Archive for luglio 10th, 2015

10 luglio 2015

Enigmatica voragine circolare diventa un lago

Cavità in Siberia
Volete questa estate fare il bagno in un posto dove davvero nessuno ha mai nuotato prima?
Ecco un suggerimento imperdibile. La misteriosa voragine sopra è comparsa in modo inspiegabile in Siberia l’anno scorso. Nel frattempo, si è riempita d’acqua divenendo un lago profondo 50 metri. È localizzato nella penisola siberiana di Yamal in prossimità di alcuni campi gasiferi della Gazprom. Si pensa ad una connessione con l’attività estrattiva. Sospetto che l’acqua sia freddina.
Tuttavia, come ho già scritto, nutro il timore che queste cavità siano provocate da una qualche arma segreta in dotazione a qualche superpotenza. Notate, pertanto, nelle foto sotto, la perfetta circolarità e le pareti interne che sembrano state levigate da un gigantesco alesatore. Secondo voi, è roba naturale?
Se non fosse una tecnologia impiagata l’11 settembre 2001, direi che è opera di alieni.

Voragine in Siberia

Voragine gigantesca

10 luglio 2015

Il meteorologo della mutua

Scie chimiche meteo la7
Questo fermo immagine è stato tratto da Meteo La7 di stamane.
il meteorologo di cui non ho ancora capito il nome (ma vi prometto di informarmi) indica lo “scoglio dell’Ulivo”, una immagine inviata da un telespettatore.
Con la flemma da bischero toscano, (mi da la vaga idea, dalla parlata, di un toscano che ha vissuto a Roma direi) non nota che il cielo è tappezzato da trionfanti scie chimiche. Alcune si sono già allargate mascherandosi da nubi.
Un mi caro amico romano, che saluto se mi legge, da ragazzo fu allievo di Edmondo Bernacca, il famoso meteorologo della RAI TV di tanti anni fa. Sul serio, fu suo allievo in pectore poichè era tipo suo vicino di casa nel quartiere dell’Urbe dove viveva Bernacca che gli insegnava ogni tanto. Questo mio conoscente è diventato un meteorologo dilettante ma bravissimo cacciatore di trombe d’aria. Una volta è riuscito ad avvicinarsi tanto a un mini-tornado in montagna da infilarci la mano.
Questo meteorologo da TV commerciale, invece, probabilmente si limita a leggere le veline (stile quelle di antica data intendo) passategli dai manigoldi prezzolati dell’Aeronautica Militare, quegli stessi che ogni tanto molestano i fratelli Marcianò nelle loro ricerche.
A mio parere, questo tipo non avrebbe nemmeno il coraggio di mettere la mano dentro un mulinello di vento, figuriamoci dire la verità sule scie chimiche.

10 luglio 2015

Case in legno

Casetta di legno prefabbricata

Perchè scegliere una casa in legno?
Edil legno offre un ampio catalogo di case in legno abitabili modulari.
La casa in legno rappresenta una scelta in armonia con la natura e con noi stessi, calda ed accogliente nel freddo inverno, rimane fresca d’estate. Il legno infatti è un ottimo isolante, che ci copre come un comodo rivestimento traspirante e termoregolatore.
Per quanto il legno sia un materiale naturale antico come il mondo, grazie ad Edil legno si trasforma ora in un materiale costruttivo moderno e resistente, che non teme gli sbalzi termici e l’usura.
Gli italiani hanno da poco riscoperto il piacere di abitare in case di legno, e proprio da questo abitare sano ed in armonia con la natura arriva una nuova sferzata all’architettura. Il rilancio delle case in legno si ha specialmente per le case unifamiliari, che grazie a questo materiale possono applicare i princìpi della tecnologia eco sostenibile e dei criteri bio climatici. Si veda ad esempio la recente pubblicazione di Dominique Gauzin-Müller: La storia, le tecniche, gli esempi.
Le case in legno di Edil Legno sono fornite con un kit di montaggio realizzabile in 30 giorni. Una casa in legno può essere facilmente assemblata da chiunque, per donare in poco tempo la serenità di abitare in modo comodo e naturale dovunque tu desideri.
Le case in legno sono realizzate con materiali di alta qualità, e garantiscono inoltre un elevato risparmio energetico (quasi il 60% in meno), grazie alla capacità del legno di isolare dall’ambiente esterno mantenendo la temperatura della tua abitazione come tu la desideri, ed impedendo che i raggi solari rendano l’estate troppo calda.
Vivere in una casa in legno significa abitare in un ambiente sano e naturale, senza umidità e con meno problemi per la polvere.
Il legno è un materiale che ci ridona il contatto con la natura, ecologico e vitale, tradizionale, ed al contempo innovativo. La sicurezza delle case in legno è anche assicurata da un miglior comportamento in caso di terremoti, in quanto il legno ha caratteristiche fisiche che lo rendono di per sè antisismico in quanto più elastico dei mattoni.
Il peso specifico del legno è molto basso (500 kg/m3) e questo ne rende facile la lavorazione, proprio per questo è un materiale molto usato in diversi ambiti compreso quello artistico.
L’utilizzo del legno al posto del cemento consente di risparmiare notevolmente sui materiali e sui tempi di realizzazione. La produzione di legno è ecologica, in quanto la sua produzione non comporta danni ambientali. Il legno è lavorabile in moltissimi modi diversi, consentendoci di creare oggetti ed elementi costruttivi di qualunque forma, e con le caratteristiche fisiche desiderate. Un’altra caratteristica poco conosciuta delle case in legno è che, al contrario di quanto si possa pensare, se adeguatamente trattata una casa in legno può resistere agli incendi più di una casa in cemento.
Le case in legno costruite dal Centro Edil legno sono personalizzabili su misura del cliente.

