Archive for dicembre, 2015

31 dicembre 2015

Messaggio di fine anno di Salvo Mandarà, buon 2016!

Per quanto mi riguarda, non posso che ribadire ciò che scrissi esattamente due anni fa:
https://pianetax.wordpress.com/2013/12/31/previsioni-per-il-2014-facili-profezie/
In più, il 2016 sarà l’anno della menzogna statistica, in cui si paleserà che i dati Istat, CGIA di Mestre, sondaggi eccetera sono infondati, se non inventati di sana pianta.

30 dicembre 2015

Kerry Cassidy è diventata Lori Frary?

Una fotografia di Lori Frary

Una fotografia di Lori Frary

Qualcuno ricorda la signora di Project Camelot, una bionda americana che girava il mondo intervistando personaggi legati al complottismo. In Italia, Kerry Cassidy intervistò Leo Zagami che aveva confessato di essere un Illuminato (come lo invidiamo!).
Di recente, in Youtube è divampato il fenomeno Flat Earth (Terra Piatta) ed uno dei canali più seguiti si chiama Flat Earth Conspiracy gestito da Lori Frary.
Ora, succede che a qualcuno è venuto il sospetto si tratti della medesima donna. Esiste anche un canale YT chiamato Project Camelot che è senz’altro roba interna ai poteri forti.
Se Kerry Cassidy è in realtà Lori Frary, viene da chiedersi perché ai poteri occulti interessa la teoria balzana della Terra Piatta. O no?


30 dicembre 2015

Altroconsumo: ecco quali sono le banche italiane più affidabili

L’articolo è un falso ben confezionato, al pari di tutti quelli che si leggono in questi giorni. Le banche elencate non sono strutturalmente ne culturalmente differenti dalle 4 fallite. Diverse saranno costrette ad accollarsi altre per non farle andare in default divenendo, a loro volta, pericolanti. Le associazioni dei “consumatori” sono organizzazioni che il Sistema impiega come valvola di sfogo. Se ci riflettete, cosa c’entra il “consumo” col “risparmio”? Si tratta di costumi diametralmente opposti. Chi risparmia non consuma e viceversa, non fidatevi troppo.

di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Il decreto salva banche recentemente approvato dal Governo guidato da Matteo Renzi che ha bruciato i risparmi di azionisti e obbligazionisti di Banca Etruria, Banca Marche, CariFerrara e CariChieti ha messo in luce il grado di affidabilità degli  istituti di credito italiano.
Un’indagine di Altroconsumo Finanza  ha dato i voti alle banche, valutando la loro capacità di fronteggiare eventuali difficoltà nel recuperare i prestiti concessi. Al motto di “scopri quanto la tua banca è affidabile”, l’associazione dei consumatori ha analizzato l’affidabilità di circa 300 grandi banche italiane, ovvero tutte quelle che hanno almeno 10 sportelli.
La votazione è avvenuta sulla base di stelle, assegnate in una scala da 1 a 5 a seconda dell’affidabilità di ogni istituto di credito. Sono due gli indicatori che Altroconsumo ha tenuto in considerazione:  “common equity tier 1″ (spesso indicato come Cet1 ratio) e il “total capital ratio”.
Entrambi gli indicatori mettono in relazione il patrimonio della banca al totale degli impegni assunti, come ad esempio nella concessione dei prestiti.

“In pratica questi rapporti ti dicono quanto la banca è in grado di fronteggiare eventuali difficoltà nel recuperare i prestiti concessi”.

Ecco quali sono gli istituti di credito che ottenuto il massimo dei voti, ossia 5 stelle.

  • Banca Carime
  • Banca Agricola Popolare di Ragusa
  • Intesa Sanpaolo (spa)
  • Unicredit (spa)
  • BCC di Staranzano e Villesse
  • Casse di Risparmio dell’Umbria
  • CR del Veneto
  • Banca Sistema
  • Banco di Napoli
  • CR di Ravenna (spa)
  • Bcc San Marzano
  • Banca di Viterbo Credito Cooperativo
  •  Banca Prossima
  • Binck Bank
  • Aletti & C Banca di Investimento Mobiliare
  • FinecoBank
  • Cassa Padana BCC (spa)
  • Banca Popolare di Bergamo
  • CR di Biella e Vercelli
  • Ubi banca (spa)
  • Banca Malatestiana Credito Cooperativo
  •  Banco di Sardegna
  • CR in Bologna
  • Banca Regionale Europea
  • Cariparma (spa)
  • Banca Popolare di Commercio e Industria
  • Mediolanum
  • CR di Pistoia e della Lucchesia
  • Artigiancassa.

( http://www.wallstreetitalia.com/ )
Non vorrei mai rimettere vecchi panni. Se proprio vi fidate della finanza, personalmente ho preso attraverso la mia banca (una BCC) quote di un fondo lussemburghese obbligazionario, cedola mensile, circa 1,4% netto costante. Se volete arrischiare qualcosina su un azionario globale, denominato euro, Lussemburgo. Se affonda la mia BCC, quelli dovrebbero reggere (per il momento). In Svizzera stanno allestendo un referendum per rafforzare le loro banche che i media farlocchi dicono sia “contro” le banche. Secondo voi, gli svizzeri promuovono consultazioni contro la loro ricchezza?

Comicità involontaria, meglio il cagnone che il ghigno di Padoan

29 dicembre 2015

La predazione d’oro dietro il fallimento di Banca Etruria?

ROMA (WSI) – E ora si scopre che Banca Etruria – una delle quattro banche salvate per il rotto della cuffia con il decreto salva banche del governo Renzi – è anche il magazzino d’oro più grande dopo Bankitalia. E’ quanto riporta un articolo del Corriere della Sera, da cui emerge che:

“la Etruria è una piccola Fort Knox con il suo carico protetto in vari caveau, tanto da meritarsi il soprannome di «Banca dell’oro». L’istituto possiede anche al 100% un banco metalli, la Oro Italia trading. Tra lingotti dei clienti per circa 3,5 tonnellate (oltre 10 mila pezzi), lingotti di proprietà della stessa banca che ha una giacenza media giornaliera sulle due tonnellate e impieghi per il distretto industriale orafo di Arezzo, altre 4 tonnellate, il conto totale è di 9 tonnellate e mezzo. Si tratta per buona parte di oro puro che viene distribuito in vari caveau segreti, di cui almeno uno è in località Arezzo anche se non segnato sulle mappe di Google, per ovvi motivi. Il controvalore di mercato fa una certa impressione: stiamo parlando di un tesoro da 310 milioni di euro. Sebbene a distanza siderale è la più grande concentrazione di oro in Italia dopo quella di Bankitalia. (….) Il pezzo che andava di più era quello da 250 grammi, seguito dal «lingottone classico» da un chilogrammo (31 mila euro). Esiste anche un identikit: il cliente tipo dell’istituto risulta avere circa 200 mila euro depositati, di cui il 10 per cento circa in oro fisico. Poi in banca, oltre ai privati, ci sono anche clienti istituzionali che hanno depositato lingotti per milioni di euro”. […] ( http://www.wallstreetitalia.com/ )

Lecito chiederselo dopo questo strano articolo del Wall Street Journal Italia (sempre americano è).
Ho scritto più volte in passato della scomparsa delle oltre 40 tonnellate d’oro della banca centrale ucraina. Ciò avvenne in seguito al caos seguito all’intervento degli “amici” statunitensi. Probabilmente quell’oro se ne sta ora al sicuro a Fort Knox.
Non vorrei che tutto questo rivolgimento di cose, organizzato da Renzi e Padoan, possa servire a fare svanire come per incanto un po’ di metallo giallo dai forzieri dell’istituto.
Col nuovo ordine globale, tutto è lecito, l’Italia è come la Libia, l’Iraq o la citata Ucraina, terra di predazione per i farabutti legati agli Stati Uniti d’America. Ditemi voi quante volte l’ho scritto.
Dico “fallimento” poiché la Nuova Etruria è spacciata, non reggerà al dissanguamento in corso, la gente sta prelevando i soldi e chiudendo i conti correnti. Ovvio, chi si fida più di bancari e direttori che fino all’altro ieri ti raccomandavano le imperdibili obbligazioni subprime emesse da Etruria, per di più, mentendo spudoratamente per mesi (o anni) ai clienti che intendevano venderle.

29 dicembre 2015

La Russia di Putin è l’ultimo baluardo per l’Occidente

29 dicembre 2015

Pensioni 2016, come cambia l’assegno previdenziale tra perequazione e scalini

Con il rinvio della flessibilità in uscita, dal prossimo anno si dovrà lavorare ben 4 mesi in più. Lo prevede la legge Fornero, che modifica l’età di accesso alla pensione e l’importo dell’assegno calcolato con il contributivo. Cosa prevede, invece, la legge di Stabilità? Pochi dettagli e il blocco dell’effetto della perequazione automatica che avrebbe costretto i pensionati a restituire circa 20 euro ( http://www.ilfattoquotidiano.it/ )

