Archive for febbraio 12th, 2016

12 febbraio 2016

NEXUS febbraio – marzo 2016

In edicola da oggi il numero 120 della prestigiosa rivista bimestrale NEXUS NEW TIMES. L’edizione in uscita ospita, tra i vari interessanti articoli, uno mio in cui spiego cosa è il NWO sotto il profilo filosofico e dottrinale. Si parla sovente del cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale, citando personaggi ed eventi, senza mai approfondire quale spirito muova coloro che stanno dietro al progetto. Rileggendo il pezzo a distanza di tempo (lo avevo infatti inviato alla redazione un paio d’anni fa), lo trovo alquanto diretto e, alla fine, poco filosofico. Credo però, ciò stimoli i profani a “interiorizzare” meglio la questione. Poi, si cerca sempre di aiutare insomma. Buona lettura.NEXUS febbraio marzo 2016

Annunci
12 febbraio 2016

Mutui: la clausola che dà alla banca il diritto di pretendere la casa

casa-bancaPer chi non pagherà in tempo le rate del mutuo potrebbe scattare l’obbligo, anche senza bisogno di una causa e di un pignoramento, di consegnare immediatamente la propria casa alla banca che ha l’ipoteca. È questa l’aberrante conseguenza del decreto legislativo che recepisce la direttiva UE sul credito bancario [1] e che potrebbe essere approvato in questi giorni.
Il testo di legge contenuto nella normativa comunitaria [2] stabilisce, infatti, che gli Stati Membri “non possono impedire alle parti di un contratto di credito di convenire espressamente che la restituzione o il trasferimento della garanzia reale o dei proventi della vendita della garanzia reale è sufficiente a rimborsare il credito”. Il che, tradotto in termini molto semplici, significa che sarà legittima la clausola, contenuta nel contratto di mutuo tra la banca e il cliente, con cui si stabilisce che, nel caso di mancata restituzione delle somme prestate, l’istituto di credito può esigere il trasferimento, in proprio favore, della proprietà relativa all’immobile su cui ha già iscritto l’ipoteca, senza bisogno di avviare il pignoramento. Sarà poi la banca a mettere in vendita la casa (non quindi, secondo le procedure dell’asta davanti al tribunale, ma con gli strumenti contrattuali privati) ed, eventualmente, a restituire al cliente la differenza tra il prezzo ricavato e il debito non rimborsato.
La questione è tanto agghiacciante quanto si presti, per un momento, attenzione alle modalità con cui vengono scritti e imposti i contratti di mutuo, su lunghi moduli prestampati, ove il cliente non ha alcuna possibilità di trattativa, discussione e soprattutto, di comprensione del testo. Non è un fatto isolato che chi ha necessità di un prestito si limiti solo a firmare laddove il funzionario di banca gli dica di farlo, senza leggere il contenuto delle clausole, senza interrogarsi sulle condizioni a lui svantaggiose, ma limitandosi a recepire le informazioni verbali che l’impiegato gli dà. Insomma, un rapporto unicamente fondato sulla fiducia imposta da un lato dall’ignoranza e, dall’altro, per l’estremo tecnicismo di tali scritture. Si aggiunga poi che tali contratti vengono stipulati davanti al notaio, dando al cliente la (falsa) sensazione di una maggiore tutela per via della presenza del pubblico ufficiale: quest’ultimo, però, non valuta il merito della scrittura, ma – peggio – conferendogli la natura di atto pubblico, lo rende un titolo esecutivo, un’arma cioè ancora più potente nelle mani del creditore.
Non è tutto. La bozza di decreto legislativo che l’Italia vorrebbe approvare va ben oltre la normativa europea, stabilendo che l’accordo relativo alla cessione dell’immobile potrebbe essere non solo contenuto nel contratto di finanziamento, ma addirittura potrebbe intervenire anche successivamente. Il che significa porre, ancora una volta, un ricatto inaccettabile a chi si trova senza lavoro e, magari non è riuscito a ottenere la sospensione delle rate del mutuo secondo gli schemi che la normativa prevede, ma che nei fatti è sempre difficile raggiungere. In pratica, la banca potrebbe porre il cliente nella difficile scelta tra la ghigliottina o il cappio, tra il subìre un procedimento di esecuzione forzata, con aumento di costi, spese, interessi, competenze legali oppure abbandonare casa e liberarsi del debito, fermo restando la promessa (!) che l’eventuale eccedenza ricavata dalla vendita dell’immobile gli verrà restituita. Un bell’aiuto per le banche che, in questo periodo, con gli affari immobiliari stanno andando a nozze.
La direttiva sembra però porsi in aperto contrasto con le norme del nostro codice civile [3] che, per fortuna, vietano il cosiddetto patto commissorio tra creditore e debitore, ossia la cessione al primo dei beni del secondo su cui è stata iscritta ipoteca. ( http://www.unasrl.it/ )

Altro esempio lapalissiano che inchioda la UE al servizio dei banchieri. E i politici sono esautorati semplicemente attestando: “ce lo impone la normativa europea”.