Inserisco questa informazione unicamente a titolo esemplificativo. In realtà, In Italia, una abitazione in legno, forse perchè considerata una sorta di sfizio o lusso, viene a costare quasi come una casa in muratura. In America, come dimostrato da Bill Kaysing, si possono costruire in proprio casette in legno, basandosi su progetti gratis o acquistabili a poco prezzo. Aiutati magari da qualche amico con abilità manuale nella falegnameria e passione per il fai da te.
Non c’è bisogno di accendere mutui decennali per onorare i quali poi non si dorme la notte temendo che la banca si rimpossessi della vostra casa. Dato che, col Jobs Act, i contratti di lavoro sono tutti a tempo determinato (anche se li hanno chiamati “a tempo indeterminato”, potenza del “mana” come dicono gli indiani).
https://i2.wp.com/www.edil-legno.com/foto-legno/interno-casa-in-legno.2.jpg

10 luglio 2015

Grecia: piano Atene, via baby pensioni e sconti Iva isole. Tsipras ci riprova

Ma anche contributo di solidarietà e tassa su immobili

Presentato all'Eurogruppo il piano greco © AP
Il piano Tsipras è da alcune ore sul tavolo dell’Eurogruppo convocato per domani, dopo un primo esame, oggi, da parte dell’ex Troika. Tra le misure proposte, l’addio alle pensioni ‘baby’, la rinuncia allo sconto dell’Iva per le isole più turistiche, e l’aumento delle tasse per armatori e imprese. Un piano da 12 miliardi invece degli 8 del precedente, su cui il leader greco cercherà fin da oggi consenso in Parlamento. Il piano di riforme del governo greco – Via lo sconto Iva alle isole entro il 2016, aliquota aumentata al 23% per ristoranti e catering, e per gli alberghi al 13%: è quanto prevede la proposta di riforme greca arrivata all’Eurogruppo. I tagli alla difesa salgono a 300 milioni di euro entro la fine del 2016. E ancora, aumento delle tasse sugli armatori, della tassa sui beni di lusso (dal 10 al 13%), di quella sulle imprese (dal 26% al 28%), ma anche del contributo di solidarietà sul reddito e, se necessario, della tassa sugli immobili dopo la revisione catastale. Il piano greco abolisce anche il contributo di solidarietà per pensionati entro il 2019. Sono previsti risparmi su pensioni tra lo 0,25-0,50% del pil nel 2015 e l’1% dal 2016 in poi, tagliando progressivamente le baby pensioni (creando disincentivi) e innalzando l’età pensionabile a 67 anni entro il 2022. 

(Fonte: ADNkronos)
Se il popolo ellenico è stato portato a livello da terzo mondo con le precedenti riforme draconiane, con queste altre riforme, dove arriverà?
Il criminale Alexis Tsipras sta scientificamente aggravando la condizione dei greci per accelerare l’unificazione europea, sacrificando il suo popolo. In Italia abbiamo i criminali equo-solidali della sinistra radicale “lista Tsipras”, Fatto Quotidiano, Repubblica della Spinelli, Corriere della Sera e Stampa, che appoggiano tutto questo in nome del “diritto all’euro”. Pure Beppe Grillo è volato ad Atene a festeggiare il trionfo del NO referendario e Forza Italia è pure favorevole alla moneta unica europea.
Nel frattempo, da noi il PD studia una riforma delle pensioni, l’ennesima, che tolga ancora soldi ai pensionati italiani e trattengano con un “reddito di cittadinanza” i milioni di africani che, attraverso una delle più imponenti operazioni navali della Storia, gli USA stanno trasbordando aldiquà del mare Mediterraneo. Talvota è angosciante sapere tutto senza potere fare niente. Che la Grecia siamo noi, lo avevo scritto diversi anni fa.