I patetici “crisis actor” dell’attentato farsa di Bruxelles

Ci sarebbe da sganasciarsi dal ridere, se non fosse per la vastità della menzogna cui ci troviamo di fronte.
L’aspirante membro della Hall of fame of stupidity, Mason Wells, bardato come un malato dei film di Ridolini, rilascia la sua incredibile testimonianza. Nel senso che proprio non è credibile. Si capisce lontano un km, anzi un miglio, che sta recitando, e pure male. Poi c’è la tipa che cerca il fidanzato disperso nell’attentato ma non disperatamente visto il sorrisetto sulle labbra come se, in fondo, non gliene fregasse niente. Come si riferisse a uno che non ha mai incontrato. Le giornaliste tengono un tono contrito più serio di questi commedianti da strapazzo.

Articoli di approfondimento: Per chi avesse dubbi sulla falsità degli “attentati islamici”Previsione sull’attentato “islamico” in Italia