripta manent (pure in sovrimpressione).

lapsus freudiano della CNN