Com’era facilmente preventivabile, e da me abbondantemente preannunciato, lo stato italiano sta martoriando i suoi cittadini in favore dei “migranti”, i milioni di clandestini che Renzi-Grillo-Alfano (quinta colonna di Berlusconi) stanno facendo entrare, per conto della Casa Bianca, e pretendono l’INPS li mantenga ora col “reddito di cittadinanza”.
Come segnalo da anni, il caso salva-banche lo dimostra platealmente, il parlamento italiano vota esclusivamente leggi contro gli autoctoni e a favore degli alloctoni appena sbarcati. Infatti, il costo dello stato, le spese militari, gli stanziamenti per le grandi opere non sono mai stati decurtati, anzi, incrementati.
Sono 10 anni, ormai, che scrivo in rete di non fidarsi delle banche e che assolutamente non bisogna dare quattrini all’INPS poiché sarebbero soldi sprecati. Spero il 2016 porti consiglio a coloro che non lo avessero ancora capito.
Detto questo, voglio sottolineare che non è giusto che un cittadino debba rinunciare al proprio benessere, e perfino ai risparmi depositati in banca, perchè gli USA con la massoneria stanno creando il super-stato europeo, un pilastro dei quali è la società multirazziale. Intanto: ‘Bimba di sei anni uccisa da meningite’. Colpa di chi?

29 dicembre 2015

Disdire il Canone RAI TV in bolletta, come non pagare la tassa 2016

PREMESSA IMPORTANTE Sebbene la legge sia stata promulgata, manca il decreto attuativo che dovrebbe essere emanato entro febbraio 2016. Quindi, sono possibili modifiche, rimangono alcuni mesi di tempo per studiare una strategia per risparmiare 100 euro.
Canone RAI 2016 in bolletta della luce: il 22 Dicembre 2015 il Senato ha approvato la Legge di Stabilità 2016 e il Canone RAI ad uso privato del nuovo importo di Euro 100 a partire dall’anno 2016, si pagherà in dieci rate mensili tra Gennaio e Ottobre, addebitate nella fattura della bolletta dell’energia elettrica.
Resta invece invariato il Canone RAI Speciale.riservato alle attività commerciali.
Solo per l’anno 2016 il primo addebito avverrà nella prima fattura elettrica successiva al 1 Luglio 2016 e sarà comunque sempre indicato in bolletta con una distinta voce.
Il Canone RAI per uso privato è dovuto da chiunque detenga un apparecchio atto od adattabile alla ricezione delle trasmissioni televisive e la detenzione dell’apparecchio televisivo si presume nel caso in cui esista una utenza per la fornitura di energia elettrica nel luogo in cui un soggetto ha la sua residenza anagrafica.
Il canone di abbonamento RAI è in ogni caso dovuto una sola volta in relazione agli apparecchi detenuti nei luoghi adibiti a propria residenza o dimora, dallo stesso soggetto e dai soggetti appartenenti alla stessa famiglia anagrafica e non è più possibile la cessazione del Canone RAI per suggellamento del televisore.

Chi può e non deve pagare il Canone RAI in bolletta?

  1. Coloro che alla data del 1 Gennaio 2016 non fossero titolari di abbonamento TV e non detenessero alcun apparecchio televisivo, al fine di non essere obbligati al pagamento del canone RAI, devono inviare una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà di non detenzione dell’apparecchio televisivo alla Agenzia delle Entrate.
  2. Tale dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi dell’art 46 D.P.R.28 Dicembre 2000 n 445, espone a responsabilità penale in caso di mendacio (falsità o travisamento della verità) ed è valida per l’anno in cui è presentata: quindi chi non detenesse alcun apparecchio televisivo deve inviare la dichiarazione all’inizio di ogni anno.
  3. Sono esentati dal pagamento dell’abbonamento TV in bolletta elettrica e possono richiedere quindi l’esenzione del Canone RAI tramite una dichiarazione sostitutiva in atto notorio da spedire tramite una Raccomandata alla Agenzia delle Entrate, i seguenti soggetti:
  4. chiunque non sia realmente in possesso di un apparecchio televisivo ovvero di alcun apparecchio atto o adattabile alla ricezione delle radioaduzioni (sono quindi esclusi i possessori di pc, tablet o smartphone a meno non siano dotati di sintonizzatore TV)

Inoltre:

  •  soggetti di età pari o superiore a 75 anni con un reddito annuale inferiore a Euro 8000 (avendo in casa una nonna con pensione minima, intestatele il contatore ENEL. Se vi chiedono soldi per la voltura, cambiare fornitore)
  • possessori di seconda casa (relativamente a essa)
  • proprietari di immobili dati in locazione e che hanno mantenuto a loro intestato il contratto di fornitura dell’energia elettrica (le utenze vanno sempre intestate agli inquilini sui quali devono ricadere le relative morosità)
  • militari delle Forze Armate Italiane che vivono in ospedali militari, case del soldato e sale convegno
  • diplomatici e personale NATO
  • imprese che vendono o riparano TV

disdetta canone rai 2015 raccomandata ar

( http://www.letterasenzabusta.com/ )

NOTA: L’esenzione dei militari e forze NATO indica che c’è lo zampino degli americani. Come ogni altra legge del governo Ranzi, è stata suggerita dal Dipartimento di Stato. Mi fa ridere la gente che non capisce questa cosa.

28 dicembre 2015

Real rotation of the Sun, horizontal axis

Solar rotational axis is not vertical, it is horizontal pointing at the Earth. Sunspots travel clockwise and not West to East. Get your camera and check yourself!

28 dicembre 2015

Foto – Lo Stromboli e le Eolie dal Cilento

Eolie Stromboli visti dal CilentoUna foto vale molto più di cento parole e il Cilento oggi si è trovato affacciato sulla Sicilia in particolare sullo Stromboli e le Isole Eolie. Come racconta il fermo immagine diffuso da Armando Romano sulla pagina Fecebook della Pro Loco di Pollica, la nostra terra ha assistito a uno spettacolo magnifico. La vista della Sicilia si è potuta ammirare non solo da Pollica, ma da tutto il territorio che si affaccia a sud della provincia di Salerno e così i residenti e coloro che sono tornati nel Cilento per le vacanza natalizie hanno assistito a uno spettacolo mozzafiato. Ma da Gioi, foto Patrizio Nese, si sono potute meglio vedere anche le Isole Eolie. ( http://www.cilentonews.com/ )

Pollica (SA) dista 200 km dalle isole Eolie e oltre 160 da Stromboli, un vulcano alto 928 metri. L’equazione semplificata per calcolare la curvatura terrestre è: distanza in km al quadrato moltiplicata per 8. In tal modo, si ottiene di quanto l’orizzonte dovrebbe “affondare” causa la rotondità terrestre. Il risultato è espresso in cm e bisogna dividere per 100 onde ottenere i metri. Lascio a voi l’incombenza di calcolare se Stromboli sarebbe visibile dal Cilento.
Ho bei ricordi di Stromboli. Ci andammo per la campagna vulcanologica guidati dalla nostra adorabile docente per il corso di Vulcanologia. Salire fino in cima è una faticaccia, 4 ore quasi ininterrotte di arrampicata. Non esattamente per cardiopatici, si arriva su stravolti. Ed dare per scontato prendersi una storta o una distorsione al ginocchio.
Però ne vale la pena, lassù è un altro mondo, sembra di stare su un altro pianeta anche per via del tempo freddo e ventoso al contrario del clima mediterraneo “da infradito” che si è lasciato nelle spiaggette dell’isola. Mi colpirono le nuvole che risalgono la china quando colpiscono la montagna e quando ci si è dentro, sembra di stare nella nebbia della Valpadana. Poi d’impossesso scompaiono e si viene punti dall’intenso, ficcante azzurro del cielo e del mare, come da un aeroplano. Rammento i diversi toni di azzurro del mare per la temperatura differente, dicevano, delle diverse correnti del Tirreno  demarcate come da un confine impalpabile.
Il paesaggio in cima è veramente strabiliante, avanzando a fatica tra i massi di lava solidificatisi da poco, si rimane quasi storditi. Stromboli è un vulcano perennemente in eruzione (attività appunto “stromboliana”) bisogna portare il caschetto di protezione per non rischiare di prendersi in testa un affare di roccia fusa durante un’esplosione. Ma si ammira da vicino il magma incandescente affiorare dalle bocche attive.
Ecco, per il 2016 una vacanza istruttiva ed eccitante. Andate a visitare le Eolie e Stromboli. Però dovete trovare il coraggio di salire in cima! Altrimenti, che avventura sarebbe!

Salita vulcano Stromboli

27 dicembre 2015

Stanza 237

The Shining - camera 237Molti sostengono che il regista nuovayorkese Stanley Kubrick sia stato l’artefice occulto dei flamini del falso sbarco sulla Luna della NASA. Si ritiene che nel film The Shining, uscito nel 1980, egli abbia codificato una sorta di confessione, in particolare, nelle deviazioni e nei cambiamene effettuati rispetto al libro di Stephen King da cui la pellicola è tratta, dal titolo omonimo e pubblicato tre anni prima.
Uno dei cambiamenti eseguiti è il numero di una camera d’albergo centrale nella storia, da 217 a 237. In un fotogramma del film, si vede il cartellino che identifica la stanza con scritto ROOM NO 237 (CAMERA NO 237 in italiano). 237 mila è, in miglia, la distanza che separa in media la Terra dalla Luna e “roomn0” può essere traslitterato in “Moon”.
C’è da chiedersi il perchè Kubrick abbia voluto effettuare qual particolare cambiamento. Egli era un “iniziato”, un esoterista, lo si capisce bene attraverso le sue opere, sopratutto Lolita e Eyes Wide Shut. Non desta, pertanto, particolare stupore che sia stato prescelto dai poteri occulti per un compito particolarmente delicato come la falsificazione del programma Apollo dal punto di vista cinematografico.

27 dicembre 2015

Nuvole dietro la Luna. Illusione ottica, oppure?

Nuvole dietro la Luna

Gli assertori della Terra Piatta sostengono che il Sole e la Luna si trovano a poche migliaia di chilometri dalla superficie terrestre e ruotano giornalmente alternando il giorno con la notte. Sarebbero dischi luminosi dal diametro di 50 km circa.
Può avvenire, pertanto, che ci siano nuvole abbastanza alte da trovarsi dietro la Luna. Pazzesco, non trovate?
Eppure si trovano in rete miriadi di filmati che sembrano mostrare nuvole che transitano dietro la Luna. In aggiunta, il corpo selenico sembra illuminare solo la zona prospicente ad esso, il che è un controsenso. Tutte le nuvole dovrebbero essere illuminate in egual misura da una distanza di 384 mila km.
Una mera illusione ottica? Giudicate voi.



25 dicembre 2015

Buon Natale a tutti!

BuonNatale

23 dicembre 2015

Archeo Misteri Magazine – dicembre 2015


Il numero di dicembre 2015 della rivista Archeo Misteri Magazine ospita un mio articolo di 8 pagine intitolato “La congiura della Terra Piatta“. Oltre a illustrare i punti salienti della teoria secondo cui la Terra non sarebbe sferica, indico i motivi per i quali i poteri occulti nasconderebbero all’Umanità un segreto talmente immane. Il programma spaziale internazionale non sarebbe altro che una colossale saga hollywoodiana… pure illazioni, credete voi? Buona lettura!
Archeo Misteri Magazine - dicembre 2015

22 dicembre 2015

Claudio Borghi Aquilini – Vi spiego come funziona una banca

Ottima lezione del prof. Claudio Borghi sul crac sistemico delle banche italiane. Nemmeno lui, tuttavia, menziona il male assoluto del concetto di istituto di credito: la riserva frazionaria cioè il fatto che le banche possono prestare molti più soldi di quanti ne abbiano effettivamente in saccoccia. Più passa il tempo, più mi convinco che la concezione del salva-banche segue uno schema oscuro. Gli istituti di credito potevano farsi dare i denari dalla BCE e rimanere in qualche modo solvibili. Lo hanno fatto solo per fare sadicamente del male a cittadini inermi che si fidavano. Le banche col sistema della creazione ex nihilo del denaro possono sempre essere “salvate”, semplicemente posponendo ad libitum la resa dei conti.
Il bail-in (“salvataggio autonomo”. si potrebbe tradurre) è una fesseria. Le banche non sono organismi democratici, correntisti e investitori non hanno la possibilità di sfiduciare gli amministratori che elargiscano denaro alla kazzodikane.
Come spiegai già anni fa, l’unica banca che lasciarono fallire fu Lehman Brothers e fu una scelta strategica. Infatti, il crac di quell’istituto servì a cancellare le tracce dei fondi neri (black budget) che i poteri occulti avevano allocato la. Lo scopo? Finanziare l’Obamamania che lanciò la vittoria di Obama nel 2008. Dopodiché, lo stesso Obama, una volta eletto, coi vari TARP salvò con denari pubblici il resto delle banche già stra-fallite. Così gira il mondo.
ADDENDUM ‘Ecco la lettera europea sul caso delle banche’ Secondo me, la ‘lettera’ l’hanno stilata nelle scorse ore per esonerare i politici da responsabilità e non fare precipitare troppo Renzi nei sondaggi.

22 dicembre 2015

Veneto Banca, 20 mesi di reclusione ad azionista: per recuperare i risparmi investiti rapina una filiale dell’istituto

Lunedì l’uomo si era presentato a una sede di Castelfranco Veneto per farsi restituire 7.300 euro, operazione impossibile dato che agli azionisti è stato negato il diritto di recesso. Per questo ha perso il controllo e ha rubato il denaro

Aveva perso i suoi i soldi a causa del deprezzamento delle azioni di Veneto Banca e per riaverli, lunedì 21 dicembre, ha improvvisato una rapina: dopo aver colpito due cassiere di una sede della banca di Castelfranco Veneto ha preso 7.300 euro in contanti ed è scappato, ma è stato arrestato. Martedì l’uomo, 35 anni, processato con rito direttissimo, ha patteggiato una pena di 20 mesi di reclusione per tentata rapina la cui esecuzione è stata sospesa.
Il gesto dell’azionista non era premeditato. Il giovane, infatti, si era presentato in banca sostenendo di voler ritirare i risparmi investiti. Operazione impossibile dato che l’istituto ha dichiarato di non essere in grado di garantire il diritto di recesso, dopo la trasformazione della banca in società per azioni. Operazione che ha sancito l’ennesimo crollo del valore delle azioni precedentemente gonfiato. Per questo dopo che gli era stata negata la richiesta, l’uomo ha prima cominciato a urlare, poi ha aggirato il bancone, ha spintonato le cassiere e si è impossessato del denaro.
Dopo la rapina improvvisata l’uomo ha provato a scappare sfondando il maniglione antipanico con un appendiabiti. Ma a quel punto è arrivata una pattuglia dei carabinieri. Interrogato in caserma ha ammesso le sue responsabilità, è stato rimandato a casa con una denuncia per tentata rapina e l’obbligo degli arresti domiciliari. ( http://www.ilfattoquotidiano.it/ )

Quando si toccano le banche, la giustizia si somministra ed è rapida. Dunque, anche la storiella della malagiustizia, le lungaggini, i processi infiniti sono appannaggio del popolino. Per i potenti, la giustizia funziona egregiamente! Capito l’antifona?

