Sonoluminescenza

Sonoluminescenza

Nel 1934 due scienziati che lavoravano all’Università di Colonia, i professori H. Frenzel e H. Schultes, scoprirono che bolle generate in un liquido possono produrre una debole luminescenza facilmente percepibile a occhio nudo in una stanza buia. Questa luce azzurrognola, fredda e rivelatrice, è stata chiamata sonoluminescenza: luce da suono. La fonte di luce rimase un mistero finché degli esperimenti svelarono che questa era costituita da lampi e che tali lampi coincidevano con la frequenza delle onde sonore. Test delicati e precisi mostravano che i lampi avevano luogo quando le bolle collassavano. Inoltre, quando una bolla è sottoposta a oscillazioni consecutive, la sua taglia cresce finché essa diviene instabile e collassa emettendo luce. [… ] ( http://www.castout9.com/ )

Le stelle tremano d’amore e di speranza ci assicurano Giuseppe Adami e Renato Simoni autori del libretto di Turandot nella celeberrima aria Nessun Dorma.
Gli assertori della terra piatta hanno fatto una sconcertante scoperta: le stelle del firmamento emetterebbero luce tramite frequenze sonore riconducibili al fenomeno della sonoluminescenza. Ciò causerebbe il caratteristico tremolio. Non si tratta di astri lontanissimi ma di figure ben distinte, non di meri punti luminosi. Alcune stelle appaiono perfettamente circolari con un corpo più brillante centrale, altre sono esagonali, romboidali o a forma di diamante. Se non ci credete, procuratevi una videocamera abbastanza potente e fate la verifica!