Antigravità, la ricerca più nascosta al mondo

donaldkeyhoebeforetreeQuello che segue è un articolo apparso sulla rivista americana “True”, volume 47, numero 344, gennaio 1966 e scritto dal maggiore Donald E. Keyhoe, militare della US Marine in pensione, pilota, specialista in palloni, fondatore del NICAP. Un articolo della prima ora dell’Ufologia e scritto da uno dei pionieri più agguerriti e preparati della prima ora. Uno scritto con vari spunti interessanti. Buona lettura.
Nota del redattore di “True“: il maggiore Keyhoe scrive sugli oggetti volanti non identificati (UFO) in questa rivista e altrove da oltre 15 anni. Fin dall’inizio ha insistito che i dischi volanti fossero reali e interplanetari, e molte autorità sono d’accordo con lui. Oggi ha detto che il controllo della gravità in sé è l’unica spiegazione per le manovre stupefacenti che i “piatti volanti” effettuano. Alcuni fisici respingono questa teoria come fondamentalmente errata. Ma, come leggerete nell’ultimo capitolo di “La Grande Storia dei Piatti Volanti” del maggiore Keyhoe, altri la ritengono plausibile.

Una notte nel febbraio scorso, al di sopra del Pacifico del Nord, l’equipaggio della compagnia aerea Flying Tiger Airlines fece un incontro aereo stupefacente. Quello che videro fu indizio di un mistero tecnico fantastico. E nella sua soluzione, vi è un grande beneficio che sei agenzie governative stanno ricercando in questo momento. La risposta potrebbe non essere così lontana. Quello che ricercano è il segreto del controllo della gravità.
Verso la mezzanotte del 15 febbraio, l’aereo delle Flying Tigers, trasportava un gruppo di militari statunitensi in Giappone, ed era da quattro ore al largo della costa di Anchorage. Improvvisamente il radar di bordo rilevò tre oggetti in rapido movimento. Il capitano dell’aereo e il suo equipaggio guardarono fuori di lato e videro tre oggetti ovali enormi e rossi, incandescenti nella notte.
Un capitano dell’Aeronautica Militare che era un passeggero di questo aereo fu chiamato per confermare l’osservazione. Il suo rapporto firmato è nei files del Comitato Nazionale d’Investigazioni dei Fenomeni Aerei [NICAP].
Secondo i rapporti dei capitani, le macchine sconosciute rallentarono alla velocità dell’aereo di linea e volarono in formazione ravvicinata con esso. A otto chilometri di distanza, secondo il rilevamento sul radar, si stabilizzarono per seguire l’aereo. Il capitano dell’Air Force calcolò che la loro lunghezza era di circa 215 metri. Era evidente che questi giganteschi oggetti volanti non identificati utilizzassero un tipo sconosciuto di propulsione. Nessun reattore, nessuno scarico erano visibile. Per 30 minuti, sempre in formazione, continuarono a seguire l’aereo. Poi, rapidamente accelerarono a circa 2.500 chilometri orari e si allontanarono dalla vista in pochi secondi.
Questa accelerazione sorprendentemente veloce è riferito ad una manovra che non può essere riprodotta da nessun mezzo volante conosciuto sulla Terra. Questa può essere possibile negli UFO? Secondo molti scienziati e ingegneri, esiste una sola risposta possibile. La risposta è l’antigravità: la creazione di campi di gravità artificiale e il controllo della forza di gravità.
Il controllo della gravità è qualcosa che l’uomo ha sempre sognato per secoli. Ora sembra che siamo sulla soglia di realizzarlo. Il suo valore, per il Paese che lo scoprirà per primo, è incalcolabile. Il nostro governo, sperando in un progresso tecnico, ha avviato 46 progetti di ricerca differenti sui diversi aspetti del controllo della gravità. La US Air Force gestisce 33 di questi progetti e altri sono condivisi da cinque altre agenzie.
Tra i 46 progetti governativi, ci sono gli esperimenti e le ricerche di due laboratori della US Air Force (Flight Dynamics e General Physics Research), Radio Corporation of America, il Massachusetts Institute of Technology, Institute of Technology di Israele ad Haifa, Stevens Institute of Technology, le Università della California, di Denver, di Harvard, dell’Indiana, di Manchester (Inghilterra), del Maryland, del Michigan, del Minnesota, dell’Ohio, di Purdue , di Stoccolma (Svezia), di Syracuse, del Texas, e due scuole di New York, il Queens College e la Yeshiva Graduate School of Science.