22 dicembre 2015

The NASA Moon and Mars Landing Hoaxes

An astounding resume of the Moon and Mars Hoax theory by Eric Dubay.
Earth is not a spinning ball and nobody has ever landed on the Moon, Mars or even gone into “outer-space.” NASA steals billions of taxpayer dollars and gives us back nothing but Hollywood Science-Fiction movies and bold-faced lies.  Many prominent figures of the Apollo conspiracy movement are quoted including David Percy, Marcus Allen, Ralph Renè and Bill Kaysing.

22 dicembre 2015

The planes help to prove the plane

The planes can help to prove the plane…especially the planes flying from the southern hemisphere. I spent a day trying to travel from continent to continent and found out just how ridiculous the routes look on the Google map only to find the answers when mapping them on the flat earth map. The Southern hemisphere appears to be way bigger than the Northern. Here are a few planes that help prove the plane.

22 dicembre 2015

Trionfo della SpaceX: riuscito l’atterraggio in verticale del primo stadio del Falcon 9

SpaceX: riuscito l'atterraggio in verticale del primo stadio del Falcon 9

Grande successo della SpaceX che ha appena scritto un nuovo capitolo nella storia delle missioni spaziali: questa notte alle 13:29 UTC, per la prima volta, il primo stadio di un razzo, dopo aver compiuto la sua missione, è tornato sulla Terra atterrando in verticale a 10 chilometri di distanza da dove era stato lanciato.
La missione ORBCOMM-2, oltre alla consegna di un gruppo di 11 satelliti commerciali nella bassa orbita terrestre, aveva come obiettivo secondario il recupero del primo stadio del vettore Falcon 9 con un rientro automatizzato e atterraggio in verticale.
Il primo tentativo risale al 10 gennaio 2015 ma in quella occasione, dopo aver lanciato la capsula Dragon verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), il Falcon 9 aveva rovinosamente impattato sulla nave-drone che avrebbe dovuto accoglierlo nell’Oceano Atlantico. Questa volta, invece, il primo stadio del razzo è rientrato indenne sulla Landing Zone 1 della Cape Canaveral Air Force Station in Florida, circa 10 minuti dopo il lancio. ( http://aliveuniverse.today/ )

Voi ci credete, anche a Babbo Natale scommetto. Osservate il filmato sotto. Breve e senza audio, sembra l’atterraggio di un modellino da studio cinematografico quale probabilmente è.

21 dicembre 2015

Parigi val bene una messa…in scena!

Salvo Mandarà intervista Mario Quaranta sugli eventi di Parigi del 13-11-2015. Si parla anche di Valeria Solesin. Molto interessante.

Dario Solesin: “È durissima, il primo Natale senza Valeria non è un’occasione di serenità”
“Penso sempre a Valeria. È duro vivere senza di lei: mi spronava a studiare, a essere tenace, a tenere duro. Mi ha insegnato a vivere”. Dario Solesin, fratello di Valeria, la ragazza che ha perso la vita nell’attacco al Bataclan la notte del 13 novembre, racconta il primo Natale senza sua sorella.
Parlando con la Nuova Venezia, Dario ringrazia tutte le persone “mi riconoscono; fermano me, mio padre Alberto, mia madre Luciana. Ci dite delle parole stupende che ci confortano, ci aiutano a superare questo doloroso momento. Grazie, grazie ma senza Valeria è davvero dura”. ( http://www.huffingtonpost.it/ )

Dario Valeria Solesin Parigi Isis

21 dicembre 2015

La Terra vista dalla Luna, una nuova affascinante immagine

Non sono molte le immagini della Terra ripresa sullo sfondo della Luna o di un altro pianeta del Sistema solare. Tutte però hanno una particolarità: sono spettacolari e anche emozionanti. Perché, a differenza di quelle riprese in bassa orbita dai satelliti o dalla Stazione spaziale internazionale, danno quella sensazione di «estraneità», di «lontananza da casa» che fanno accendere qualcosa in noi. L’ultima in ordine di tempo, e tra le più belle, è quella diffusa dalla Nasa il 19 dicembre. È stata realizzata componendo una serie di immagini riprese il 12 ottobre scorso dal Lunar Reconnaissance Orbiter, che è appunto in orbita intorno al nostro satellite naturale. Si nota quella che agli americani piace chiamare «Biglia blu» (Blue Marble) che sorge sopra il margine del cratere Compton (Nasa/Goddard/Arizona State University) (Corriere della Sera)

Voi credete che questa immagine sia autentica? Se sì, spiegate come mai non ci sono piccoli rover che vagano sul suolo selenico, al pari di Marte, che trasmettono in diretta impiegando una piccola telecamera tipo webcam. In fondo, la Luna dista soltanto 384 mila chilometri mentre il pianeta rosso, in media, si trova a 100 milioni di km da noi.

