Roma attaccata ieri con scie chimiche

Quando la Capitale di un paese è sotto attacco, il paese tutto dovrebbe reagire a sua difesa. In Italia invece nessuno si muove, com’è mai?
Ieri il cielo non solo era opalescente ma, verso il tardo pomeriggio, di un colore grigio/violetto deprimente e preoccupante. L’aratura inversa delle scie chimiche ha imperversato in modo parossistico sin dalle primissime ore del mattino. La cittadinanza era in altre comprensibili faccende affaccendate, mi chiedo cosa stessero facendo i signori della Difesa, della Ricerca scientifica, del Monitoraggio ambientale, della Tutela del territorio e della Salute pubblica. Silenzio. Senza ombra di dubbio, colpevole.
( http://offskies.blogspot.it/ )