Analisi statistica del caso Resnik


Esistono due donne dallo stesso nome: Judith Resnik. Una è l’astronauta che perì nel disastro dello Space Shuttle Challenger il 28 gennaio 1986. L’altra è una professoressa universitaria di diritto presso la Yale Law School.
Bisogna chiedersi come sia statisticamente possibile che due omonime abbiano:

  • La stessa età (se l’astronauta fosse viva)
  • Gli stessi tratti semitici (l’astronauta era ebrea, la professoressa non so)
  • La stessa voce
  • Gli stessi capelli
  • Gli stessi occhi
  • Lo stesso naso
  • Le stesse mani

Osservate nel filmato della professoressa, ad un certo punto, si accorge che la telecamera è li per riprendere lei. Infatti, non viene mai inquadrato lo schermo con le slide delle cose che spiega.
astronauta Judith ResnikNota a margine. Si è sempre detto che gli astronauti vanno nello spazio coi capelli ben rasati, foggia militare, per evidenti motivi pratici e igienici. Stranamente ciò non vale per le donne, il che è un controsenso. Gli astronauti maschi, come vedete nella foto sotto scattata pochi minuti prima della partenza del Challenger, hanno tutti il capello corto ma le donne no. Al centro, Judy Resnik.