20 dicembre 2015

Un brusco risveglio

Questa storia del salva-banche ha solo consumato le prime puntate. Ne dobbiamo ancora vedere delle belle.
La cosa che mi colpisce, di primo acchito, è come questi disgraziati si siano lasciati convincere a non disinvestire quando probabilmente il loro contratto lo consentiva. Quindi, si tratta di plagio e circonvenzione belli e buoni.
Quanto sottoscrivete una obbligazione dovete farvi mettere nero su bianco la modalità e la tempistica del disinvestimento precoce. Se necessario, sventolare il foglio davanti al naso del direttore e fatevi valere. L’errore cui non bisogna incorrere è di pensare che i soldi siano “amici”. Quando ci sono di mezzo loro, nessuna amicizia che tenga. Mettetevelo bene in testa. Se io firmo un contratto di sottoscrizione legalmente valido, in cui c’è scritto che posso ritirare i miei risparmi quando voglio (a costo di perderci), nessun direttore di banca me lo può impedire, a meno di non ammettere che i soldi non ce li ha.
Un sistema per fregare le banche lo avevo escogitato anni or sono. Si tratta di porre semplicemente a garanzia di un prestito, le obbligazioni emesse dalla banca medesima che concede il denaro. In tal caso, se l’istituto di credito non mi restituisce il maltolto, posso smettere di versare le rate del muto a compensazione.
La vicenda delle 4 banche presenta un lato atroce: hanno selettivamente graziato chi volevano loro, tra cui i colpevoli, punendo indiscriminatamente degli sventurati fiduciosi nel “risparmio”. Neanche Adolf Hitler in persona, a mio parere, si sarebbe comportato così.
Il problema, purtroppo, è che i banchieri manovrano i politici come fossero burattini e fanno emanare leggi per le quali il coltello dalla parte del manico ce l’hanno sempre loro.
Infine, c’è un aspetto quasi diabolico, se vogliamo. I tassi di rendimento, da anni a questa parte, sono talmente irrisori che probabilmente molti, abituati ad alta inflazione, hanno “letto” un 3,5% lordo come rendimento tipico di roba solida. In vero, oggi tale performance è da alto rischio. Le obbligazioni “sicure” rendono lo “zero virgola”. Credo parecchi siano stati tratti in inganno dall’idea che i prodotti finanziari davvero rischiosi dovessero rendere in “doppia cifra”.

20 dicembre 2015

Cosa regalare a Natale 2015? CIBO

Cosa regalare a Natale? Un bell’impiccio, non è così?
Ma se ben ci pensate lo è di meno di quanto sembra. La crisi ci impone di tornare alle basi delle necessità umane ossia il cibo. C’è molta più gente che soffre persino la fame di quello che le rutilanti reclame che eruttano ininterrottamente dei mega-schermi dei centri commerciali, ci lasciano credere. Mi capita di adocchiare nei mercati rionali, nei supermercati offerte particolarmente vantaggiose per i dolci natalizi. Prendetene qualcuno, se vi scappa l’occhio sull’offerta, e regalate ciò.
Non sapete cosa fare per Natale?
Per trarvi d’impaccio, vi consiglierei di andate a visitare qualche vostro parente anziano, magari rimasto solo di recente per la morte del coniuge. Qualcuno che ultimamente abbia perso il lavoro o sconta il fallimento di una relazione sentimentale. Un vecchio amico che non sentite da anni, forse è in difficoltà e non lo sapete.
Portate un panettone o una bottiglia di spumante. Non importa se da “discount” e scambiate quattro chicchere. In queste giornate di buio invernale, ciò scalda il cuore più del solleone estivo. Inventatevi una scusa qualsiasi: “passavo di qua”, “dovevo andare dal gommista in zona”.
Il Nuovo Ordine Mondiale si avvicina a grandi falcate incombendo come no spettro nefasto. Per molti, inispecie se un po’ in difficoltà di altro tipo, sarà un grande fardello dal punto di vista psicologico. Temo per parecchi un peso insopportabile.

