Archive for aprile 17th, 2015

17 aprile 2015

Donna trattata brutalmente per avere cercato di vendere un sasso lunare

Un’arzilla nonna 74enne Joann Davis è stata brutalmente trattenuta da agenti federali dopo che si era rivolta alla NASA per sapere come vendere un pezzo di roccia lunare lasciatale dal marito ingegnere aerospaziale.
La donna è stata interrogata e quasi torturata per un paio d’ore. La roccia lunare le è stata sottratta col sospetto che si trattasse di roba rubata.
La signora c’è rimasta così male che intende citare, tramite il suo legale, la NASA chiedendo un risarcimento danni.
Bisogna chiedersi come mai il governo USA agisca con tale determinazione nei confronti dei possessori privati di rocce certificate “lunari”.
Forse la NASA teme che qualche laboratorio indipendente possa investigare da vicino quei campioni?

17 aprile 2015

Terremoto oggi, scossa di magnitudo 3.1 sul Gargano, avvertita in otto comuni

Terremoti nel Gargano 2015Alle 11.10,magnitudo 3.1.Ad Apricena scuole chiuse fino a domani
Una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 è stata registrata alle 11.10 nel distretto sismico del promontorio del Gargano dalla Rete sismica nazionale dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Non si registrano danni o feriti. Otto i comuni in cui si è avvertita la scossa nel raggio di 20 chilometri, ovvero Apricena, Lesina, Poggio Imperiale, San Paolo di Civitate, San Severo, Chieuti, Serracapriola e Torremaggiore. Un’altra scossa di terremoto di magnitudo 3.9 era stata registrata ieri alle 13.34 nello distretto sismico. In seguito, nella stessa zona, erano state registrate altre due scosse, di magnitudo 2 alle ore 13.37 e di magnitudo 3.2 alle 13.41.
Ad Apricena, uno dei comuni interessati dalle scosse, il sindaco ha disposto la chiusura di tutte le scuole fino a domani.
(ANSA)

Non avevo mai sentito parlare del comune di Apricena, dal nome buffo, finchè Gianni Lannes non ci aveva tenuto una conferenza sui terremoti artificiali di origine NATO.
PS ‘Appello di Samantha dalla Iss, partecipate all’Hearth Hour/SPECIALE’ In un solo rigo ADNKronos riesce a non sapere l’italiano e nemmeno l’inglese. Credo sia un primato. L’ora del focolare però non sarebbe male come idea.

17 aprile 2015

Finalmente lo ammettono, i ghiacciai di Marte sono composti di acqua

Chiaccia marziani

Marte possiede calotte glaciali ben riconoscibili ma anche fasce di ghiaccio d’acqua alle medie e basse latitudini che sono coperte da strati di polvere e terriccio che le rendono indistinguibili dal suolo roccioso.

Diversi satelliti artificiali orbitano intorno a Marte. Basandosi su misurazioni effettuate col radar e modelli sul movimento dei ghiacciai, ricercatori danesi hanno potuto stabilire che si tratta di ghiaccio d’acqua. Su Marte gli scienziati hanno scoperto cinture glaciali contenenti acqua sufficiente a ricoprire il pianeta per uno spessore superiore il metro. “Abbiamo analizzato le immagini radar fino a 10 anni fa osservando quanto spesso fosse e come si comportasse il ghiaccio” ha dichiarato Nanna Bjornholt Karlsson, dell’Istituto Niels Bohr presso l’Università di Copenhagen. Ha proseguito “In fondo, un ghiacciaio è un grosso pezzo di ghiaccio e scorre modellandosi in maniera tale da fornire informazioni sulla sua malleabilità da poterlo comparare con i ghiacciai sulla Terra. Da ciò, siamo stati in grado di elaborare modelli sul suo scorrimento“. Le cinture glaciali sono localizzate a latitudine tra 30° e 50° in entrambi gli emisferi del pianeta. Il dottor Karlsson ha inoltre detto “Abbiamo calcolato oltre 150 miliardi di metri cubi di ghiaccio, tale da ricoprire la superficie marziana per 1,1 metri. Quindi, questo ghiaccio, situato alle medie latitudini, costituisce un’importante riserva d’acqua“. I ricercatori hanno anche precisato che, se il ghiaccio non evapora nello spazio, ci deve essere una spessa coltre di polvere e detriti che lo protegge. In realtà, probabilmente la temperatura e pressione su Marte sono diverse da quelle ufficialmente riportate nei testi astronomici. Faccio sommessamente osservare che, tuttora, si insegna nelle scuole che lassù non esiste l’acqua eccetto una percentuale irrisoria in atmosfera sotto forma di vapore. Infatti, la pressione atmosferica marziana sarebbe talmente bassa che il ghiaccio dovrebbe passare immediatamente allo stato di vapore acqueo saltando la fase liquida in un processo denominato sublimazione. Verosimilmente, invece, in certi luoghi e condizioni si accumula anche H2O allo stato liquido. Le ricerche danesi sono state pubblicate sul giornale Geophysical Research Letter. Acqua e ghiaccio trovati su Marte