Mattarella e Renzi, dove è l’oro d’Italia?

di Gianni Lannes

La riserva aurea appartiene al popolo sovrano. Ma quella italiana (per valore, la quarta al mondo), è stata sgraffignata da un pezzo con il beneplacito dei governi eterodiretti e dei politicanti lacché. Nel forziere della banca d’Italia, ormai di proprietà di privati, ci sono appena 451 tonnellate in lingotti d’oro. Altre duemila tonnellate giacciono teoricamente, non si sa bene a che titolo, se non la rapina di Stati “alleati”, per la gran parte in Federal Reserve, ovvero negli Stati Uniti d’America, e in misura minore nei forzieri bancari inglesi ed elvetici.
Mentre esperti, addetti ai lavori, professoroni e soloni da bignami blaterano di euro, ovvero di carta straccia pagata a caro prezzo dagli italidioti con il signoraggio bancario, esattamente dal 19 gennaio 2012, giace in parlamento l’interrogazione numero 4/14567, ancora senza una risposta, nonostante si siano susseguiti ben tre governi (Monti, Letta, Renzi) imposti dal napoletano. Anche sul web, dateci un taglio: smettela di sollevare aria fritta in economia e finanza.

PS ‘Libia, Isis e Boko Haram verso la Tunisia. Ma Usa ed Europa frenano su intervento militare’ Vedete che è tutto volto a costringere l’Europa ad accettare milioni di ‘profughi’ per americanizzarci, imporre la scuola ‘internazionale’ dove la lingua è l’inglese, senza religioni, come scrissi qui già nel 2012. ‘Dall’Italia impegno su acquisto novanta F35, ma tagliati i costi’ Ecco a cosa è servita l’anticasta, l’abolizione delle province e la legge Fornero!
Fonte: Gianni LannesFonte: Gianni Lannes

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: