Perugia, patrocinio del Comune a un convegno sulla bufala delle scie chimiche

L’incontro organizzato da Amato John De Paulis si terrà il 23 aprile alla sala dei Notari di D.B.

Convegno scie chimiche

Una delle peggiori bufale in circolazione ormai da anni, ovvero l’avvelenamento del genere umano attraverso le cosiddette scie chimiche, sarà oggetto di un convegno che si terrà il 23 aprile a Perugia dalle 9 alle 19 alla Sala dei Notari. Fin qui nulla di (troppo) male se non fosse che il Comune di Perugia ha dato il suo patrocinio che appare nel manifesto con cui si pubblicizza l’incontro. Oltre al simbolo del Comune compare anche quello di Capitale italiana dei giovani 2016. A dare vita all’appuntamento «Chemtrails, geoingegneria e manipolazione climatica», è Alternativa riformista, la lista elettorale guidata da Amato John De Paulis, candidato nel 2009 a sindaco di Perugia e nel 2015 a presidente della Regione.
L’incontro Ospiti sono Giorgio Pattera (biologo), Domenico Azzone (ex maresciallo dell’Aeronautica), Franco Trinca (biologo), l’associazione Riprendiamoci il pianeta, Gabriele Chiurli (Democrazia diretta), la docente Marinella Giulietti e Pietro Nicoletti, presentato come «ricercatore indipendente». Moderatore sarà lo stesso De Paulis, che aveva inserito anche la lotta contro le scie chimiche nel suo programma elettorale. «In occasione della marcia globale contro le scie chimiche in programma per il 23 aprile 2016 – scrivono gli organizzatori – abbiamo deciso di organizzare un convegno con relatori locali, nazionali ed europei per portare all’attenzione del pubblico questi fatti gravi presenti anche nella nostra città, nella nostra regione».
Analisi «Il nostro intento – continuano – non è di convincere l’opinione pubblica ma di presentare analisi chimiche, documentazioni fotografiche e interventi di esperti per aprire una discussione di natura scientifica in merito. Poi ognuno è libero di trarre le proprio conclusioni. Il sindaco Romizi ha già dato la propria condivisione anche con il patrocinio del Comune di Perugia». Attraverso le scie chimiche, che secondo i complottisti non sono banalmente il frutto della condensazione dei gas di scarico, gli aerei spargerebbero sostanze chimiche velenose nell’aria. A seconda della versione, spargerebbero virus oppure bario, microparticelle o altro ancora. Una bufala ormai smentita decine di volte in modo scientificamente argomentato ma nonostante ciò rilanciata continuamente sui social network, nelle tv e attraverso decine di siti. ( http://www.umbria24.it/ )

I politici vengono manovrati. Invece di organizzare un convegno sulla sistematica distruzione in corso dell’Italia e dell’Europa, la massoneria umbra organizza eventi per tentare di negare l’innegabile. Personalmente, nutro il sospetto crescente che le scie chimiche siano comprese nella beffa del riscaldamento globale. Esse, infatti, sono troppo evidenti, sembrano fatte apposta per distrarre l’attenzione da qualcos’altro. Ma da cosa?