PTV news 30 novembre 2015 – Clima, ultima menzogna

PandoraTV, facente riferimento a Giulietto Chiesa cavalca la menzogna massonica del “riscaldamento globale”.
Quelli che sostengono il M5S e Lista Tsipras, che stanno annientando la Grecia, appoggiano la nuova campagna di controllo mentale e di globalizzazione. Di Forza Italia e PD manco parlo perchè sono talmente squallidi e inqualificabili.
50 anni fa, costoro promuovevano le campagne in favore di aborto e divorzio, ora in favore della “Giustizia climatica”, qualunque cosa significhi.
Vi ho detto infinite volte che il riscaldamento globale è una invenzione per sostituire al Forex, o affiancare per meglio dire, il commercio dei “crediti per emettere CO2”.
Il cambiamento climatico spauracchio è una fesseria. Il clima muta continuamente e ci stiamo allontanando da una glaciazione terminata solo 13.000 anni fa. Giocoforza il clima si riscalda. 2 gradi in più in 300 anni (ma non è mica vero) corrisponde all’incremento lineare post glaciale.
Naturalmente, nessuno invoca una moratoria sulla continua deforestazione globale o un piano per ripulire gli oceani dall’immondizia galleggiante, quantomeno. Leggi il vortice della plastica del Pacifico.
Quanto allo scioglimento dei ghiacci artici, bisogna verificare se le immagini e i dati che ci sono presentati sono autentici.
Ne PandoraTV accenna mai alle scie chimiche, ben visibili anche oggi sulla pianura padana. A cosa servono di grazia? Ad alterare il clima, forse?
La lettrice già preannuncia ciò che succederà in pratica: gli Stati Uniti, causa “i repubblicani”, si defilerà e quindi conserveranno un vantaggio competitivo delle aziende ubicate sul loro territorio. Del resto, Renzi non era mica volato a Silicon Valley invitando i giovani italiani ad aprire aziende innovative laggiù?
Quanto a Giulietto Chiesa, mi sono già espresso su di lui: non fidatevi di quest’uomo. Come fa un filo-russo adire le stesse cose di Obama, dai gay, ai profughi, all’euro, al riscaldamento globale?
Sta artatamente alimentando il falso dualismo est-ovest verso la Terza Guerra Mondiale.