Archive for febbraio 21st, 2016

21 febbraio 2016

L’autocertificazione per non pagare il canone RAI in bolletta

Come fare?

  1. Sbarazzarsi di tutti gli apparecchi televisivi presenti in casa.
  2. Prendere un PC fisso o portatile dove potere guardare filmati via internet per “disintossicarsi” dalla TV.
  3. Ritirare in biblioteca qualche DVD a prestito da guardare sul PC sempre per “disintossicarsi”.
  4. Inviare al più presto l’autocertificazione che non si possiede effettivamente alcun sistema per guardare la televisione (Internet non è contemplato come modo per vedere la TV).

Dato che l’addebito sembrerebbe essere automatico, è necessario preparare un’autocertificazione, nella quale si dichiarano le ragioni per le quali il canone non è dovuto. Con la consapevolezza che a dichiarare il falso si rischia di incorrere in sanzioni penali.
L’autocertificazione è fatta ai sensi dell’articolo 46 del d.p.r. numero 445 del 28 dicembre 2000 e va spedita tramite raccomandata a/r all’Agenzia delle Entrate di Torino o consegnata a mano all’ufficio territoriale più vicino.

Fac-simile autocertificazione

Spett.le

Agenzia delle Entrate

Direzione Provinciale I di Torino

Oggetto: Canone RAI – Dichiarazione sostitutiva di atto notorio (ex art. 46 del d.p.r. n.

445/2000)

Il sottoscritto ______________ nato a ______________ il __________ e residente in ________ alla via ______________n.__ (C.f.: ________________________), consapevole che chiunque rilascia dichiarazioni mendaci è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia, come da articolo 46 del d.p.r. n. 445 del 28 dicembre 2000

in relazione all’utenza di energia elettrica di cui al contratto n.__________ stipulato in data ___________ con la società ____________ (e all’abbonamento Rai n. ______________)

dichiara

– di non essere in possesso di alcun apparecchio televisivo o adattabile alla ricezione delle radioaudizioni

– che l’immobile cui si riferisce l’utenza è adibito a seconda casa di abitazione / residenza estiva

– che l’immobile cui si riferisce l’utenza è stato dato in locazione a ________ con contratto del _____ (che si allega)

– che l’unico apparecchio televisivo posseduto nell’immobile cui si riferisce l’utenza è stato ceduto/rottamato

– che l’intestatario dell’abbonamento Rai è deceduto in data ________ (allegare certificato di morte).

Dichiara, altresì, che nessun altro apparecchio televisivo o adattabile alla ricezione delle radioaudizioni è posseduto da appartenenti al proprio nucleo familiare.

(Dichiara inoltre di non essere più in possesso del libretto di abbonamento e chiede a norma degli articoli 2 e 8 della legge 241/1990 quale procedimento intenda seguire l’U.R.a.R. TV ai fini del completamento di quanto disposto dall’articolo 10 del r.d.l. n. 246 del 21/02/1938).

Distinti saluti.

Luogo, data Firma

Si allega:

copia firmata del documento di identità n. __________

Fonte: L’autocertificazione per non pagare il canone Rai in bolletta
(www.StudioCataldi.it)

21 febbraio 2016

In Antartide si può toccare il cielo con un dito?

Firmamento tocca il mareg

Secondo la teoria della “terra piatta” il nostro pianeta sarebbe un disco appiattito sormontato da un Firmamento solido a forma di cupola. Il cielo toccherebbe Terra in Antartide che non sarebbe altro che un anello di ghiaccio tutto intorno che conterrebbe gli oceani.
Pazzesco, non è vero?
Eppure cominciano ad affiorare fotografie scattate in Antartide in tempi passati in cui sembra vedersi il confine solido del mondo. La immagine sopra fu scattata dal fotografo George Rayner durante una spedizione negli anni ’20 dello scorso secolo. La nave William Scoresby fu specificamente armata per l’esplorazione e la cartografia delle zone polari compiendo sette viaggi antartici fra il 1926 e il 1937. Molto probabilmente si tratta di una alterazione dell’emulsione fotografica causata dal grande freddo di laggiù. Ma chi lo sa.

Articoli di approfondimento: Archeo Misteri Magazine – dicembre 2015