Inps: è allarme conti, a rischio le pensioni di reversibilità ?

Inps: è allarme conti, a rischio le pensioni di reversibilità ?
Ecco il provvedimento che potrebbe apportare tagli alla pensione di reversibilità Inps, che ha gettato nel panico gli italiani.

Dopo l’allarme lanciato da Ivan Pedretti, il leader sindacale dei pensionati per la Cgil, adesso si teme che il governo possa fare cassa riducendo la quantità di persone che potranno beneficiare in futuro della pensione di reversibilità Inps. Infatti, fra i decreti depositati presso la commissione lavoro della Camera, relativi alla delega legislativa sulla povertà, è emersa la presenza di un decreto che apporterebbe tagli all’assegno che l’Inps riconosce agli eredi degli assicurati che hanno versato i contributi.
In futuro si guarderà all’Isee, per garantire il beneficio della pensione di reversibilità, poichè lo stesso assegno rientrerà nell’ambito delle prestazioni assistenziali. Sarà, dunque, il misuratore di ricchezza a valutare se spetterà o meno l’assegno pensionistico alle vedove dei contribuenti deceduti. In pratica, se la vedova del defunto avrà ricevuto in eredità cospicue somme di denaro o immobili, potranno essere escluse dal beneficio della pensione di reversibilità, e questo criterio escluderà una grande quantità di persone dal percepimento dell’indennità.
Le dure prese di posizione di Zanetti e Speranza
Questo provvedimento ha creato vari dissapori anche in seno all’esecutivo. Critico è stato il commento del viceministro dell’Economia, Zanetti, che ha aspramente criticato il fatto di collegare all’Isee la pensione di reversibilità. Zanetti, nel corso di una intervista, ha precisato che è profondamente sbagliato qualificare la reversibilità come elemento assistenziale, essendo chiaramente di natura previdenziale.
Critico anche il commento di uno dei leader della minoranza dem, Roberto Speranza, che ha affidato ad un post pubblicato su facebook, la dura reprimenda sull’iniziativa intrapresa dal governo. Speranza ritiene assurdo che il previsto taglio alle pensioni di reversibilità venga inserito paradossalmente nell’ambito di provvedimenti stabiliti per abbattere la povertà nel nostro Paese. Speranza ritiene prioritario, scrive nel post, finanziare la povertà attraverso l’abbattimento dell’evasione fiscale. ( http://it.blastingnews.com/)

È tutto finto, loro hanno già deciso di tagliare le pensioni agli italiani, che onestamente hanno versato contributi per una vita, onde finanziare il reddito di cittadinanza fino a un milione di immigrati clandestini e regolarizzati solo per fare avere loro soldi senza lavorare.
Fin dal principio, l’operazione “antipolitica” col famoso libro “La Casta” di Rizzo&Stella fu finalizzato a ciò. Poi crearono il fenomeno Grillo e la sua campagna contro i “vecchi” per preparare il terreno alla legge Fornero che ha colpito solo ed esclusivamente i poveri. Le pensioni d’oro (vedi Amato e compagnia bella) e i vitalizi dei parlamentari, Renzi, Berlusconi e Grillo non li hanno decurtati di un centesimo.
Rendetevi conto le gli altri cespiti di spesa statali mica li hanno toccati: l’assistenzialismo al Sud, gli stipendi dei dipendenti camera e senato, privilegi dei magistrati, diplomatici e dipendenti Bankitalia, gli F-35, inoltre i soldi alle banche sono rimasti immutati. Anzi, li hanno accresciuti.
L’operazione “antipolitica” tanto sostenuta dagli angloamericani quali The Economist e Wall Street Journal serve solo a togliere soldi agli italiani per darli agli extracomunitari. I quali poi potranno acquistare l’Ipad, mangiare da McDonalds, accedere a Paypal grazie al “wi-fi libero” e fare commercio online tramite Ebay.
A mio avviso, chiunque vi racconti diversamente è un cretino o è in malafede.
Infatti, che senso ha parlare di “lotta alla povertà” quando stanno deliberatamente facendo entrare milioni di nullatenenti dei quali una metà non troverà lavoro e l’altra non avrà “voglia di lavorare” (nel senso che non avranno la mentalità del posto con orari fissi e operazioni ripetitive da svolgere per guadagni irrisori). Nemmeno io ce l’ho tale mentalità.
PS ‘Il governo italiano vuole l’intervento pubblico per le banche in crisi’ Vedete che questi bastardi stanno al servizio dei banchieri. ‘Il Cav lancia il modello Milano: “Nel Sud Italia insieme a Ncd”‘ Vedete che Alfano è una quinta colonna di Berlusconi per salvare l’euro e l’Italia, a spese degli italiani però. A Roma, come vi anticipai, cercano di fare vincere Grillo in funzione anticristiana. A Milano Parisi che è la fotocopia di Renzi. Tutto per salvare il progetto di super-stato europeo.
ADDENDUM  Una riflessione: penso alle bugie dei sindacati e dei giornali sul fabbisogno di immigrati per pagare le pensioni ai nostri anziani. Intendevano fare esattamente l’opposto.

Previsti tagli alla pensione di reversibilità Inps