Archive for marzo 17th, 2016

17 marzo 2016

“Banche a rischio sopravvivenza, correntisti in fuga”

10 marzo 2016, di Daniele Chicca

NEW YORK (WSI) – Che le banche italiane siano in crisi non è un segreto, ma i toni forti usati da alcuni media tedeschi fanno pensare più a una situazione simile a quella della Grecia o di Cipro nel 2013, piuttosto che in quella di un sistema sicuramente pieno di problemi, primo fra tutti l’ammontare di sofferenze bancarie in portafoglio così come l’intreccio pericoloso tra debito privato e pubblico.
Il quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung, vicino alla Cancelliera tedesca, parla di crediti marci massicci, che minaccia la sopravvivenza dell’intero settore, e di un contesto di sfiducia dei clienti che ha messo in fuga i correntisti, una crisi esacerbata dal crac delle quattro banche regionali, salvate con il piano di bail-in a fine 2015. […] ( http://www.wallstreetitalia.com/ )

Gli americani ci stanno facendo fallire dando la colpa ai tedeschi. Vogliono forzarte la Germania ad accollarsi pure i debiti italiani per salvare la moneta unica e il progetto di super-stato europeo americanizzato (senza la Gran Bretagna). Nel dopoguerra, la Germania Ovest fu costretta ad accogliere e rieducare 2 milioni di turchi che adesso la Casa Bianca vorrebbe costringere la UE a prendersi tutti con l’intero loro stato.
Ho sentito esponenti comunisti affermare: “l’euro ha salvato il potere d’acquisto dei lavoratori europei“. Il comunismo è una invenzione dei poteri occulti per manipolare le masse. Negli anni ’70, in funzione anticristiana, cavalcarono l’emancipazione femminile per fare passare aborto, divorzio e contraccezione come status. Oggi, egualmente in funzione anticristiana servono le moschee, il burqa  e la poligamia. E i banchieri ovviamente, i quali intendono farci competere con la Cina. Questo ci dice quanto il “pensiero unico” del NWO sia penetrato capillarmente nel dogma politico.

c9e50-guerra2bsold

Annunci
17 marzo 2016

Donald Trump: altra esistenza inscenata

Donald Trump avrebbe subito un attentato a Dayton, Ohio, lo scorso sabato durante una tappa della campagna per le presidenziali americane di quest’anno. Non solo il presunto attentatore non è uno studente incavolato, come riferito da tutti i media, ma Thomas Dimassimo è un attore e scrittore hanno detto di 22 anni. Si è trattato di una messa in scena organizzata forse dallo stesso Trump assoldando un giovane attore semisconosciuto. C’è chi sostiene stiano inscenando un attentato a Trump, un falso assassinio che dovrebbe servire ad annullare le elezioni di novembre in modo tale da mantenere in sella Obama. In questi mesi, molti stanno scavando nella esistenza del candidato repubblicano rintracciando molte anomalie. Probabilmente, anche egli è un personaggio artificialmente elaborato dai poteri occulti, la cui biografia e attività sono interamente fasulle come lo sono quelle di Obama e della Clinton. Dimassimo qui porta il capello corto e la barba. Tra qualche anno lo riutilizzeranno con un altro nome, i capelli lunghi e sbarbato.

17 marzo 2016

Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity

https://lh3.googleusercontent.com/proxy/Ri-RNbY00uQ8jcHg6i33QrwZOxUH4ShSCrBqepPQAS_ljh72A-PpUm1SZAUjmF3JAmxEcsxPVILmit5ZcgMqeAak7nsDQA2r8KMiUxd83SrIEfHJFy7BxJ0lstKbAe8XAAimULE8eFWN=w506-h398

erzo drive consecutivo in 3 giorni, stavolta verso Ovest, nella “Stimson unit”, addentrandosi nell’altopiano Naukluft. Più sotto, sono stati aggiornati sia i grafici storici che la mappa.
Gli aggiornamenti qui sopra (ultimi 2 mesi) sono quasi quotidiani e le fonti principali delle informazioni sono http://curiosityrover.com/ e http://astrogeology.usgs.gov/news.
The plots above, showing last 2 months progress, are updated (almost) daily. Main data sources are http://curiosityrover.com/ and http://astrogeology.usgs.gov/news
Qui sotto, invece, i grafici integrali a partire dall’inizio della missione (compreso il numero di immagini trasmesse dal rover); nelle targhette sono indicati anche i nomi dei principali siti di indagine. Naturalmente, questi grafici sono aggiornati meno spesso (tipicamente 2-3 volte ogni mese). Ultimo aggiornamento: 16 Marzo.
Herebelow, integral plots from the beginning of the mission, including picture statistics; main waypoints names are indicated as labels. Last update on Sol 1283.

