Si sparano in casa: un dramma della disperazione

I soccorritori li hanno trovati che ancora si tenevano mano nella mano, sdraiati a letto uno a fianco dell’altro. Vicino a loro due pistole, due revolver, utilizzate per esplodere due colpi simultaneamente.
Per l’uomo – 51 anni, ex guardia giurata – non c’è stato nulla da fare. La donna – 59 anni – invece è stata trasportata d’urgenza all’ospedale Civile, in gravissime condizioni. I medici hanno cercato nel corso della notte di strapparla alla morte. Questa mattina le sue condizioni sono stazionarie.
È successo giovedì sera in un appartamento di via Cavour, a Nuvolento, dove i due abitavano. Sul posto il 112 e i Carabinieri di Brescia, cui spetta il compito di cercare di far luce sull’esatta dinamica della tragedia. E sulle sue cause.
Al momento non troverebbe riscontro l’ipotesi che il gesto sia dovuto a motivi di salute. Più credibile invece che il doppio colpo di pistola trovi radice nelle difficoltà legate all’occupazione di lui (l’uomo non lavorava da un paio di anni) e probabilmente all’imminenza di uno sfratto.