“Su Marte scorre acqua ed è salata”

La prova arriva dal satellite americano Mro pubblicata sulla rivista scientifica Nature Geoscience. Su Marte scorre acqua liquida e salata in minuscoli ruscelli che compaiono periodicamente, lasciando striature scure la cui origine era finora un mistero.

 La scoperta, fatta dal satellite americano Mro (Mars Reconnaissance Orbiter), è stata pubblicata sulla rivista scientifica Nature Geoscience. “È la prima prova che dimostra l’esistenza di un ciclo dell’acqua sulla superficie di Marte”, ha spiegato Enrico Flamini, coordinatore scientifico dell’Agenzia spaziale italiana (Asi). A fornirla è il gruppo dell’Istituto di Tecnologia delle Georgia guidato da Lujendra Ojha. Non si tratta certo dei canali d’acqua ipotizzati nell’800 da Giovanni Schiapparelli, ma “rivoli” stagionali con tracce di sali che si formano solo in presenza di acqua.
L’annuncio è stato dato dalla Nasa nel pomeriggio.
(Il Giornale)
Una messa in scena. Lo sanno da decenni, come ho già chiarito, che c’è acqua liquida su Marte. Hanno sempre negato il fatto per via della pressione atmosferica che sarebbe troppo bassa. Significa che anche i dati meteorologici del pianeta rosso sono fasulli. Lo ho sempre scritto e dimostrato nel miei articoli in edicola. La prossima mossa sarà di ammettere che c’è vita. Scommettiamo?