E, naturalmente, qualche agenzia governativa ha dei progetti così segreti che non sono pubblicamente registrati e non possono essere menzionati senza permesso.
L’industria privata esamina ugualmente la questione del controllo della gravità con una seria novità. Un gran numero di colossali corporations, tra cui la Bell Aerospace, la General Electric, la Hughes Aircraft, la Boeing, la Douglas e molte altre, hanno creato studi sulla gravità.
Se poi si aggiungono tutti i programmi conosciuti sulla Gravità gestiti dal Governo e dall’industria privata, si ottiene un qualcosa tra i 65 e i 70 progetti. Ciò significa che vi è una significativa concentrazione di cervelli scientifici e tecnologici che stanno lavorando sul problema.
Un importante scienziato che è convinto che gli UFO siano navi spaziali con controllano la Gravità è il Dr. Hermann Oberth. Il Dott. Oberth, un’autorità riconosciuta, è stato co-progettista del razzo V-2 e poi un consulente speciale degli Stati Uniti in questo settore a Huntsville, in Alabama, una delle installazioni in cui importanti ricerche sulla antigravità sono ora in corso.
“Con la propulsione ordinaria,” mi disse il dottore nel 1961, “tali accelerazioni e violenti manovre metterebbero l’astronave a rischio. Inoltre, la forza schiaccerebbe qualsiasi creatura a bordo contro la parte posteriore o laterale della macchina. Ma con un campo gravitazionale artificiale, la forza si applicherebbe simultaneamente ai passeggeri e l’astronave. Anche con rapidi cambiamenti di velocità e direzione, la nave non verrà sottoposta a stress e i passeggeri non sentiranno nulla. “
Oggi, il dottor Oberth è disposto ad andare oltre. Ora è del parere che “l’energia, l’inerzia e i campi di gravità sono soltanto degli aspetti della stessa cosa“, e si rivelerà impossibile separare l’uno dall’altro. Che cosa ha in mente, dice, è “dei campi di forza non ancora conosciuti” che possono essere utilizzati per accelerare degli oggetti materiali in un modo simile alla forza di gravità.
Un’altra importante autorità che concorda sul fatto che gli UFO usino dei campi artificiali G è William P. Lear, multimiliardario inventore, pilota, progettista d’equipaggiamenti aerei e spaziali e costruttore di aerei a reazione. Lear, che ha già visto un UFO assieme al suo staff, prevede che i futuri veicoli americani utilizzeranno anche la gravità artificiale. “Le persone a bordo, probabilmente, non sentirebbero nessun effetto“, afferma Lear, “non risentirebbero della velocità incredibile con cui la Terra gira intorno al Sole.”
Diversi anni fa, il vice presidente per i concetti avanzati di Glenn Martin, G. S. Trimble, predisse che nel 1985 praticamente tutti gli aerei di linea avrebbero utilizzato la Gravità artificiale, volando a una velocità quasi incredibile. Circa nello stesso periodo, la velocità dei futuri aerei di linea a 10.000 miglia all’ora o più fu descritta dal Dr. Walter Dornberger, allora principale scienziato per i missili guidati della Bell Aircraft e ora presidente di Bell Aerospace .
Grover Loening, pioniere della costruttore di aerei e consulente per la US Air Force, ha riferito con più decisione, “io credo fermamente che presto l’uomo acquisirà la capacità di stabilire un meccanismo elettromagnetico di contro-gravità che funziona“, ha affermato.
Un alto funzionario della Bethlehem Steel, Jesse V. Honeycutt ha indicato alcuni risultati che possiamo aspettarci se Loening avesse ragione. “La ricerca seria si concentrerà sul tentativo di risolvere il mistero della gravità e di provocare il controllo della sua potenza“.
“Questo porterebbe alla più grande rivoluzione sul dominio dell’energia, dei trasporti e molte altre aree che la scoperta del potere dell’atomo “, ha detto.
L’antigravità? Sembrerebbe inconcepibile. Tuttavia, la ricerca continua e molti responsabili credono che la risposta sarà trovata. E, a mio parere è la sola spiegazione possibile per le manovre degli UFO.
