Se l’11 settembre non fosse morto nessuno?

Circolano in rete diverse teorie su come la beffa dell’11 settembre 2001 fu realizzata. Perché oramai solo i giornali e le TV di regime del mondo sostengono la verità ufficiale.
V’è perfino la teoria che nessuno o quasi perì nella realtà a causa del crollo delle due torri del WTC, dato per assodato che nessuno morì ufficialmente nel crollo pilotato delle Edificio 7.
Una informazione preziosa a supporto della tesi ci viene dal registro dei decessi di quel gioano nello stato di New York. Sembra infatti, come mostrato ne video sotto, che in quel giono ein quello successivo, il 12-9-2001 non si verificò nessuna impennata dei decessi a causa delle oltre 3000 persone rimaste sotto le macerie a Manhattan.

Anni or sono, avevo guardato filmati che suggerivano che le persone invocanti aiuto alle finestre fossero in realtà dei manichini mossi da qualcuno. In effetti, quel giorno migliaia di persone si erano regolarmente recate al lavoro al WTC ma, come io stesso ricordo, prima dei crolli erano state tutte evacuate. Persino quelle che si trovavano ai piani sopra i punti d’impatto degli aeroplani. Gli stessi documentari di Massimo Mazzucco riferiscono che almeno una rampa di scale rimase agibile dopo gli schianti a coloro che si trovavano in cima alle torri.
Ancora una verifica visuale. Tra le macerie dei tre edifici, letteralmente polverizzati, non si scorgono cadaveri ne tracce di sangue o arti smembrati nei filmati girati a caldo.

I piani colpiti dai due velivoli, che erano telecomandati come scrissi già 10 ani fa, erano probabilmente vuoti ma imbottiti di esplosivo.
Infine, sembra che moltissime delle vittime di quel giorno siano ancora vive, perfino tra i dirottatori. Qualche anno fa uscì la notizia che Mohamed Atta, capo dei terroristi forse era sfuggito agli attentati dato che qualcuno lo aveva segnalato vivo e vegeto da qualche parte in Medio Oriente.
Se la “matrix” in cui siamo immersi è talmente estesa da celare perfino la forma della Terra, a quel punto, tutto è possibile.