MSL 1603o3

MSL 1603e3
Drive-map ufficiale, aggiornata al Sol 1281:

MSL TraverseMap Sol1281 br2Image Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona ( http://aliveuniverse.today/ )

17 marzo 2016

Riflessioni sui minimi sistemi

 

L’argomento ‘Terra Piatta’ è oggi un tema molto ‘caldo’ su cui convergono tensioni notevoli e spesso spropositate. Da un punto di vista generale, la messa in dubbio di teorie consolidate non fa altro che riaccendere la curiosità su temi esistenziali sorprendentemente trascurati, esercizio senz’altro utile e foriero di interessanti spunti di riflessione. Non bisogna però confondere la decostruzione di teorie ufficiali con la produzione di ipotesi alternative per quanto siano seducenti, verosimili o ben argomentate. Un esempio: sappiamo bene tutti come i fatti dell’11 Settembre non sono andati come la versione ufficiale vuol farci credere. Su come sia andata veramente si sono susseguite le ipotesi più disparate, dalle demolizioni controllate con l’uso di minibombe atomiche all’intervento alieno, sino all’utilizzo di tecniche olografiche od ipnotiche di massa. Ogni ipotesi in questo caso, venendo a cadere quella ufficiale, è degna di nota perché un ricercatore non può scartare nessuna ricostruzione a priori.
Sulla reale consistenza dello spazio, abbiamo oggi una sola immagine accettata: quella fornitaci dalla Nasa e dalle altre agenzie spaziali di alcuni paesi dominanti. Ebbene, la Nasa ha prodotto negli ultimi decenni una mole consistente di materiale fotografico assolutamente inverosimile, incoerente, palese frutto di editing e fotoritocco. Come possiamo fidarci di questa agenzia? Chi ha mentito una volta può farlo ancora …

E’ lecito quindi ed anche doveroso domandarsi quale sia la struttura di ciò che ci sovrasta, senza partire da dogmi scientisti o parareligiosi. In questi settori, da sempre, vige un controllo ferreo delle autorità di controllo. L’astronomia è stata per secoli appannaggio esclusivo della Chiesa di Roma e gli ‘eretici’ dissonanti hanno rischiato la vita pur di diffondere la propria testimonianza in buona fede. Con la creazione di nuove strutture in grado di produrre ed in seguito monitorare le teorie ‘scientifiche’ accettate, all’inquisizione religiosa si è andata sostituendo la censura scientista, ancor più subdola e perniciosa della prima.

La disinformazione scientista dilaga con la presunzione truffaldina di stare dalla parte giusta, che è quella dell’ignoranza perché il vero scienziato sa bene di conoscere solo il funzionamento del 10% circa della materia che compone l’universo mentre del restante 90% non può far altro che fornire ipotesi.
Come sia quindi la forma della Terra o dell’Universo tutto non possiamo saperlo e forse non lo sapremo mai perché poi alla conoscenza esteriore è legata la coscienza umana che si impone per sua stessa natura limiti cognitivi forse insormontabili. Ciò premesso, lasciar correre il pensiero ed applicarsi alla libera ricerca con gli strumenti che si prediligono è, oltre che un piacere mentale, un’esigenza primaria, un dovere esistenziale.
Sopra ogni argomento scomodo al regime accorrono ovviamente i lestofanti della disinformazione sempre più agguerriti, numerosi e scaltri. Tali figuri spesso dileggiano o attaccano solo per confondere le idee e mettere in difficoltà il libero pensatore. Quest’ultimo per restare libero deve agire d’astuzia, soprattutto verso se stesso e la sua propria autocensura.
La verità infatti va colta nell’aria mentre si impone al tempo stesso lieve e perentoria con una sua forza imponderabile. Dove sono i limiti di questa forza? Proprio dentro noi stessi, in quei meccanismi autocensori che ci siamo costruiti e che il sistema di controllo ha contribuito a rafforzare.

Oggi però sappiamo che Yahweh è stato un alieno predatore carnivoro e bizzoso, che esistono schiere di esseri sovrumani voraci e mendaci, che gli stati sono il nostro peggiore nemico, che è in atto un programma di snaturamento dell’ambiente e dell’umanità … sappiamo riconoscere buona parte delle menzogne propinateci dai sistemi di controllo ed abbiamo imparato al contempo a non fidarci di nulla e di nessuno.
Da tutto ciò però è emersa una luce incorrotta che ha a che fare con la fantasia creativa, con una libertà impalpabile ma soave; è questa sottile libertà che va difesa perché è il nostro bene più colpito in questi tempi ultimi. L’inganno cerca di contenere ed incanalare le poche energie positive rimaste ma si dimostra in fondo miope ed inconsistente perché è la libertà di pensiero la qualità umana che fa più paura, anche agli uomini stessi.

L’incoerenza, la superficialità, l’ingenuità, l’eccesso di fantasia … sono tutti i rischi che si corrono, sono i corollari ineludibili di un vagolare ondivago. Non vedo però altra soluzione per mantenere un qual barlume di lucidità, rischiando anche il ridicolo, il dileggio o il rischio di finire irretiti in un programma mentale di controllo più grande di tutti noi e per questo comunque ineffabile ed invisibile.
Dov’è quindi la verità? E se stessimo tutti giocando un ruolo farsesco scambiandolo per serio e reale? Siamo forse i manipolati che credono di sapere tutto sui manipolatori? E’ difficile fare il punto, le certezze sono cadute da tempo, gli appigli vacillano ed il piano inclinato su cui ‘pattiniamo’ si inclina, purtroppo, sempre più. ( http://offskies.blogspot.it/ )