La posta in gioco è così alta che nessun elemento può essere trascurato. L’Intelligence Tecnica della US Air Force, al perseguimento di piste inesplorate, sta verificando attentamente centinaia di segnalazioni UFO concrete. Se tutto andrà bene, alcuni di loro ci aiuteranno a scoprire come funzionano questi strani veicoli.
Quattro giorni prima di Natale del 1964, un mezzo rotondo e metallico di circa 40 metri di diametro fu osservato mentre effettuava un breve atterraggio in un campo vicino a Staunton, in Virginia. Due scienziati del Du Pont poco dopo andarono sul sito con dei contatori Geiger.
“Fu altamente radioattivo“, ha riferito Lawrence Cook, ingegnere del Du Pont. “Abbiamo verificato per circa 45 minuti, fu decisamente ‘forte’.“
A Puerto Rico, verso il tramonto del 26 dicembre 1964, il radar della base aerea di Ramey avvistò due dischi di grandi dimensioni. Quando i caccia A4D arrivarono per intercettarli, i dischi accelerarono ad una velocità terrificante. Fecero una virata istantanea ad angolo retto, impossibile per qualsiasi aeromobile conosciuto, e scomparvero oltre l’Oceano Atlantico.
Il 21 marzo 1965, il capitano Yoshiaki Inada, pilota di un Convair delle Toa Airlines su un volo nazionale giapponese, fu seguito da “un misterioso, ellittico oggetto luminoso“. Volando in prossimità del’aereo, l’UFO distrusse la sua radio e “interferì violentemente” con il suo equipaggiamento automatico di goniometria.
Dei casi più vecchi e ugualmente imbarazzanti si sono verificati. Il 1° luglio 1954, un F-94 dell’USAF, un jet biposto, fu inviato per inseguire un UFO nei pressi Walesville, New York. Quando il pilota cercò di effettuare un approccio, un caldo insopportabile riempì la cabina di pilotaggio. Mezzo storditi, il pilota e l’ufficiale radarista si paracadutarono. Il jet si è schiantato in una strada, uccidendo due bambini e i loro genitori.
Questi strani fenomeni, le elevate radiazioni, il calore misterioso e le interferenze elettriche possono essere effetti secondari di dispositivi di controllo della gravità.
Come la maggior parte delle persone, probabilmente pensate che la gravità sia una cosa data per scontata prima che i voli spaziali fossero avviati. Ora si sa, per esempio, che un G è la gravità normale sulla Terra. Questo è ciò che ti tiene seduto in poltrona, e, soprattutto, vi evita che veniate espulsi in aria a causa della rotazione della Terra. Voi sentite due o tre “G” in un ottovolante o in un aereo d’acrobazia, e ciò è solo un accenno di ciò che i nostri astronauti devono sopportare per la partenza e l’accelerazione. Ma ci sono molte conseguenze della Gravità a cui raramente pensiamo. I costruttori di aerei e razzi sono tenuti a fornire dei motori pesanti, un peso enorme di carburante solo per vincere la Gravità. Nella costruzione di edifici, di ponti, e in centinaia di altri modi, “G” influisce sulla nostra vita e aggiunge miliardi al costo del lavoro.
Il controllo della gravità potrebbe ridurre o porre fine a molti di questi problemi.
Quando possiamo aspettare di disporre dell’antigravità?
Alcuni ricercatori dicono che potrebbe richiedere un po’ di tempo. Altri credono che ci possa essere una svolta improvvisa. Se questo accadrà, ci saranno alcuni fantastici risultati.
In primo luogo, ovviamente, il nostro programma spaziale farebbe un grande balzo in avanti. Invece dei nostri attuali razzi inutili, potremmo costruire navicelle spaziali con le alte velocità e le manovre attribuite agli UFO. Con tali avanzate astronavi, potremmo fare dei rapidi voli sulla Luna e sui pianeti.
Recentemente, Alexander de Seversky ha affermato che “avendo abbondante energia a disposizione, ci si sposterebbe nello Spazio con accelerazioni o decelerazioni costanti. Accelerando a metà strada dal nostro obiettivo e decelerando nel resto della traiettoria ad una G o a 9,8 metri al secondo, la Luna potrebbe essere raggiunta in tre ore e mezzo, Venere in 36 ore, Marte in due giorni, Giove in sei “.
Secondo Oberth, il fisico tedesco Burkhard Heim e altri scienziati, il controllo della gravità permetterà alle astronavi di raggiungere velocità ancora più elevate. Con tali macchine avanzate, potremmo esplorare i sistemi stellari più vicini con un secolo o più in anticipo rispetto alle previsioni.
