Scuola materna, maialino “condannato”

I genitori musulmani della struttura di via Saibanti fanno togliere il gioco perché offenderebbe la loro religione
di Giancarlo Rudari

ROVERETO. C’è un maialino rosa, sorridente e paffutello che fa divertire i bambini dell’asilo. È soltanto un gioco, ma non per questo riesce ad evitare la “condanna a morte”: via quel dondolo dagli occhi e dalle innocenti tentazioni dei bambini che ci vogliono giocare perché offende la religione musulmana, via il maialino rosa perché i bambini non devono farsi contaminare da quell’animale impuro (per la religione del profeta Maometto) anche se è di plastica. E allora meglio oscurarlo con le panchine in attesa che venga rimosso.
Succede questo alla scuola materna di via Saibanti: genitori che protestano per il gioco installato nel giardino qualche giorno fa, la direzione della scuola che chiama il Comune e ne sollecita la rimozione. La scuola e i genitori che protestano vengono accontentati e, questione di giorni, addio al maialino a molla.
«Non solo i crocefissi in classe, il presepe e le festicciole di Natale vengono messe all’indice o abolite per non urtare la suscettibilità di chi crede in religioni diverse dalla nostra – tuona un genitore che contesta la scelta della scuola – ma ora si arriva a togliere un gioco perché dà fastidio, perché rappresenta un animale impuro. Ma dove vogliamo arrivare se andiamo avanti di questo passo? Giustamente ai bambini musulmani non va somministrata carne di maiale, ma impedire anche che sia vietato a loro come agli altri bambini di giocare con un maialino di plastica mi sembra una cosa incredibile e assurda…»
Il gioco in questione è un maialino in plastica sul quale i bambini possono dondolarsi grazie al supporto costituito da un molla. E come quello nel cortile della scuola d’infanzia di via Saibanti, ci sono altri “fratelli” maialini alle scuole materne di S. Ilario e alle Fucine. A far loro compagnia anche un asinello destinato, probabilmente, a sostituire il “collega” maialino messo alla porta. «Si parla tanto di integrazione, si fanno i grandi discorsi su confronto e accoglienza e qui siamo tutti d’accordo. Ma poi – continua il genitore – si va a cedere ad una richiesta assurda. E la richiesta, a questo punto, diventa imposizione… Ma poi qui si sta parlando di un gioco che non deve diventare strumento di contrapposizione tra chi è di una religione piuttosto che di un’altra. Perché se un maialino di plastica fa paura, non ci siamo proprio…» ( http://trentinocorrierealpi.gelocal.it/ )

La religione musulmana è un pretesto, non c’entra nulla. Il vero motivo dietro l’accondiscendenza verso gli immigrati è la cancellazione di tutte le religioni a partire da quella cristiana.
Il concetto di “stato laico” ha a che fare col progetto dei seguaci del tizio cornuto di obliterazione di ogni segno e senso religioso. Le sentenze create ad arte contro il crocefisso e le attività religiose emanate da imperscrutabili “tribunali europei”, servono a questo.
Del resto, tutto il “terrorismo islamico” è una invenzione occidentale, serve a fare confliggere tra di loro le religioni. Al Jazeera è una TV americana che fa credere agli arabi e a noi cosa gli USA vogliono degli arabi. Dal 11 settembre 2001 al recente Charlie Hebdo. Isis (Iside) è una dea vendicativa e assetata di sangue, antagonista per antonomasia di una ragazzina dagli occhi come il deserto di nome Miriam (Maria).
Ho già scritto che gli attentati di Atocha a Madrid del 11-3-2004 furono organizzati per fare vincere Zapatero che ha distrutto economicamente la Spagna ma ha fatto passare i matrimoni-gay. Idem Hollande oltralpe che la prima cosa ed unica che ha fatto, una volta presidente, sono i diritti gay.
Il problema del mondo è unicamente di carattere religioso. Se si capisce questo, si comprende tutto.
Membro del Aspen Institute di Rockefeller, Giulio Tremonti, quello del “patto di stabilità” contro i comuni chiese di abolire le festività religiose per “incrementare il PIl”. Mario, Monti come primo provvedimento del suo governo fu l’apertura dei negozi domenicale “sempre per incentivare l’Economia”. A compenso di ciò, fu fatto senatore a vita a 10 mila euro netti mensili. Avrete compreso, le statistiche dal Pil, ai sondaggi elettorali, della disoccupazione sono inventate di sana pianta. Lo sono sempre state ma adesso la cosa si palesa.
Lo stesso Tsipras in Grecia. Non ha risolto nulla, se non obbligare la Germania a mantenere la Grecia nell’euro per decenni. Dopo le votazioni truccate e dopo avere fatto entrare in Europa centinaia di migliaia di clandestini attraverso la penisola ellenica, vedrete si metterà a parlare di “abolizione dei piccoli comuni”, “gay”,”abolizione delle feste religiose” molto sentite nell’ortodossa Grecia. E naturalmente di “buona morte” in greco “eutanasia”.
E sarà lautamente remunerato anche lui. In italia, tutti i fautori della unione europea e della dissoluzione morale sono stati premiati. Da Tony Negri, tirato fuori di galera per reati gravissimi dai radicali. Oggi gode di un emolumento da parlamentare europeo, vita natural durante. Al pari di Giulietto Chiesa, quello che dice che dobbiamo tenerci Europa ed euro e che l’immigrazione selvaggia è un fenomeno “naturale”. L’ultimo caso è quello di Vendola, se non ho letto male. Tuttavia, nessun europarlamentare potrebbe pareggiare i 33 mila euro mensili di vitalizio di Giuliano Amato, “padre” della costituzione europea e trattato di Lisbona. Il piduista Berlusconi ha ottenuto vantaggi iperbolici per le sue aziende dalla “discesa in campo” e, di fatto, sostiene ora Renzi.
Che le guerre siano inscenate, tranne per i morti purtroppo, lo si vede in Siria. Ormai tutto il mondo combatte in Siria ma Assad se ne sta tranquillo nel palazzo presidenziale, non è assurdo? Che poi le notizie internazionali siano manipolate da cima a fondo lo dimostra il caso Ebola: un’epidemia che doveva affliggere l’universo intero è stata fatta sparire (dai media) quando ha raggiunto New York.
Il programma del radicali, frugateci bene, è stato riversato in quello del M5S (oltre che nella sinistra radicale, centri sociali). Tranquilli che anche Casaleggio e Grillo intascano sui loro conti cifrati inisvizzera fior di dollaroni per fare passare droga libera, ius soli, diminuzione della democrazia tramite l’abolizione quasi di tutte le consultazione locali e nazionali.
Quanto al papa regnante, emerge sempre più chiaramente che la sua elezione, con previa dimissione di Ratzinger, è stata un complotto da parte della cricca dei cardinali massoni. Ha detto, fra il tanto, che bisogna “accogliere buoni e cattivi”. Uno dei cardini della dottrina luciferina è di considerare il male uguale al bene.
Non occorrerebbe aggiungere altro.
Se non che, quando i vari Soros, Rockefeller, Bush e i compari loro nostrani raggiungeranno l’Ade, per me, Lucifero in persona farà fagotto sentendosi di troppo. Traghettato sul barcone di Caronte, dovremo accoglierlo pure, clandestino più, clandestino meno. Temo però lui verrà a dettare legge.