Cresce la rete degli uffici di scollocamento

Cambiare-vitaUno dei primi uffici di scollocamento è sorto a Varese, poi a Roma, a Torino, poi sono arrivati il progetto di scollocamento per imprenditori e i corsi di formazione al Per; a inizio 2015 ha preso il via un progetto a Marano sul Panaro (Modena) e ora si parte anche a Padova. Il cambiamento ormai è realtà travolgente.
L’Ufficio di Scollocamento è uno “sportello” per aiutare le persone a scollocarsi da lavoro eccessivo, stile di vita sbagliato, stress, ansia, consumismo; qualcosa che aiuta a costruire una nuova vita. Di fatto, aiuta in un cammino di emancipazione e cambiamento rispetto alla cultura imperante, per cercare l’autentico benessere e dire basta a schiavitù e omologazione. Uno dei primi uffici di scollocamento è sorto a Varese, poi a Roma, a Torino, poi sono arrivati il progetto di scollocamento per imprenditori e i corsi di formazione articolati; a inizio 2015 ha preso il via un progetto a Marano sul Panaro (Modena) e ora si parte anche a Padova. Il cambiamento ormai è realtà travolgente.
L’ultimo in ordine di tempo, appunto, è sorto a Padova, da culture ed esperienze vicine al pensiero della decrescita e del downshifting, e «a tutte le numerose correnti di pensiero che animano l’ampio tentativo di costruire una cultura alternativa da quella vigente che mette l’economia davanti alle persone» dicono i promotori Matteo Majer, Federica Bruno e Gianfranco Torre.
«L’intento è di fornire alla persona strumenti e metodi concreti per riflettere sul proprio stile di vita, definire con efficacia un progetto di realizzazione personale alternativo, del tutto o in parte al di fuori dell’attuale sistema, che risponda alle proprie aspirazioni, allo scopo di vivere un’esistenza più funzionale, costruttiva e realizzante».
«Al già alto numero di persone che decide di cambiare vita, la situazione attuale ha aggiunto quelle che della crisi sono già vittime – spiegano i tre ragazzi padovani. Ma una crisi è anche una grande opportunità. Nonostante nell’uso comune questo termine abbia assunto un’accezione negativa, possiamo coglierne la sfumatura positiva originaria: momento di riflessione, di valutazione, di scelta, di discernimento. Rappresenta di conseguenza il presupposto necessario per un miglioramento, per una rinascita.
Sempre più persone, in Italia e nel mondo, decidono di cambiare vita e lavoro, operando scelte personali e collettive in direzione di una vita più vicina alle loro aspirazioni. Chi si avvicinerà all’Ufficio di Scollocamento di Padova, non riceverà un numero e un modulo da riempire, ma la proposta di un percorso articolato per mettere a fuoco e poi in pratica le proprie motivazioni interiori al fine di realizzarsi come persona prima e come lavoratore poi.
Cambiare non presuppone l’utilizzo di una bacchetta magica né tantomeno l’abbandono del proprio lavoro, quanto piuttosto una pianificazione adeguata di una strategia che possa dare la possibilità di uscire da un’occupazione che non rende felici e promette risultati per il futuro che probabilmente non manterrà mai. Per coloro che, invece, non stanno lavorando, UDS Padova può fornire supporto per una definizione di un progetto di vita alternativo, non necessariamente legato al sistema dominante, che spesso blocca le energie individuali e l’iniziativa personale per poter “relegare” gli individui al ruolo di semplici consumatori».
Le attività proposte si articolano in incontri di formazione tematici di gruppo e sessioni di coaching individuale o di gruppo.
«Si lavorerà inizialmente sullo sviluppo della consapevolezza individuale, dell’autostima e della forza di volontà, elementi di partenza che servono per gettare le basi alla progettazione del percorso – aggiungono i promotori del nuovo sportello. Verranno presentati ed approfonditi gli strumenti per il miglioramento personale: per esempio come affrontare lo stress, gestire i propri impegni, risolvere le situazioni problematiche e prendere le decisioni più adeguate al proprio benessere individuale.
Si agirà sulla definizione del proprio scopo nella vita e dei propri obiettivi e verranno forniti gli strumenti per redigere un progetto di vita più in linea con le proprie aspettative. Infine sarà dedicato spazio alla leadership individuale e alle capacità relazionali, essenziali per comunicare e rapportarsi al meglio con gli altri. Inoltre, nelle fasi finali del percorso, sarà possibile, se richiesto, l’affiancamento da parte di professionisti esterni (analisti finanziari, esperti di marketing, esperti di legge, ecc.) al fine di definire negli ultimi dettagli il personale piano d’azione».
Per contatti: ufficiodiscollocamentopd@gmail.com

Fonte: http://www.ilcambiamento.it/culture_cambiamento/uffici_di_scollocamento.html

Rammentate però, amici, di non cadere nella “trappola” del “eco”, “bio”, “equo” eccetera che sono parole chiave con cui il Sistema cerca di frenare chi sta cercando di uscire da Mateix, OK? In bocca al lupo, verso la libertà! Quella vera, non di scegliere tra mille canali televisivi o tra mille cellulari!

Articoli di approfondimento: Scappare dall’Italia rimanendo in Italia? Si può!