Tramite astronavi da supporto o “genitrici” con delle sonde a corto raggio, potremmo completamente esplorare un pianeta – sia con sonde telecomandate o con l’osservazione diretta prima di tentare l’atterraggio. Ci sono molti casi nei files in cui gli UFO di grandi dimensioni hanno lanciato piccole unità, apparentemente per l’osservazione ravvicinata della Terra, e poi recuperate durante rapide e precise operazioni.
In un caso (un rapporto ufficiale dei servizi segreti della US Air Force), gruppi di piccoli UFO che volavano a 8433 chilometri orari furono visti e rilevati dall’equipaggio di un B-29 dell’USAF. Un gruppo, dopo aver bruscamente rallentato per seguire il bombardiere, riprese la sua velocità in pochi secondi. I piccoli UFO furono poi visti unirsi e imbarcarsi a bordo di un enorme velivolo che accelerò a più di 15.000 chilometri orari prima di scomparire.
A causa delle velocità tremende delle navi-G, la portata di possibili operazioni militari diventa terrificante. Prendiamo come esempio un caso documentato accaduto a White Sands Proving Ground, dove gli scienziati della US Navy videro e seguirono un UFO che volava a circa 29.000 chilometri orari.
Una velocità fantastica tale rimette all’ordine del giorno i bombardieri al posto dei missili. Gli attacchi di bombardieri-G di base vicino ad obiettivi principali prenderebbero meno di cinque minuti. Se una guerra “lampo” scoppiasse dall’altra parte del mondo, un enorme aereo da trasporto-G porterebbe una divisione completamente armata o, addirittura, un esercito sulla scena in 40 minuti o meno.
Un altro effetto del controllo della Gravità sarà quello di un grande cambiamento nel trasporto aereo. Ecco come un viaggio in aerei-G potrebbe aver luogo, secondo i diversi ricercatori. Diciamo che voi effettuate un volo da New York a Londra. Potresti essere a bordo di una nave di grandi dimensioni, probabilmente a forma di disco, secondo le attuali indicazioni. La vostra sedia non ha bisogno di cinture di sicurezza. La nave decolla in verticale, accelerando a velocità incredibile. Ci si sente leggeri, ma non si sente alcun movimento.
Il mezzo farà una lunga curva verso l’alto, un grande cerchio, silenziosamente, senza “scossa” alcuna. Dai 10 ai 15 minuti, Londra prende improvvisamente forma al di sotto. Non esiste un lungo approccio d’atterraggio, per volare basso sui tetti. Voi scenderete verticalmente e atterrerete. Se il traffico è pesante, il pilota fermerebbe la nave a cielo aperto e rimarrebbe stazionaria fino alla liberazione della zona di atterraggio.
Nonostante la velocità, sarete in totale sicurezza – più di quanto accada con fori per l’aria e strani vortici che hanno fatto cadere aerei di linea in immersioni incontrollabili.
A sondare l’enigma della Gravità, gli scienziati di questi progetti stanno cercando approcci molto diversi, alcuni addirittura in contrasto con le leggi naturali normalmente accettate.
Come parte di un contratto rilasciato dall’Esercito statunitense, un team dell’Università di Detroit ha costruito un rotore di 1815 chilogrammi circa, appositamente cablato per trasformare 100.000 t/mn. Grazie a questo dispositivo unico, gli scienziati stanno esaminando le teorie sulla radiazione gravitazionale alla ricerca di una possibile chiave per controllare G.
Utilizzando dei gravimetri basati su dei nuovi principi della fisica, le squadre della US Air Force hanno effettuato voli frequenti attorno all’equatore e ai poli, per accelerare la misura della forza gravitazionale attorno alla Terra . In relazione a questo, esiste una rete di stazioni di monitoraggio di gravità e degli studi speciali in tutto il mondo.
Anche se nessuna svolta si è verificata (a meno che non si sia trovata in grande segreto) due fatti significativi sono stati stabiliti.

1. Il campo gravitazionale della Terra è relativamente piccolo, rispetto alla forza di gravità tra i pianeti e il Sole.

2. C’è una relazione tra Gravità e i campi elettromagnetici.

Igor Sikorsky, discutendo sulla forza colossale della Gravità nello Spazio, indica che un cavo d’acciaio spesso circa 8.000 miglia sarebbe necessario per mantenere la Terra nella sua orbita, se non avesse un proprio Gravità.