Cosa regalare a Natale 2015? CIBO

19 dicembre 2015

Putin, pronto l’attacco alla Turchia

L’ora della vendetta di Putin contro Erdogan dopo l’abbattimento del Su-24 sembra essere arrivata.

c9e50-guerra2bsoldIl dispiegamento dei missili terra-aria S400 sul confine della Siria è terminato, come annunciato da Putin in conferenza stampa: “provate ora ad attaccare i nostri aerei … “.
La NATO ha recepito e decifrato il messaggio e ha iniziato ad ammassare navi, aerei e truppe a difesa della Turchia “We have agreed on a package of assurance measures for Turkey in view of the volatile situation in the region,” NATO General Secretary Jens Stoltenberg told Reuters. “This will give us a better situational awareness – more transparency, more predictability and that will contribute to stabilizing the situation in the region and also calm tensions.”
E’ molto probabile che l’attacco russo sia congegnato in modo da non avere effetti imprevisti ed allargati. L’obbiettivo di Putin è quello di “punire” Erdogan senza però scatenare reazioni incontrollabili che possano compromettere il suo consolidamento diplomatico nello scacchiere nord africa – medio oriente.
La scenografia potrebbe prevedere uno sconfinamento di aerei russi nello spazio turco, in modo da mettere Erdogan di fronte alla scelta di accettare lo scontro aereo oppure di ingoiare il rospo senza reagire ma andando incontro all’umiliazione.
Gli aerei russi questa volta sarebbero avvantaggiati dalla protezione dei missili S400 in grado di attaccare e distruggere aerei turchi nelle vicinanze di quelli russi.
La NATO assumerebbe un ruolo di “allerta” per non consentire ai russi di esagerare troppo nella rappresaglia militare, pur accettando in parte il prezzo imposto da Putin. ( http://www.menoopiu.it/ )

Stanno costruendo il palcoscenico per il terzo conflitto mondiale. In Italia da un lato Giulietto Chiesa, falso filorusso, fomenta l’odio verso la NATO, dall’altro Il Giornale che attizza l’odio contro i musulmani. In mezzo, i giornali “autorevoli” che chiamano all’unità nazionale contro il nemico “terrorista”, finti pacifisti che inneggiano alla UE, all’euro.
Come si è assistito ieri in parlamento, la politica è una giostra impazzita contro cui la stampa aizza gli ignoranti come Donchisciotte contro i mulini a vento. Il Movimento 5 Stelle, invece del senato, ha presentato la mozione di sfiducia alla Boschi alla camera dove la maggioranza PD è “blindata”. E, per sicurezza, Forza Italia si è astenuta. Questo vi basti a capire come funziona il Potere (con la p maiuscola), se ce ne fosse bisogno.
Adesso ci trascineranno verso il disastro immane di una guerra totale, prepariamoci.

18 dicembre 2015

Bill Kaysing – La Penna più Veloce del West

https://pianetax.files.wordpress.com/2015/12/50d1a-la-penna-piu-veloce-del-west.jpg?w=370

Ho letto l’originale opera letteraria di Albino Galuppini, intitolata ‘La Penna più veloce del West –Biografia di Bill Kaysing’, Gilgamesh edizioni. Bill Kaysing è stato un autentico precursore, non solo della vita ‘fuori dagli schemi’ e dai sistemi, del nomadismo attivo e delle economie alternative ma anche delle forme più avanzate ed intelligenti di solidarietà, verso gli esseri umani e gli animali.
Bill Kaysing è noto anche per avere, per primo, messo in dubbio la montatura propagandistica delle cosiddette missioni spaziali ‘Apollo’ della Nasa (National Agency of Space Actors). Celebre è il suo ‘Non siamo mai andati sulla Luna’, scritto anche per cognizione di causa, avendo lavorato per un periodo in un’azienda produttrice di razzi in collaborazione con la Nasa.
I costanti fallimenti dei lanci di razzi, destarono infatti il sospetto in Kaysing sulla reale possibilità che le numerose missioni Apollo si siano concluse con successo con il rientro degli astronauti sani e salvi sul pianeta Terra.

Il libro però ci dona di Kaysing un ritratto completo ed accurato, con fonti dirette ed un’ampia bibliografia, interessante per il suo apporto attivo a non dare mai nulla per scontato e non arrendersi alle consuetudini di una vita programmata dall’alto, con usi e costumi solo apparentemente logici e causali.
Un esempio per tutti soprattutto oggi, periodo storico nel quale stiamo assistendo al collasso sistematico di tutti i sistemi artificiali. Consiglio quindi la lettura di questo lavoro tanto originale quanto scritto con la passione ed il dovere di offrire un omaggio ad un individuo tanto singolare, generoso ed intelligente.

Bill attorniato da alcuni fans

Bill attorniato da alcuni fans

Unica nota amara è immaginare l’opera di Kaysing in un contesto contemporaneo ed europeo. Le mille leggi burocratiche impedirebbero infatti gran parte delle sue iniziative, una volta possibili negli, un tempo ‘liberi’ USA. ( http://offskies.blogspot.it/2015/12/bill-kaysing-la-penna-piu-veloce-del.html )