12 febbraio 2016

Mutui, è polemica su decreto approvato dal CdM: permette alle banche di vendere la casa alla seconda rata non pagata

Scoppia il caos su una novità contenuta nel decreto legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri in attuazione della direttiva 17 del 2014 (Mortgage Credit Directive) sui contratti di credito ai consumatori relativi a beni immobili residenziali. Il decreto favorisce le banche a danno dei consumatori, permettendo agli istituti di riprendersi gli immobili dei morosi e rivenderli ripagando la differenza tra il valore di mercato e il mutuo residuo. Quest’operazione, fin’ora vietata, può scattare già alla seconda rata non pagata.mutuo casaProtesta Asso-Consum che chiede al Parlamento di non approvare il decreto per evitare che le banche si dotino di un ulteriore “coltello” contro i consumatori. “Se questo decreto fosse approvato – afferma il Presidente di Asso-Consum Aldo Perrotta – il cittadino rimarrebbe indifeso. Sarebbe l’ennesimo regalo alle banche. Con la scusa di agevolare il consumatore quest’ultimo verrà solo fregato”. ( http://www.helpconsumatori.it/ )

Come volevasi dimostrare. Ormai, col sistema globale al collasso, stanno cadendo i paraventi come quello della democrazia. I politici sono al servizio dei banchieri e la cosa si palesa sempre di più. Hanno inventato finti oppositori come i “pentastellati”. Notate bene il ruolo subdolo di costoro: mentre stanno facendo passare tutte le porcate contro il volere della maggioranza dei cittadini, quali matrimoni-gay, spinello legale, e immigrazione libera, rammentano continuamente gli alti stipendi dei politici in modo da forzare questi ultimi a legiferare contro la volontà dei cittadini che rappresentano essendo stati eletti.
‘Alfano concede la cittadinanza pure a chi non parla italiano’. Vi ricordate quando vi dissi che saremmo diventati come Singapore? L’inglese sarebbe stata imposta come lingua ufficiale unificante, l’idioma italiano ridotto a dialetto europeo. Il passo successivo sarà di obbligare la PA a produrre modulistica bilingue.

12 febbraio 2016

UFO International Magazine – febbraio 2016

In edicola il numero del mese di febbraio 2016 della rivista ufologica UFO International Magazine. Buona lettura.

UFO International Magazine febbraio 2016

12 febbraio 2016

Spazio, scoperte le onde gravitazionali: Einstein le predisse nel 1916

“Nel 1916 Einstein ha predetto le onde gravitazionali. Oggi siamo felici di annunciare che abbiamo rilevato per la prima volta le gravitazioni universali”. E’ l’annuncio con il quale si è aperta la conferenza stampa all’Osservatorio gravitazionale europeo (Ego), a Cascina, in provincia di Pisa. E’ stata la collisione tra due buchi neri avvenuta un miliardo di anni fa a provocare il primo segnale delle onde gravitazionali. ( http://www.tgcom24.mediaset.it/ )

Per me è tutto finto. Se ci avete fatto caso, in ogni film americano di fantascienza, Einstein viene citato. Probabilmente anche tutte le teorie di Albert Einstein sono una bufala. Anche in Italia, il governo statunitense in carica vuole imporre più matematica nelle scuole, la notazione anglosassone nella scrittura matematica.
Già Bob Lazar rivelò oltre 25 anni fa che in Area 51 avevano scoperto le onde gravitazionali tramite la ingegneria inversa per duplicare i reattori dei dischi volanti. Il velivolo a propulsione antigravità TR-3B sarebbe appunto il frutto di quegli studi sul sistema propulsivo degli UFO.
La Fisica Teorica è una presa in giro, a mio avviso. Mi riferisco, in particolare, alla “materia oscura” che hanno dovuto escogitare poiché non gli tornavano le equazioni sulla massa dell’Universo.

Articoli di approfondimento: Come funziona la propulsione antigravitazionale degli UFO

Einstein onde gravitazionali