Ma fortunatamente per la nostra ricerca anti-G, la forza di gravità terrestre, per gli oggetti a terra o a quote medie di volo, è abbastanza piccola. Allo stesso modo, la forza necessaria ad annullare la sua attrazione sarebbe relativamente piccola, se un metodo potesse essere trovato.
Utilizzando varie barriere possiamo proteggerci dalle onde di calore, dalla luce e dalle onde sonore. Ma finora nulla è stato trovato per creare uno scudo contro la gravità. Alcuni scienziati richiamano, ancora, che l’idea di uno scudo contro la gravità sia un concetto “stravagante“. Ma molti di loro, ora, si rifiutano nell’affermare che una cosa del genere sia del tutto impossibile.
Gli UFO usano uno scudo contro la Gravità? Per scoprirlo, l’Air Force riprese i suoi tentativi di catturare un UFO. Se riuscissimo a ottenerne uno, intatto, potrebbe contribuire a guadagnare un sacco di tempo nella nostra ricerca sulla Gravità e salvare anni di lavoro scientifico lento e doloroso.
In passato, molti piloti della US Air Force hanno cercato di far atterrare degli UFO, ma senza successo. Ma la US Air Force ha nuovi motivi di speranza ora, in base al recente aumento di UFO a bassa quota e atterraggi.
Nella notte del 12 gennaio 1965, un ufficiale di un’agenzia federale delle Forze dell’Ordine ebbe un incontro ravvicinato. Mentre conduceva la sua auto ufficiale verso la stazione della US Air Force di Blaine, a Washington, un disco volante di 10 metri di diametro discese direttamente verso la sua auto. All’ultimo momento il disco virò verso l’alto in modo brutale, evitando la collisione. Quando l’ufficiale saltò fuori dalla macchina, vide l’UFO librarsi sopra la sua testa. Dopo un minuto, accelerò verso le nubi ad alta velocità. Poco dopo, l’UFO, o un altro simile, atterrò in un campo vicino Blaine, sciogliendo la neve e “spellando” il terreno prima del decollo. Quando la US Air Force interrogò il funzionario federale, dichiararono che avevano rilevato l’UFO attraverso i radar mentre scendeva verso la sua auto. A questo ufficiale, come per molti altri testimoni UFO, fu ordinato, dai suoi superiori, di non far conoscere le sue generalità in relazione a questa osservazione.
Il 25 gennaio 1965, due ingegneri della NASA avvistarono un UFO che toccò terra vicino a Hampton, in Virginia. Un testimone fu il maggiore John Nayadley, un pilota di jet in pensione della US Air Force. L’altro fu A. G. Crimmins, che vide lo strano mezzo muoversi verso il suolo.
“Zig-zagava come se fosse alla ricerca di una zona d’atterraggio“, riferì Crimmins. “guardai con un binocolo 20 x 50 e vidi delle luci lampeggianti. Sembravano essere sul bordo di un disco in rapida rotazione.“
Prima che qualcuno potesse raggiungere la zona, il disco volante decollò e rapidamente scomparve fuori dalla vista.
L’ultimo degli inseguimenti UFO avvenne a Washington DC, l’11 gennaio 1965, quando i jet della US Air Force inseguirono numerosi oggetti volanti sulla città. La caccia fu confermata da un tenente colonnello dell’Esercito e un gruppo di specialisti in comunicazione dell’Esercito stesso.
Se i caccia si trovassero vicino a uno di questi “contatti“, ci si può augurare che esso discenda verso il basso e si impedisca – poi – all’UFO di ripartire. Ma i files dei precedenti tentativi di catturare un UFO indicano che sarà un lavoro molto difficile.
Che catturiamo un UFO o meno, la ricerca continuerà in grande segreto. Il legame tra la Gravità e i campi elettromagnetici può fornire la chiave del mistero.
Per molti anni, Burkhard Heim, direttore dell’Istituto di Ricerca di Fisica Applicata a Goettingen, in Germania, aveva cercato la risposta al mistero della Gravità. In conclusione, Heim disse di aver scoperto, con la sperimentazione diretta, un conduttore positivo all’antigravità. La scoperta implicò un campo intermedio, né elettromagnetico né di Gravità.
