Monica Serra, un curioso caso di omonimia

Oggi stavo scartabellando i siti dei quotidiani. Sul sito de il Giornale mi aveva attirato questo articolo sulla TAV verso Sud pensando al mio altro blog sulle ferrovie:

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/lalta-velocit-arriva-puglia-si-ferma-bari-1167014.html

Si tratta della solita sbobba dei treni al Sud, unire il paese e il solito trantran melenso di uno stato che sta smembrando il trasporto pubblico su rotaia. Anticipano l’istituzione del collegamento Bari Milano al 20 settembre forse per venire incontro alla “transumanza” degli insegnanti meridionali deportati al Nord dalla “buona scuola”. Stanno capendo che i “migranti” della sponda prossima del Mediterraneo stanno intuendo che vengono impiegati anche loro, al pari di quelli della sponda africana, come “carne da macello” nella costruzione del NWO. Cercano di velocizzare e promozionare il malcontento.
Comunque, avete osservato la firma? Monica Serra.
Non vi dice niente?
Monica Serra è il nome presunto della ragazza smembrata ritrovata sulla A14 presso Giulianova. Non è strano?
Giulianova, è di Monica Serra, 19 anni, il corpo a pezzi sull’A14. Si indaga.
In effetti, a ben pensarci, alcuni lanci di agenzia chiamavano la ragazza “Giulia” e altri le davano 23 anni anzichè 19.
Boh. Sempre più misterioso il fatto. Purtroppo sia nel caso di rapimento alieno che di culto satanico il colpevole non emergerà mai. Poi la magistratura è zeppa di massoni e brodaglia che trasuda all’insù dall’Abisso. Quindi non c’è nessuna possibilità di risalire alla verità.