Previsione sull’attentato “islamico” in Italia

Rifacendoci al poste precedente, che possiamo ipotizzare su un eventuale attentato da noi?
L’Italia ha due capitali, una politica e una economica. In USA, l’11 settembre 2001, le bombe colpirono entrambe, Nuova York e Washington.
Questi terroristi sono politicamente corretti, quindi la mia profezia è che centreranno contemporaneamente Milano e Roma.
Le bombe esploderanno in zone centralissime, stazioni della metropolitana e ferroviarie.
Mi fecero insospettire gli strani incendi a Fiumicino e Roma Tiburtina. Forse esercitazioni per valutare la reazione del pubblico.
A Milano colpiranno le fermate della metro in Zona 1 e, a naso, tra Montenapoleone e Centrale FS.
Difficile colpiscano le “teste coronate”, pertanto credo che zona Quirinale nell’Urbe e palazzo Marino e sedi regione Lombardia siano abbastanza al sicuro. Invece, penso che luoghi pubblici in prossimità di camera e senato siano a rischio in quanto possibile bersaglio come monito ai parlamentari.
A Roma, come di predico da mesi, hanno intenzione di insediare un grillino al Campidoglio, in funzione filo-islamica e anticristiana. Per questo, Berlusconi ha imposto un impresentabile come Bertolaso. Per perdere.
A Milano intendono fare eleggere il romano, ex CGIL e pupillo di Giuliano Amato, Stefano Parisi (da me definito “la controfigura di Renzi”) anche egli probabilmente massone e agente degli Stati Uniti nonché delle multinazionali. E lo è anche Roberto Maroni.
Costoro devono assecondare e gestire i “sanguinosi eventi”. Quindi, aspetteranno i nuovi sindaci prima di agire. Questa è la mia previsione. I tempo possono venire accorciati da una eventuale escalation a livello planetario della terza guerra mondiale.
Rammentate bene che, sebbene questi eventi siano inscenati, alcune vittime casuali sono vere, quindi state attenti!

https://i1.wp.com/www.milanolife.it/wp-content/uploads/2014/05/zona-1-milano.png