Dieci anni fa gli attentati di Londra. La città ricorda

7 luglio 2015 Ricorre oggi il decimo anniversario degli attentati ai trasporti pubblici di Londra. Esattamente 10 anni fa, il 7 luglio del 2005, diversi attacchi bomba colpivano bus e metropolitana londinesi, i primi attacchi kamikaze di estremisti islamici nell’Europa occidentale, in cui morirono 56 persone. Il Regno Unito oggi si ferma per ricordare, con diverse cerimonie, che giungono in un momento in cui il Paese è ancora scosso dall’attacco di venerdì 26 giugno in Tunisia, a Sousse, di cui 30 delle 38 vittime erano britanniche. Cerimonie commemorative al memoriale del 7 luglio a Hyde Park, poi messa alla cattedrale di St Paul. Un’altra cerimonia, per sopravvissuti e parenti delle vittime, al memoriale degli attentati, con il principe William. (Fonte: http://www.quotidiano.net/ )

Quel mattino alcuni dei “terroristi” che dovevano partecipare a ciò che ritenevano una esercitazione, persero il treno. Così alcune bombe, che erano state agganciate sotto i vagoni della metropolitana londinese, scoppiarono senza di loro. Costoro, detonate le prime bombe, intuirono di stare facendo parte di un piano in cui loro dovevano recitare il ruolo dei fanatici islamici suicidi. Quindi, fuggirono verso i Docks di Londra, c’è chi dice per avvisare la stampa che loro non c’entravano niente. Non appena furono individuati, vennero ovviamente freddati a bruciapelo dalla polizia.
Ho anche un ricordo personale. Rammento verso le 6 del pomeriggio la diretta di Emilio Fede su Rete4 che dava la notizia di questi pericolosissimi fuggiaschi appena uccisi dalle forze dell’ordine.
Per chi conosce un po’ l’inglese, raccomando vivamente la visione del documentario:  7 / 7 The ripple effect
(Su Youtube, c’è anche la versione sottotitolata in italiano)