Il risultato, indicò Heim, se applicato al volo spaziale, porterà alla levitazione diretta, la conversione dell’elettricità in energia cinetica senza la minima perdita, e “l’immunizzazione degli occupanti e delle strutture di tali veicoli contro qualsiasi effetto di accelerazione del veicolo, indipendentemente dalla violenza “.
Dopo la sorpresa iniziale, molti scienziati hanno esaminato le asserzioni di Heim.
“Il suo approccio non è in conflitto con le leggi conosciute della Natura, ed è conforme con la teoria quantistica,” ha dichiarato AR Weyl in una analisi per il magazine britannico “Aeronautics”. “Se Heim avesse ragione, le proprietà stupefacenti comunemente attribuite ai misteriosi dischi volanti sarebbero, in effetti, una fisica sana e una tecnologia appropriata“.
Il lavoro di Heim, al fine di creare un vero e proprio dispositivo antigravità utilizzando “induttori di campo” è stato, ovviamente, messo sotto segreto ufficiale tedesco. Ha rifiutato di rivelare la chiave della sua formula.
I risultati di Heim indicano che i ricercatori dell’antigravità possono scoprire nuove leggi scientifiche e che il loro lavoro può invalidare le vecchie teorie. Alcuni scienziati stanno già dicendo in privato che la famosa Teoria Generale “della Relatività” di Einstein potrebbe rivelarsi del tutto fallace. La legge di Newton è ugualmente caduta sotto gli attacchi. Tuttavia, Robert Forward, esperto in materia di gravitazione presso la Hughes Aircraft Company, utilizza la teoria di Einstein per dimostrare che è possibile annullare parzialmente il campo gravitazionale della Terra. Comunque, la quantità di cancellazione ottenibile con la tecnologia attuale è estremamente piccola. Forward prevede che un certo giorno in avanti, quando la nostra tecnologia sarà molto avanzata, saremmo in grado di “creare campi di gravità artificiale a volontà.”
Con un vero sforzo globale questo potrebbe accadere molto prima dei 10 o 20 anni che molti scienziati hanno ipotizzato.
Ma aggregare abbastanza gente di valore per lavorare in questo settore è un problema. Uno scienziato ha detto, “gli scienziati sono sensibili alla loro reputazione e molti di loro pensano ancora che l’antigravità sia uno scherzo. Se conoscessero i fatti, lavorerebbero su di essa.”
La paura tra gli scienziati è in parte dovuta alla censura della US Air Force sui rapporti di UFO. I censori della US Air Force non solo nascondono i fatti, ma anche sminuiscono pubblicamente chi segnala avvistamenti di UFO.
Una recente vittima recente è stata Dempsey Bruton, capo dello Screening Satellitare presso la stazione della NASA alle Wallops Island, in Virginia. Il 5 gennaio 1965, Bruton vide uno strano oggetto rotondo che volava ad una velocità terrificante verso la stazione. Dopo essere passato proprio sopra, l’UFO tirò dritto verso l’alto fino a perdersi di vista. Utilizzando il tempo trascorso, dai 6 ai 9 secondi e gli angoli ed i tempi riportati da altri testimoni, Bruton disse che la velocità era sicuramente “di diverse migliaia di chilometri all’ora, probabilmente di circa 13.000 chilometri all’ora o più.” La US Air Force, sottintendendo che era incompetente, respinse il rapporto e affermò che non c’era alcuna prova di nessuna macchina tecnicamente superiore.
Ma nonostante la politica della US Air Force, la volontà di ottenere il segreto dell’antigravità è al lavoro. Questo non può essere fermato ora. Ma può essere accelerato. Siamo già spendendo miliardi per il programma spaziale della corsa alla Luna, su Marte. Il controllo della Gravità potrebbe darci negli anni a venire e risparmiare ingenti somme di denaro.
Con il controllo dell’Universo in gioco, un programma urgente è indispensabile. Abbiamo prodotto la bomba atomica, dall’enorme Progetto Manhattan, in un tempo sorprendentemente breve. Il bisogno, l’urgenza è ancora maggiore oggi. La US Air Force dovrebbe porre fine alla segretezza sugli UFO, donare i fatti agli scienziati, al pubblico, al Congresso. Una volta che la gente saprà la verità, si sosterrà, domandandolo, un programma urgente per controllare la gravità.
Perché questa è una gara che non dobbiamo perdere.

Traduzione a cura di Antonio De Comite (Fonte: http://ufoedintorni.altervista.org/ )