Mutilazioni umane misteriose: un caso emblematico

Il Dipartimento di Polizia della contea di Cameron nel Texas meridionale sta cercando elementi su una macabra scoperta. Alcuni pescatori hanno rinvenuto in mare un corpo decapitato e completamente nudo al largo della località Spring Break a sud della isola di Padre.
Come riferisce lo Houston Chronicle, l’uomo è stato identificato attraverso le impronte digitali e si chiamava Franklin Rodriguez Palacios Paz di 30 anni. Era un immigrato clandestino honduregno, per questo era noto alle forze dell’ordine essendo schedato, con prelievo delle impronte, poiché era stato fermato dalla polizia.
L’uomo, stando alle notizie di cronaca, oltre alla testa mozzata di netto, aveva delle ferite sull’addome inferte con un “oggetto molto affilato” ma non specificato o meglio identificato. Secondo lo sceriffo locale Omar Lucio, chi ha eseguito la decapitazione doveva essere un esperto essendo il taglio molto preciso. Palacios era scomparso cinque giorni prima dalla città di Edinburg nella contea di Hidalgo, sempre in Texas.
Questi indizi, oltre al ritrovamento vicino a un corpo idrico, potrebbero suggerire che si tratti di una mutilazione infertagli dopo un’adduzione da parte di entità extraterrestri.
Ho più volte scritto che il lato terrificante delle abduction è il fatto che molti esseri umani vengono rapiti e vivisezionati a scopo probabilmente di studio da parte degli alieni. Si tratta del medesimo caso delle mutilazioni del bestiame.
I governi sarebbero ben al corrente di questo fatto ma la cosa verrebbe totalmente nascosta all’opinione pubblica mondiale, al pari del fenomeno ufologico stesso. Forse per non dovere ammettere che, per gli extraterrestri, noi rientriamo nello stesso stadio evolutivo delle vacche.

Franklin Rodriguez Palacios Paz