Boom di mutui per la casa, +82% in 7 mesi 2015

Dato migliore da dopo il 2011, crescono mutui a tasso fisso.
Nei primi sette mesi del 2015 l’Abi ha erogato mutui alle famiglie per acquisto di abitazioni per 26,6 miliardi con un aumento dell’82% rispetto ai 14,6 miliardi dello stesso periodo del 2014. Lo fa sapere l’Abi parlando di “forte ripresa del mercato”. Un dato simile si ritrova solo nel 2011 (26,9 miliardi). L’Abi segnala che aumentano i mutui a tasso fisso e che per i finanziamenti alle imprese si è registrato nei primi sette mesi del 2015 un aumento del 16%.
I mutui a tasso variabile – sottolinea l’Abi – rappresentano, nei primi sette mesi del 2015, il 49,4% delle nuove erogazioni complessive ma nei mesi più recenti sono cresciuti molto i mutui a tasso fisso superando a luglio 2015 il 60% delle nuove erogazioni (erano meno del 20% dodici mesi prima). A luglio 2015 – precisa l’Associazione – il totale dei finanziamenti in essere a famiglie e imprese ha presentato una variazione prossima allo zero (-0,1%) nei confronti di luglio 2014, stesso valore del mese precedente e migliore rispetto al -4,5% di novembre 2013, quando aveva raggiunto il picco negativo. Questo di luglio 2015 per i prestiti bancari a famiglie e imprese – precisa l’Associazione – è il miglior risultato da aprile 2012. L’Abi ricorda che l’ammontare delle nuove erogazioni di mutui nel 2015 (26,6 miliardi nei primi 7 mesi dell’anno, +82% sul 2014) è molto superiore anche al dato dello stesso periodo del 2013 (11,383 miliardi di euro) e del 2012 (13,045 miliardi di euro). (ANSA)

Pensate a questa follia. La gente sempre più precaria e impoverita accende un mutuo. Come se un malato di cancro al polmone causa fumo, per rilassarsi, fumasse ancora più sigarette.
Vedete la potenza devastante del lavaggio del cervello mediatico sulla popolazione.
Tra l’altro, la follia è acuta tenendo conto della legislazione fiscale italiana.
Un immobile comprato col mutuo, è soggetto a IMU e a tutte le altre imposizioni fiscali sulla proprietà immobiliare. Inoltre, il patrimonio immobiliare incide per il 20% ai fini dell’ISEE, in Italia conviene mille volte stare in affitto.
Considerate che, data l’inefficienza dello stato italiano nell’accertamento dei redditi, la tassazione occorre quasi tutta sui beni facilmente rintracciabili e identificabili. Quindi, non sull’oro o sui titoli che possono essere facilmente mossi e occultati in una cassetta di sicurezza in Svizzera. Il fisco colpisce automobili e immobili e conti correnti che sono d’obbligo registrare per chi vive e opera legalmente in uno stato.
Perciò, il mio consiglio, per una giovane coppia che vuole andare a convivere, è assolutamente quello di risultare intestatari di minori beni possibile essendo l’unico modo di scampare alla sempre crescente pressione fiscale.
Capito la magia? Un dato pesantemente negativo (più schiavi delle banche) viene smerciato come positivo, equo-solidale, rinfrancante!
‘Decine di immigrati soffocati in un TIR in Austria’ Me lo aspettavo, dopo gli attacchi contro la Francia perchè non li fa entrare, un altro massacro perpetrato onde avvertire l’Austria che li deve fare entrare tutti. Sono anni che vi dico che ne avrebbero uccisi a migliaia pur di costringere l’Europa ad accettarne milioni. Isis ha decapitato un croato, chiaro monito che la Croazia li deve fare passare i 160 mila che Tsipras ha fatto entrare in Grecia per americanizzare i Balcani.
‘Usa a Ue: ‘Colpire trafficanti’ Altri 200 morti in Libia’ Ci prendono pure per il culo.
Matrix ogni tanto fa cilecca, eheheh: http://www.rt.com/business/313613-fake-goldman-sachs-china/
Casa, affitto o mutuo?