Pane nero, diffidare!

https://i1.wp.com/www.welfarenetwork.it/media/2016/01/33683/f1_0_pane-nero-diffidare.jpg
Costoso e inutile. Cosi’ potremmo definire una nuova qualita’ di “pane” che ha fatto la comparsa nelle panetterie.
Costoso perche’ costa piu’ del doppio di un normale pane. A Roma, da una nostra indagine, il “pane nero” costa 7 euro al chilo, mentre il pane (anche di buona qualita’) lo troviamo a 3 euro al chilo. Piu’ del doppio!
Il “pane nero” e’ realizzato con l’aggiunta dell’additivo E153 (carbone vegetale), e non ha l’effetto di assorbire i gas intestinali, come si crede, perche’ e’ un semplice colorante. Lo ricorda anche il Ministero della Salute.
Il “pane nero”, inoltre non potrebbe neanche definirsi pane ma “prodotto di panetteria fine” (definizione arzigogolata) poiche’ non e’ consentito aggiungere coloranti al pane. Se qualcuno soffre di gonfiore intestinale dopo i pasti e’ bene che si rivolga al proprio medico.
Fonte: Aduc

Il pane nero, il papa nero, il petrolio è nero, la Coca-cola è nera ed è una bevanda artificiale. Tutte armi di distrazione di massa. A Brescia il pane costa oltre 4 euro il kg senza essere nero. Ci sono dei fornai che fanno un pane talmente buono che io lo mangio senza companatico. Altro indurisce prima dell’ora di pranzo. Credo che il segreto per fare soldi nel 2016 sia di produrre pane appetibile come un dolce al prezzo giusto.